Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

I sintomi di Long COVID nei bambini possono cambiare nel tempo

Long COVID nei bambini

Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico

Lo studio Children and young people with Long COVID (CLoCk), pubblicato su The Lancet Regional Health—Europe , è il più grande studio al mondo sul Long COVID nei bambini.

I ricercatori hanno chiesto ai bambini di età compresa tra 11 e 17 anni circa la loro salute sei mesi e 12 mesi dopo aver eseguito un test PCR tra settembre 2020 e marzo 2021. Hanno anche chiesto loro di ricordare i loro sintomi al momento del test.

Nessuno dei bambini inizialmente invitati a partecipare allo studio era stato ricoverato in ospedale. In totale i ricercatori hanno esaminato i dati di 5.086 bambini, 2.909 dei quali sono risultati positivi al COVID-19 e 2.177 negativi.

I ricercatori hanno chiesto ai bambini e ai giovani cosa avevano sperimentato da un elenco di 21 sintomi, tra cui mancanza di respiro e stanchezza, oltre a utilizzare scale convalidate per valutare la qualità della vita, la salute mentale , il benessere e la fatica.

Il team ha scoperto che, al momento del test, i problemi di salute erano più comuni nei bambini e nei giovani che erano risultati positivi al virus rispetto a quelli che erano risultati negativi, così come sei mesi e 12 mesi dopo il test PCR. Ad esempio, tra i positivi al test, il 10,9% ha riportato affaticamento in tutti e tre i punti temporali, mentre tra i negativi al test solo l’1,2% ha riportato affaticamento in tutti e tre i punti temporali.

Hanno anche notato che i sintomi sperimentati sono cambiati nel corso di un anno. E mentre alcuni dei sintomi originali dei bambini sono diminuiti, sono stati segnalati nuovi sintomi.

Questo è stato anche il caso in cui i ricercatori hanno esaminato le scale che misurano la scarsa qualità della vita, le difficoltà emotive e comportamentali, lo scarso benessere e la stanchezza.

Di conseguenza, i ricercatori hanno scoperto che i sintomi del Long COVID vissuti da bambini e giovani cambiano nel tempo e che i medici dovrebbero esserne consapevoli.

L’autore corrispondente, il dott. Snehal Pinto Pereira (UCL Surgery & Interventional Science) ha dichiarato: “La nostra ricerca va oltre gli studi esistenti e indica che i ricercatori devono tracciare le traiettorie individuali utilizzando misurazioni ripetute sugli stessi bambini e giovani nel tempo.

“La semplice segnalazione di prevalenze trasversali ripetute – o istantanee – di sintomi nel tempo può oscurare informazioni importanti sul COVID lungo nei giovani che hanno rilevanza clinica”.

Lo studio CLoCK è uno dei quattro principali studi finanziati da NIHR e UKRI per aiutare a migliorare la comprensione delle cause, dei sintomi e del trattamento degli effetti a lungo termine di COVID-19 nelle persone che non si sono ammalate abbastanza da essere ricoverate in ospedale.

Il team, guidato dal professor Sir Terence Stephenson (UCL Great Ormond Street Institute of Child Health), ha ricevuto 1,36 milioni di sterline per lo studio che ha esaminato il COVID lungo nei ragazzi di età compresa tra 11 e 17 anni.

Lo studio fondamentale continuerà ad analizzare i risultati del sondaggio dei partecipanti fino a due anni dopo il test PCR iniziale.

Lo studio prevede la collaborazione con ricercatori delle università di Edimburgo, Bristol, Oxford, Cambridge, Liverpool, Leicester, Manchester, King’s College London, Imperial College London, UK Health Security Agency, Great Ormond Street Hospital e University College London Hospitals (UCLH ).

Limiti dello studio

I sintomi riportati dai partecipanti al momento del test sono soggetti a bias di richiamo in quanto sono stati riportati al momento del primo contatto con lo studio CloCk (a tre mesi o sei mesi dopo il test). Tuttavia, i sintomi di sei mesi e 12 mesi sono stati segnalati nel momento in cui sono stati sperimentati.

I test PCR originali sono stati eseguiti prima che le varianti Delta e Omicron diventassero dominanti, quindi i risultati potrebbero non riflettere gli effetti a lungo termine di queste varianti.

Bambini e giovani hanno auto-riferito i loro sintomi. In alcuni casi, ad esempio per valutare la mancanza di respiro, potrebbe essere stato meglio condurre colloqui medici di persona. Tuttavia questo non era fattibile o pratico durante il periodo di studio.

I ricercatori hanno rimosso dall’analisi i dati dei bambini risultati positivi (tramite PCR o test a flusso laterale) dopo il test PCR iniziale, per garantire che quelli nel gruppo negativo al test non avessero avuto COVID-19 durante il periodo di studio, sebbene non possano escludere la possibilità che alcuni bambini in entrambi i gruppi possano essere stati successivamente infettati senza essere rilevati.