Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

La Terra ora pesa sei ronnagrammi: votati nuovi prefissi metrici

La massa della Terra può ora essere espressa come sei ronnagrammi dopo che gli scienziati hanno votato per aggiungere nuovi prefissi metrici.

La massa della Terra può ora essere espressa come sei ronnagrammi dopo che gli scienziati hanno votato per aggiungere nuovi prefissi metrici.

Saluta ronnagrammi e quettametri: gli scienziati internazionali riuniti in Francia hanno votato venerdì per nuovi prefissi metrici per esprimere le misurazioni più grandi e più piccole del mondo, sollecitati da una quantità sempre crescente di dati.

È la prima volta in più di tre decenni che nuovi prefissi sono stati aggiunti al Sistema internazionale di unità (SI), lo standard globale concordato per il sistema metrico.

Unendosi ai ranghi di prefissi noti come kilo e milli ci sono ronna e quetta per i numeri più grandi, e ronto e quecto per i più piccoli.

Il cambiamento è stato votato da scienziati e rappresentanti del governo di tutto il mondo che hanno partecipato alla 27a Conferenza generale su pesi e misure, che governa l’IS e si riunisce all’incirca ogni quattro anni al Palazzo di Versailles, a ovest di Parigi.

Il National Physical Laboratory del Regno Unito, che ha guidato la spinta per i nuovi prefissi, ha confermato che la risoluzione era stata approvata in una dichiarazione.

I prefissi facilitano l’espressione di grandi quantità, ad esempio, riferirsi sempre a un chilometro come 1.000 metri oa un millimetro come un millesimo di metro diventerebbe rapidamente ingombrante.

Da quando il SI è stato istituito nel 1960, la necessità scientifica ha portato a un numero crescente di prefissi. L’ultima volta è stata nel 1991, quando i chimici che volevano esprimere grandi quantità molecolari hanno stimolato l’aggiunta di zetta e yotta.

Uno yottametro è un uno seguito da 24 zeri.

Ma anche il potente yotta non è sufficiente per gestire il vorace appetito del mondo per i dati, secondo Richard Brown, capo della metrologia presso il National Physical Laboratory del Regno Unito.

“In termini di espressione dei dati in yottabyte, che è il prefisso più alto attualmente, siamo molto vicini al limite”, ha detto Brown ad AFP.

“In fondo, ha senso avere un’espansione simmetrica, che è utile per la scienza quantistica, la fisica delle particelle , quando si misurano cose davvero, davvero piccole”.

Nuovo peso del mondo

I nuovi prefissi possono semplificare il modo in cui parliamo di alcuni oggetti piuttosto grandi.

“Se pensiamo alla massa, invece che alla distanza, la Terra pesa circa sei ronnagrammi”, che è un sei seguito da 27 zeri, ha detto Brown.

“Giove, sono circa due quettagrammi”, ha aggiunto, due seguito da 30 zeri.

Brown ha affermato di aver avuto l’idea per l’aggiornamento quando ha visto i resoconti dei media che utilizzavano prefissi non autorizzati per l’archiviazione dei dati come brontobyte e hellabyte. Google in particolare utilizza hella per i byte dal 2010.

“Quelli erano termini che erano in circolazione ufficiosamente, quindi era chiaro che l’IS doveva fare qualcosa”, ha detto.

Tuttavia i prefissi metrici devono essere abbreviati solo alla loro prima lettera, e B e H erano già stati presi, escludendo bronto e hella.

“Le uniche lettere che non sono state utilizzate per altre unità o altri simboli erano R e Q”, ha detto Brown.

La convenzione impone che i prefissi più grandi terminino con una A e quelli più piccoli con una O.

E “la parte centrale delle parole è molto, molto vagamente basata sul greco e sul latino per nove e 10”, ha detto Brown.

I nuovi prefissi dovrebbero “provare il futuro del sistema” e soddisfare il bisogno mondiale di numeri più alti, almeno per i prossimi 20-25 anni, ha aggiunto.

  • Se l’articolo vi è piaciuto, aiutateci a sostenere le spese del sito.




 

Lascia un commento