Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Il cambiamento climatico porterà tempeste più intense in tutta Europa

Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico

Il cambiamento climatico sta guidando un forte aumento delle tempeste intense e lente, secondo un nuovo studio della Newcastle University e del Met Office.

Indagando su come il clima influenza i temporali intensi in tutta Europa, gli esperti climatici hanno dimostrato che ci sarà un significativo aumento futuro del verificarsi di temporali intensi e lenti. Gli scienziati stimano che queste tempeste lente potrebbero essere 14 volte più frequenti sulla terraferma entro la fine del secolo. Sono queste tempeste lente che hanno il potenziale per accumuli di precipitazioni molto elevati, con impatti devastanti, come abbiamo visto in Germania e Belgio.

Guidati dal dottor Abdullah Kahraman, della School of Engineering dell’Università di Newcastle, i ricercatori hanno utilizzato simulazioni di modelli climatici molto dettagliati presso il Met Office Hadley Centre del Regno Unito. Hanno scoperto che il movimento più lento delle tempeste agisce per aumentare la quantità di pioggia che si accumula localmente, aumentando il rischio di inondazioni improvvise in tutta Europa oltre quanto previsto in base a studi precedenti.

Pubblicati sulla rivista Geophysical Research Letters , i risultati dello studio mostrano che le tempeste che producono piogge intense possono muoversi più lentamente con i cambiamenti climatici, aumentando la durata dell’esposizione a questi estremi.

Il dottor Abdullah Kahraman, che è anche uno scienziato in visita presso il Met Office, ha dichiarato: “Con i recenti progressi nella potenza dei supercomputer, ora disponiamo di simulazioni climatiche paneuropee che risolvono l’atmosfera in modo molto dettagliato, come fanno i modelli di previsione meteorologica a corto raggio. i modelli hanno una spaziatura della griglia di circa 2 km, che consente loro di simulare molto meglio i sistemi di tempesta , con conseguente migliore rappresentazione degli estremi.

“Utilizzando queste simulazioni climatiche all’avanguardia, abbiamo sviluppato metriche per estrarre potenziali casi di precipitazioni intense e un sottoinsieme più piccolo e quasi stazionario di questi casi con il potenziale di elevati accumuli di precipitazioni. Queste metriche forniscono una visione olistica del problema e ci aiutano a capire quali fattori dell’atmosfera contribuiscono ai forti cambiamenti delle precipitazioni.

“Questo è uno dei primi studi ad esplorare i cambiamenti nella velocità di tali sistemi di precipitazioni intense, un aspetto importante che contribuisce al rischio di inondazioni. Attualmente, stiamo studiando anche altri tipi di condizioni meteorologiche estreme esaminando i dati delle simulazioni climatiche con la prospettiva di un meteorologo grave. .”

Il professor Hayley Fowler, della School of Engineering dell’Università di Newcastle, ha aggiunto: “I governi di tutto il mondo sono stati troppo lenti nel ridurre le emissioni di gas serra e il riscaldamento globale continua a ritmo sostenuto. Questo studio suggerisce che i cambiamenti alle tempeste estreme saranno significativi e causeranno un aumento della frequenza di inondazioni devastanti in tutta Europa. Questo, insieme alle attuali inondazioni in Europa, è il campanello d’allarme di cui abbiamo bisogno per produrre sistemi di allerta e gestione delle emergenze migliorati, oltre a implementare fattori di sicurezza contro i cambiamenti climatici nei nostri progetti di infrastrutture per renderli più robusti a questi gravi eventi meteorologici.”

La professoressa Lizzie Kendon, Science Fellow al Met Office e professore all’Università di Bristol, ha dichiarato: “Questo studio mostra che oltre all’intensificazione delle precipitazioni con il riscaldamento globale, possiamo anche aspettarci un grande aumento delle tempeste lente che hanno il potenziale per gli accumuli di precipitazioni elevate.Questo è molto rilevante per le recenti inondazioni osservate in Germania e Belgio, che evidenziano gli impatti devastanti delle tempeste a lento movimento.

“La nostra scoperta che i temporali intensi e lenti potrebbero essere 14 volte più frequenti entro la fine del secolo nello scenario RCP8.5 ad alte emissioni, mostra i gravi impatti che possiamo aspettarci in tutta Europa se non riduciamo le nostre emissioni di gas serra .”

I risultati dello studio sono rilevanti per la mitigazione del clima e la politica di adattamento in Europa, con implicazioni specifiche per i futuri impatti delle inondazioni, la progettazione di sistemi infrastrutturali e la gestione delle risorse idriche.

Attualmente, i temporali intensi quasi stazionari sono rari in Europa e si verificano raramente su parti del Mar Mediterraneo. Previsioni accurate dei futuri cambiamenti negli eventi di precipitazioni intense sono fondamentali per mettere in atto piani efficaci di adattamento e mitigazione per limitare gli impatti negativi dei cambiamenti climatici .

Qui potete scaricare lo studio:

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter