YouTube
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

YouTube è accusato di “spionaggio” criminale per il rilevamento del blocco degli annunci

YouTube
  • Un esperto di privacy sta presentando una denuncia penale contro YouTube per i suoi script di rilevamento del blocco degli annunci.
  • L’esperto sostiene che questi script consentono lo spionaggio illegale dei cittadini dell’UE.
  • È stata inoltre presentata una denuncia civile contro YouTube presso la Commissione irlandese per la protezione dei dati.

Un consulente sulla privacy è in procinto di sporgere denuncia penale contro YouTube in Europa per script che rilevano e limitano i blocchi degli annunci sulla piattaforma.

Secondo The Register , Alexander Hanff sta presentando un reclamo contro la piattaforma di streaming ai sensi della legge irlandese sull’abuso informatico. L’esperto di privacy afferma di aver informato la polizia nazionale irlandese della sua intenzione di rilasciare una dichiarazione in merito alla denuncia penale. Secondo quanto riferito, la polizia ha preso atto della sua denuncia e ha chiesto ulteriori informazioni.

Hanff sostiene che YouTube esegua script di tracciamento illegali per rilevare gli ad blocker e che questa pratica equivalga a spiare i cittadini dell’UE. Hanff ha anche presentato una denuncia civile contro il sistema di interrogazione del browser di YouTube che rileva gli ad-blocker presso la Commissione irlandese per la protezione dei dati. L’autorità di regolamentazione ha chiesto una risposta a Google e sta aspettando che la società rilasci una dichiarazione sulla richiesta di Hanff.

“Considero lo script di YouTube uno spyware, ovvero una tecnologia di sorveglianza, poiché viene distribuito a mia insaputa o senza autorizzazione sul mio dispositivo al solo scopo di intercettare e monitorare il mio comportamento (indipendentemente dal fatto che gli annunci vengano caricati o meno nel mio browser o siano bloccati da un annuncio pubblicitario.” bloccante)”, ha detto a The Register .

“Ho scelto di intraprendere la strada della denuncia penale perché storicamente, i regolatori dell’UE sono stati assolutamente pessimi nel far rispettare la direttiva ePrivacy – e intendo davvero pessimo, direi addirittura negligente”, ha osservato Hanff nella sua dichiarazione.

YouTube ha recentemente reso globale una politica altamente impopolare per bloccare gli ad blocker sulla piattaforma. Gli utenti che non rispettano le norme si ritrovano inoltre esclusi dalla piattaforma, a meno che non disattivino i blocchi degli annunci o si abbonino a YouTube Premium .

Hanff spera che la sua denuncia penale invii un messaggio forte a Google sulla necessità di porre fine alle sue pratiche di sorveglianza che vanno contro la legge europea. Sostiene che, secondo il diritto dell’UE, il consenso è necessario per eseguire qualsiasi interazione non necessaria, compresi gli script eseguiti da YouTube per rilevare i blocchi degli annunci.

“Inoltre, la legge irlandese che sto utilizzando considera direttori, manager o altri funzionari che intenzionalmente provocano la commissione di un simile reato responsabili dello stesso reato e non sono tutelati dall’entità legale per cui lavorano”, ha affermato.