Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


 

Dai voce alla tua attività ! Contattaci

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

La Guinea dichiara l’epidemia di Ebola, i paesi vicini agiscono

Ebola virus Virion. Credit Wikipedia

15 Febbraio 2021

La Guinea ha ufficialmente dichiarato di avere un’epidemia di Ebola dopo che almeno tre persone sono morte e altre quattro sono state infettate nella nazione dell’Africa occidentale.

Le vicine Sierra Leone e Liberia hanno messo in stato di allerta i loro cittadini mentre le tre nazioni dell’Africa occidentale hanno combattuto l’epidemia di Ebola più mortale del mondo dal 2014 al 2016, iniziata in Guinea e in cui sono morte più di 11.300 persone.

Il presidente della Sierra Leone, Julius Maada Bio, è volato per consultarsi con il presidente guineano Alpha Conde.

La nuova epidemia di Ebola in Guinea si è verificata a N’Zerekore, nella Guinea meridionale, dove i funzionari sanitari hanno rilevato casi sospetti di Ebola con pazienti che presentavano sintomi di diarrea, vomito e sanguinamento. I malati avevano partecipato alla sepoltura di un’infermiera il 1 ° febbraio a Gouake, secondo il ministro della Salute della Guinea Remy Lamah, che ha aggiunto che la prima indagine ha contato sette casi, tutti di persone di età superiore ai 25 anni, comprese le due donne. e un maschio che sono morti.

“Il governo rassicura la popolazione che si stanno prendendo tutte le misure per arginare questa epidemia il più rapidamente possibile. Invita le popolazioni delle zone colpite a rispettare le misure di igiene e prevenzione ea riferire alle autorità sanitarie in presenza di segnali suggestivi”, Lamah ha detto nella dichiarazione del ministero.

L’epidemia è stata dichiarata domenica dopo una riunione di crisi. Tutti i casi sospetti sono stati isolati a N’Zerekore e Conakry, la capitale. Sono iniziate le indagini, è stato aperto un centro di cura e sono state inviate forniture nella regione.

I funerali tradizionali in cui le persone lavano e toccano il corpo del defunto facilitano la diffusione dell’Ebola. Di solito salta all’uomo da animali infetti, come i pipistrelli, e poi si diffonde tra gli esseri umani attraverso il contatto diretto con i fluidi corporei.

Il presidente della Liberia George Weah ha incaricato le autorità sanitarie “di intensificare le attività di prevenzione e sorveglianza epatica del paese” e ha anche ordinato ai funzionari sanitari di “coinvolgere immediatamente le comunità nelle città e nei villaggi al confine con la Guinea e aumentare le misure anti-Ebola”.

La Sierra Leone ha attivato sistemi di risposta alle emergenze e rafforzato la sorveglianza per l’Ebola al confine già chiuso con la Guinea, ha detto.

Anche le organizzazioni umanitarie e mediche internazionali stanno correndo per aiutare a prevenire l’ulteriore diffusione del virus.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che sta lavorando per garantire che i vaccini sviluppati durante l’epidemia dal 2014 al 2016 siano prontamente disponibili il più rapidamente possibile. Il mese scorso l’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che stava creando una scorta di emergenza globale di circa 500.000 dosi del vaccino contro l’Ebola per aiutare a eliminare future epidemie, ma solo 7.000 erano disponibili al momento della dichiarazione. Il vaccino contro l’Ebola che viene immagazzinato è prodotto da Merck.

“Il tempo è essenziale. La ricomparsa del virus in Guinea arriva nel momento peggiore possibile, quando il paese sta già affrontando la pandemia COVID-19”, ha affermato Mohammed Mukhier, Direttore regionale della Federazione internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa per L’Africa ha detto, aggiungendo che c’è speranza con i progressi scientifici. “A meno che la risposta non sia rapida, è probabile che gli impatti sulla salute, economici e sociali siano immensi per milioni di persone in un paese con un sistema sanitario relativamente debole e dove più della metà della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà”.

L’IFRC e la Croce Rossa della Guinea affermano che in Guinea sono state attivate squadre che includono più di 2.500 volontari per fornire tracciamento dei contatti, supporto psicosociale, acqua e servizi igienici.

L’organizzazione medica internazionale Medici Senza Frontiere ha detto che sta inviando anche squadre per combattere l’epidemia.

“Sappiamo dal passato che la velocità di risposta è importante … Sappiamo anche che il coinvolgimento della comunità è vitale, quindi cercheremo di trovare il giusto equilibrio tra la risposta rapida e l’adozione di misure per assicurarci che la comunità sia disposta e partecipante attivo sia nella prevenzione che nella risposta “, ha affermato Frederik van der Schrieck, capo missione dell’organizzazione in Guinea.

L’annuncio della Guinea arriva più di una settimana dopo che il Congo orientale ha confermato di avere quattro casi di Ebola. I focolai nei due paesi non sono collegati.

(Visited 1 times, 1 visits today)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter
Top 10 Articoli
2.076