Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Le scansioni MRI rivelano come il cervello protegge i ricordi

Due parti distinte del cervello umano – la neocorteccia e l’ippocampo (una parte del cervello coinvolta in funzioni cerebrali di ordine superiore) – hanno dimostrato di aiutare a proteggere i nostri ricordi dall’interferenza reciproca.

I ricercatori del Wellcome Center for Integrative Neuroimaging dell’Università di Oxford hanno fatto luce sugli esatti meccanismi neurali che rendono possibile un preciso ricordo.

Il team di ricerca ha affidato ai partecipanti compiti di memoria da eseguire nello scanner MRI. In due giorni i partecipanti hanno imparato due ricordi sovrapposti ma dipendenti dal contesto. I ricercatori hanno quindi misurato l’interferenza tra le due memorie il terzo giorno nello scanner.

I risultati suggeriscono che almeno due diverse regioni del cervello sono coinvolte nella mediazione dell’interferenza della memoria. Innanzitutto, l’ippocampo (una parte del cervello coinvolta nelle funzioni cerebrali di ordine superiore) separa i ricordi sovrapposti usando le informazioni contestuali.

Secondo, a metà della scansione, i ricercatori hanno usato la stimolazione cerebrale per ridurre la concentrazione di GABA neocorticale (un neurotrasmettitore (chimico) nel cervello che riduce l’attività in altri neuroni, regolando la comunicazione tra le cellule cerebrali ). I ricercatori hanno scoperto che l’interferenza della memoria neocorticale è aumentata in proporzione alla riduzione del GABA. Questo dimostra che, oltre all’ippocampo, l’inibizione neocorticale impedisce una co-attivazione indesiderata tra memorie sovrapposte.

La dottoressa Helen Barron, che ha guidato la ricerca, ha dichiarato: “I nostri cervelli hanno l’incredibile capacità di ricordare molti diversi esempi di eventi simili nella nostra vita quotidiana, come i nostri spostamenti al lavoro. Possiamo distinguere tra singoli giorni e ricordare dettagli vitali come dove abbiamo parcheggiato la bicicletta ogni giorno.

“Capire come sistemare i ricordi sovrapposti e in seguito ricordare eventi individuali è vitale per aiutare a sviluppare trattamenti per condizioni come la demenza e la schizofrenia”.

I collaboratori dell’Università di Birmingham stanno ora pianificando di estendere questa ricerca a pazienti con schizofrenia e autismo. Esamineranno i volontari per saperne di più sui meccanismi che proteggono dall’interferenza della memoria, cosa succede quando si sbagliano e come possiamo intervenire per aiutare le popolazioni di pazienti.

 

 

Il documento completo, “L’ ippocampo e gli engram inibitori neocorticali proteggono dalle interferenze della memoria “, può essere letto in Neuron .

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter