Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Archiviazione permanente dei dati con la luce

È stata sviluppata la prima memoria on-chip permanente tutto-ottica. Questo è un passo importante verso i computer ottici. I materiali a cambiamento di fase che modificano le loro proprietà ottiche a seconda della disposizione degli atomi consentono la memorizzazione di più bit in una singola cella.

La prima memoria on-chip permanente interamente ottica è stata sviluppata dagli scienziati dell’Istituto di tecnologia di Karlsruhe (KIT) e dalle università di Münster, Oxford ed Exeter. Questo è un passo importante verso i computer ottici. I materiali a cambiamento di fase che modificano le loro proprietà ottiche a seconda della disposizione degli atomi consentono la memorizzazione di più bit in una singola cella. I ricercatori presentano il loro sviluppo sulla rivista Nature Photonics (10.1038 / nphoton.2015.182).

Memoria di dati completamente ottica: impulsi di luce ultra-brevi fanno cambiare il materiale GST da cristallino ad amorfo e viceversa. Gli impulsi di luce deboli leggono i dati.

La luce determina il futuro delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione: con gli elementi ottici, i computer possono lavorare in modo più rapido ed efficiente. Le fibre ottiche sono state utilizzate da tempo per la trasmissione di dati con la luce. Ma su un computer, i dati vengono ancora elaborati e memorizzati elettronicamente. Lo scambio elettronico di dati tra processori e memoria limita la velocità dei computer moderni. Per superare questo cosiddetto collo di bottiglia di von Neumann, non è sufficiente collegare otticamente memoria e processore, poiché i segnali ottici devono essere nuovamente convertiti in segnali elettrici. Gli scienziati, quindi, cercano metodi per eseguire calcoli e memorizzazione dei dati in modo puramente ottico.

Gli scienziati di KIT, l’Università di Münster, l’Università di Oxford e la Exeter University hanno ora sviluppato la prima memoria on-chip completamente ottica e non volatile. “I bit ottici possono essere scritti a frequenze fino a un gigahertz, il che consente una memorizzazione estremamente rapida dei dati grazie alla nostra memoria fotonica”, spiega il professor Wolfram Pernice. Pernice è stato a capo di un gruppo di lavoro del KIT Institute of Nanotechnology (INT) e recentemente si è trasferito all’Università di Münster. “La memoria è compatibile non solo con la trasmissione dati convenzionale in fibra ottica, ma anche con i processori più recenti”, aggiunge il professor Harish Bhaskaran dell’Università di Oxford.

La nuova memoria può memorizzare i dati per decenni anche quando viene tolta la corrente. Anche la sua capacità di immagazzinare molti bit in una singola cella di un miliardesimo di metro (memoria multi-livello) è molto attraente. Invece dei soliti valori di informazione di 0 e 1, diversi stati possono essere memorizzati in un elemento e possono essere fatti anche calcoli autonomi. Ciò è dovuto ai cosiddetti materiali a cambiamento di fase, nuovi materiali che cambiano le loro proprietà ottiche a seconda della disposizione degli atomi: entro i più brevi periodi di tempo, possono cambiare tra stati cristallini (regolari) e amorfi (irregolari). Per la memoria, gli scienziati hanno utilizzato il materiale a cambiamento di fase Ge2Sb2Te5 (GST). Il passaggio da cristallino ad amorfo (memorizzazione dei dati) e da amorfo a cristallino (cancellazione dei dati) viene avviato da impulsi di luce ultracorti. Per leggere i dati, vengono utilizzati impulsi di luce deboli.

Le memorie permanenti on-chip on-optical potrebbero aumentare considerevolmente le prestazioni future dei computer e ridurre il loro consumo energetico. Insieme alle connessioni tutto-ottiche, potrebbero ridurre le latenze. La conversione ad alta intensità di energia dei segnali ottici in segnali elettronici e viceversa non sarebbe più necessaria.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email a info@thesolver.it e saranno immediatamente rimossi.