Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Inizia l’era delle pillole anti-COVID

Il molnupiravir di Merck agisce diminuendo la capacità di un virus di replicarsi, rallentando così la malattia.

E se una semplice pillola potesse aiutare a guarire dal COVID-19?

I colossi farmaceutici statunitensi Merck e Pfizer hanno annunciato risultati incoraggianti per i farmaci orali, mentre anche un antidepressivo ha mostrato risultati promettenti in quello che potrebbe aprire un nuovo capitolo nella lotta contro la pandemia.

Quali sono questi trattamenti?

Sono pillole da assumere per via orale appena compaiono i primi sintomi del COVID-19, per evitare forme gravi della malattia e dunque il ricovero.

Questa forma di trattamento è stata ricercata sin dall’inizio della crisi sanitaria globale.

Dopo mesi di ricerca, Merck e Pfizer affermano di aver raggiunto questo obiettivo sfuggente.

All’inizio di ottobre, Merck ha detto che stava cercando di ottenere l’autorizzazione negli Stati Uniti per la sua pillola molnupiravir e Pfizer ha seguito l’esempio venerdì con paxlovid.

Sono entrambi antivirali che agiscono riducendo la capacità del virus di replicarsi, rallentando la malattia.

Entrambe le società affermano che gli studi clinici hanno mostrato una forte riduzione del rischio di ospedalizzazione.

Coloro che hanno assunto molnupiravir hanno visto il rischio diminuire del 50 percento e quelli che hanno assunto paxlovid di quasi il 90 percento, sebbene i confronti diretti di questi tassi di efficacia dovrebbero essere evitati a causa dei diversi protocolli di studio.

Un antidepressivo già disponibile al pubblico, la fluvoxamina, ha anche mostrato risultati incoraggianti nella prevenzione di forme gravi di COVID-19, secondo uno studio pubblicato a ottobre da ricercatori brasiliani sulla rivista The Lancet Global Health .

Perché sono importanti?

Se l’efficacia di questi farmaci sarà confermata, sarà un importante passo avanti nella lotta contro il COVID-19.

Si aggiungerebbero ai vaccini per rafforzare l’arsenale terapeutico mondiale contro il virus.

Esistono già trattamenti, per lo più sotto forma di anticorpi sintetici.

Ma questi farmaci, che di solito prendono di mira chi ha già forme gravi della malattia, vengono iniettati e dunque sono più difficili da somministrare.

Una pillola può essere prescritta rapidamente a un paziente che poi la prenderà facilmente a casa.

I trattamenti di Merck e Pfizer, che finora non hanno mostrato molti effetti collaterali, comporterebbe l’assunzione di circa 10 dosi in cinque giorni.

“Il successo di questi antivirali segna potenzialmente una nuova era nella nostra capacità di prevenire le gravi conseguenze dell’infezione da SARS-CoV2”, ha affermato il virologo britannico Stephen Griffin.

Quali limitazioni?

Finora è difficile valutare correttamente i trattamenti di Merck e Pfizer dato che entrambi i gruppi hanno solo pubblicato dichiarazioni e non hanno reso disponibili i dati dei loro studi clinici.

Lo specialista francese in malattie infettive Karine Lacombe ha avvertito a settembre che questi tipi di annunci dovrebbero essere trattati con “cautela” fino a quando gli studi non saranno stati esaminati.

Ha sottolineato che questi trattamenti rappresentano un mercato “potenzialmente enorme” per i gruppi farmaceutici.

Tuttavia, alcuni elementi indicano che Merck e Pfizer non stanno facendo promesse vuote.

Entrambe le aziende hanno interrotto i loro studi clinici prima del previsto poiché i risultati erano così positivamente evidenti e con l’approvazione dei comitati di monitoraggio indipendenti.

Per quanto riguarda la fluvoxamina, i dati sono disponibili, ma non privi di critiche.

Diversi ricercatori hanno lamentato che gli autori non si sono limitati a valutare la frequenza dei ricoveri, ma hanno anche valutato la frequenza dei soggiorni prolungati al pronto soccorso.  Questo, dicono, ha complicato l’interpretazione dei dati.

Quando? E quanto costa?

Il molnupiravir di Merck è già stato approvato nel Regno Unito, dove giovedì le autorità sanitarie hanno dato il via libera al suo uso in pazienti a rischio di sviluppare una forma grave della malattia, come gli anziani, gli obesi o coloro che soffrono di diabete.

Anche le autorità sanitarie degli Stati Uniti e dell’UE stanno esaminando urgentemente il farmaco.

L’Agenzia europea per i medicinali ha promesso giovedì di “accelerare” i procedimenti, senza dare una data precisa.

Diversi paesi hanno già ordinato scorte di molnupiravir, come gli Stati Uniti, con 1,7 milioni di cicli del farmaco.

L’ordine degli Stati Uniti dà un’idea del caro prezzo del farmaco .

Si tratta di $ 1,2 miliardi, che equivalgono a circa $ 700 per un corso di cinque giorni.

Per quanto riguarda Pfizer, sebbene non abbia delineato un prezzo per paxlovid, ha promesso che sarà “conveniente” e soggetto a un approccio tariffario a livelli basato sul livello di reddito dei paesi.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email a info@thesolver.it e saranno immediatamente rimossi.