Archivi
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Le eruzioni vulcaniche minori potrebbero “ricadere” in una catastrofe globale. Lo sostengono esperti.

Credit: Pixabay/CC0 Public Domain

Attualmente, gran parte del pensiero sui rischi posti dai vulcani segue una semplice equazione: più grande è la probabile eruzione, peggio sarà per la società e il benessere umano.

Tuttavia, un team di esperti ora sostiene che troppa attenzione è rivolta ai rischi di esplosioni vulcaniche massicce ma rare, mentre viene prestata troppa poca attenzione ai potenziali effetti domino di eruzioni moderate in parti chiave del pianeta.

I ricercatori guidati dal Center for the Study of Existential Risk (CSER) dell’Università di Cambridge hanno identificato sette “punti di difficoltà” in cui gruppi di vulcani relativamente piccoli ma attivi si trovano accanto a infrastrutture vitali che, se paralizzate, potrebbero avere conseguenze globali catastrofiche.

Queste regioni includono gruppi vulcanici di Taiwan, Nord Africa, Nord Atlantico e Stati Uniti nordoccidentali. Il rapporto è pubblicato oggi sulla rivista Nature Communications .

“Anche un’eruzione minore in una delle aree che identifichiamo potrebbe eruttare abbastanza cenere o generare scosse abbastanza grandi da interrompere le reti che sono fondamentali per le catene di approvvigionamento globali e i sistemi finanziari “, ha affermato la dott.ssa Lara Mani del CSER, autrice principale dell’ultimo rapporto. .

“Al momento, i calcoli sono troppo distorti verso esplosioni giganti o scenari da incubo, quando i rischi più probabili derivano da eventi moderati che disabilitano le principali comunicazioni internazionali, le reti commerciali o i nodi di trasporto. Questo è vero per i terremoti e le condizioni meteorologiche estreme, nonché per le eruzioni vulcaniche. .”

Mani e colleghi affermano che eruzioni più piccole classificate fino a 6 nell'”indice di esplosività vulcanica” – piuttosto che i 7 e gli 8 che tendono a occupare il pensiero catastrofista – potrebbero facilmente produrre nuvole di cenere, colate di fango e frane che fanno naufragare i cavi sottomarini, portando al mercato finanziario arresti anomali o devastare i raccolti, causando carenze alimentari che portano a disordini politici.

Come esempio tratto dalla storia recente, il team indica gli eventi del 2010 in Islanda, dove un’eruzione di magnitudo 4 dal vulcano Eyjafjallajökull, vicino al principale “punto di presa” dell’Europa continentale, ha visto pennacchi di cenere trasportati dai venti da nord-ovest vicino allo spazio aereo europeo a un costo di 5 miliardi di dollari per l’economia globale.

Tuttavia, quando nel 1991 scoppiò il Monte Pinatubo nelle Filippine, un’eruzione di magnitudo 6 circa 100 volte più grande dell’evento islandese, la sua distanza dalle infrastrutture vitali significava che il danno economico complessivo era inferiore a un quinto dell’Eyjafjallajökull. (Pinatubo avrebbe un impatto economico globale di circa 740 milioni di dollari se si verificasse nel 2021.)

Le sette aree “pizzicose” identificate dagli esperti, all’interno delle quali eruzioni relativamente piccole potrebbero infliggere il massimo caos globale, includono il gruppo vulcanico sulla punta settentrionale di Taiwan. Sede di uno dei maggiori produttori di chip elettronici, se quest’area, insieme al porto di Taipei, fosse inabili a tempo indeterminato, l’industria tecnologica globale potrebbe fermarsi.

Un altro punto fermo è il Mediterraneo, dove leggende del mondo classico come il Vesuvio e Santorini potrebbero provocare tsunami che distruggono le reti di cavi sommersi e sigillano il Canale di Suez. “Abbiamo visto cosa ha fatto una chiusura di sei giorni al Canale di Suez all’inizio di quest’anno, quando una singola nave portacontainer bloccata costava fino a dieci miliardi di dollari a settimana nel commercio globale”, ha detto Mani.

Le eruzioni nello stato americano di Washington nel nord-ovest del Pacifico potrebbero innescare colate di fango e nuvole di cenere che ricoprono Seattle, chiudendo aeroporti e porti marittimi. La modellazione dello scenario per un’eruzione di magnitudo 6 dal Monte Rainier prevede potenziali perdite economiche di oltre 7 trilioni di dollari USA nei successivi cinque anni.

I centri vulcanici altamente attivi lungo l’arcipelago indonesiano, da Sumatra a Giava centrale, fiancheggiano anche lo Stretto di Malacca: uno dei passaggi di navigazione più trafficati del mondo, con il 40% del commercio globale che attraversa ogni anno la stretta rotta.

Lo Stretto di Luzon nel Mar Cinese Meridionale, un’altra importante rotta di navigazione, è il punto cruciale di tutti i principali cavi sommersi che collegano Cina, Hong Kong, Taiwan, Giappone e Corea del Sud. È anche circondato dall’arco vulcanico di Luzon.

I ricercatori identificano anche la regione vulcanica a cavallo del confine tra Cina e Corea del Nord, da cui pennacchi di cenere interrompono le rotte aeree più trafficate a est e sottolineano che un risveglio dei vulcani islandesi farebbe lo stesso a ovest.

“È tempo di cambiare il modo in cui vediamo il rischio vulcanico estremo”, ha aggiunto Mani. “Dobbiamo allontanarci dal pensare in termini di colossali eruzioni che distruggono il mondo, come ritratte nei film di Hollywood. Gli scenari più probabili coinvolgono eruzioni di magnitudo inferiore che interagiscono con le nostre vulnerabilità sociali e ci proiettano verso la catastrofe”.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter