Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

I dati supportano la vaccinazione precoce contro il COVID-19 per i lavoratori essenziali

Casi, decessi, ricoveri e casi Long COVID in quattro distinte strategie di vaccinazione. La vaccinazione dei lavoratori essenziali prima delle persone di età superiore ai 70 anni (strategie C e D) riduce casi, decessi, ricoveri e COVID lungo rispetto alla vaccinazione prima delle persone di età superiore a 70 anni (strategie A e B). Credito: Mulberry et al., 2021, CC-BY 4.0 (creativecommons.org/licenses/by/4.0/)

Nelle aree in cui i vaccini COVID-19 sono limitati, vaccinare i lavoratori essenziali prima degli anziani può ridurre infezioni e decessi, secondo uno studio modellistico pubblicato questa settimana sulla nuova rivista ad accesso aperto PLOS Global Public Health di Nicola Mulberry della Simon Fraser University, Canada , e colleghi.

Nelle campagne di vaccinazione contro il COVID-19, molte giurisdizioni utilizzano strategie di implementazione basate sull’età, che riflettono il rischio più elevato di esiti gravi di infezioni negli anziani . Tuttavia, man mano che emergono nuovi dati sull’efficacia dei vaccini COVID-19 approvati nel ridurre l’ infezione e la trasmissione, nonché nel ridurre al minimo gli esiti gravi e il “Covid lungo” , le strategie di lancio del vaccino devono essere rivalutate.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno modellato l’impatto di cinque diverse strategie di vaccinazione su infezioni da COVID-19, esiti cronici, ospedalizzazione e decessi nella Columbia Britannica, in Canada. Per ogni scenario di lancio del vaccino, i tassi di vaccinazione al giorno corrispondevano alle tempistiche previste rilasciate dal British Columbia Center for Disease Control. Gli scenari variavano in base al fatto che i vaccini fossero distribuiti o meno per fascia di età e se ai lavoratori essenziali fosse data o meno la vaccinazione prioritaria. In tutti gli scenari, gli adulti di età pari o superiore a 80 anni sono stati vaccinati prima di qualsiasi altro gruppo.

Il team ha scoperto che, in una serie di scenari per la trasmissione di COVID-19 e l’efficacia del vaccino, la vaccinazione anticipata dei lavoratori essenziali riduce notevolmente le infezioni, i ricoveri, i decessi e i casi di COVID-19 lungo (con sintomi che durano più di 28 giorni). In una regione simulata con una fornitura limitata di vaccini e una popolazione di 5 milioni di abitanti, vaccinare prima i lavoratori essenziali porta a circa 200.000 infezioni in meno, 600 morti in meno e produce un beneficio monetario netto di oltre 500 milioni di dollari. Gli autori concludono che le strategie di vaccinazione che prendono di mira esplicitamente i lavoratori essenziali ad alto contatto possono essere la chiave per ridurre al minimo gli esiti negativi di COVID-19 durante il lancio della vaccinazione.

L’autore Paul Tupper osserva: “La pandemia di COVID-19 ha avuto un impatto sproporzionato sui lavoratori essenziali, che spesso hanno redditi più bassi e non hanno la possibilità di lavorare da casa. I nostri risultati suggeriscono che dare loro la priorità per la vaccinazione non solo aiuterebbe a ridurre questa sostanziale disparità, ma non arriva nemmeno a scapito di maggiori esiti negativi negli altri; anzi, è meglio per tutti”.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter