Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Il Corvo.

 

 

 

 

 

 

Il corvo al ministero, il corvo al Vaticano, il corvo, il corvo.

 

 

“Al corvo, al corvo !” Esclamano tutti. Già. Perché il corvo è l’uccello (sic) del malaugurio.

Malaugurio per chi ? Per i quattro ladri che hanno rubato come quattro milioni ? Mi sembra il vocio attorno ai 50 con casco delle manifestazioni di ieri dimenticando i 50 mila senza casco che manifestavano pacificamente gridando le giuste ragioni della protesta. E allora, perché corvo e non uccello del paradiso, uccello dalle piume di cristallo. Quello che illumina e fa luce sulle delinquenziali e criminali faccende di palazzo. Se anche lui coinvolto, ma pentito, perché non araba fenice ? Il corvo dà l’idea comune di brutto, oscuro, osceno. E diffonde un comune pensiero di tradimento, complotto, malefico personaggio che ti guarda con sospetto, ti spia e appena può, boom, ti denuncia. Ma se persegue il bene comune, smaschera i delinquenti, denuncia il malaffare, non può essere chiamato corvo. E’ luce, verbo, speranza. Forse che sono corvi Falcone, Borsellino, Dalla Chiesa e tutti i magistrati, poliziotti, carabinieri che ogni giorno, ogni momento, rischiano la loro vita per stanare il malaffare e la delinquenza ? 10, 100, 1000 di questi corvi, pardon, uccelli del paradiso. Ma se di uccelli dobiamo parlare, è il momento che tutti noi, come HOMA, araba fenice, risorgiamo dalle ceneri in cui ci hanno sepolto politici faccendieri e faccendieri politicanti.

p

(Visited 1 times, 1 visits today)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter
Top 10 Articoli
2.021