Riepilogo dei potenziali fattori e meccanismi che collegano il consumo di alimenti ultra-processati con esiti cardiometabolici avversi. Credito: The Solver 2023
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

È ora di informare il pubblico sugli effetti negativi degli alimenti ultra-processati, dicono i ricercatori

Riepilogo dei potenziali fattori e meccanismi che collegano il consumo di alimenti ultra-processati con esiti cardiometabolici avversi. Credito: The Solver 2023

Un team guidato da ricercatori dell’Université Sorbonne Paris Nord e dell’Université Paris Cité, Francia, ha riassunto a che punto siamo nella nostra comprensione degli effetti avversi sulla salute legati agli alimenti ultra-processati con alcuni suggerimenti su come andare avanti con queste informazioni.

Nel loro articolo “Alimenti ultra-processati e salute cardiometabolica : le politiche sanitarie pubbliche per ridurre i consumi non possono attendere”, pubblicato su BMJ , gli autori sottolineano che, sebbene esistano prove convincenti che gli alimenti trasformati comportano rischi avversi per la salute, gli sforzi per ridurre, modificare o eliminare queste formulazioni alimentari non dispongono di un supporto sufficiente.

Prove crescenti collegano il consumo di alimenti ultra-processati a vari problemi di salute, come profili lipoproteici alterati, obesità, diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari.

Sebbene molti studi abbiano collegato gli effetti della dieta sulla salute, i ricercatori notano che spesso ciò avviene da una prospettiva basata sui nutrienti. Questa prospettiva si concentra su grassi totali, grassi saturi, colesterolo alimentare, calorie, zucchero, sale, fibre alimentari, vitamine e minerali.

Il problema con questo approccio è che non affronta né differenzia l’intensità della lavorazione delle formulazioni alimentari, eliminando sostanzialmente un noto rischio per la salute dalla raccolta dei dati.

In un esempio fornito nell’articolo, la composizione nutrizionale di una varietà di zuppe di verdure può essere considerata la stessa in uno studio nutrizionale, indipendentemente dal fatto che fossero fatte in casa o inscatolate industrialmente o disidratate e lavorate per contenere additivi alimentari e aromi con sostanze industriali. solitamente non si trova nelle cucine domestiche.

Per i medici e i consumatori, la zuppa di verdure in uno studio è una zuppa di verdure e la distinzione tra scelte dietetiche sane e cibo spazzatura mascherato da salutare non è facilmente determinata.

Più di 70 studi epidemiologici prospettici a lungo termine citati nel documento hanno costantemente collegato il consumo di alimenti ultra-processati con aumento di peso e aumento del rischio di varie malattie, in particolare condizioni cardiometaboliche.

È stato inoltre suggerito che questi alimenti soddisfino i criteri per essere etichettati come sostanze che creano dipendenza utilizzando gli stessi standard stabiliti per i prodotti del tabacco. Un’etichetta di avvertenza sulla zuppa di verdure potrebbe aiutare i consumatori a fare le scelte giuste per le loro esigenze dietetiche.

 

Gli autori raccomandano che per affrontare il problema sia necessaria una combinazione di politiche e regolamenti governativi volti a promuovere la produzione e la disponibilità di alimenti minimamente trasformati, limitazioni alla commercializzazione degli alimenti ultra-processati e educazione dei consumatori sugli effetti avversi degli alimenti ultra-processati. problema.

Sottolineano che la ricerca, in particolare la ricerca finanziata con fondi pubblici e indipendente dall’industria alimentare, è necessaria per identificare processi e sostanze specifici che contribuiscono agli effetti negativi.

È già nota la presenza di alcune tossine candidate, come furani, ammine eterocicliche, idrocarburi policiclici aromatici , acroleina, prodotti finali della glicazione avanzata, acidi grassi trans industriali e acrilammide.

Gli alimenti ultra-processati tendono anche ad avere una durata di conservazione più lunga, il che è positivo per la riduzione degli sprechi alimentari. Tuttavia, ciò potrebbe comportare la lisciviazione di contaminanti come ftalati, bisfenoli, oli minerali e microplastiche dall’imballaggio o dal rivestimento interno delle lattine. Gli studi hanno suggerito che questi contaminanti da soli potrebbero avere proprietà cancerogene, con aumento del rischio di malattie cardiovascolari, obesità, resistenza all’insulina e diabete di tipo 2.

Anche i numerosi additivi alimentari presenti negli alimenti ultraprocessati possono avere effetti dannosi. Diversi studi su modelli animali e umani citati nel documento hanno suggerito effetti dannosi sulla salute per alcuni dei circa 330 additivi attualmente approvati per l’uso in Europa. Sono state associate osservazioni di infiammazione, danno al DNA e attivazione della disbiosi del microbioma intestinale.

La disbiosi del microbioma è un’interruzione dell’ecosistema del microbiota intestinale caratterizzata da una perdita di microbiota benefico o da una crescita eccessiva di microbiota dannoso. Ciò può portare a un’infiammazione intestinale e a una barriera intestinale compromessa, consentendo interazioni indesiderate tra i costituenti dell’intestino e il sistema immunitario.

Gli autori suggeriscono che è giunto il momento di informare i consumatori sugli effetti negativi degli alimenti ultra-processati. Esortano i governi a intraprendere azioni ambiziose e decisive, con un’immediata sensibilizzazione della salute pubblica per aiutare i cittadini a identificare gli alimenti ultra-processati e a limitare la loro esposizione. Nella frase finale del documento gli autori affermano direttamente l’urgenza dell’azione: “È in gioco la salute di tutti”.

More information: Mathilde Touvier et al, Ultra-processed foods and cardiometabolic health: public health policies to reduce consumption cannot wait, BMJ (2023). DOI: 10.1136/bmj-2023-075294