Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

È dimostrato che un farmaco esistente inibisce il virus SARS-CoV-2-2

Simulazione Creativa Particelle SARS-CoV-2 (non in scala). Credito: Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, NIH

Un nuovo studio dell’Università di Chicago ha scoperto che il farmaco masitinib può essere efficace nel trattamento del COVID-19.

Il farmaco , che è stato sottoposto a diversi studi clinici per le condizioni umane ma non ha ancora ricevuto l’approvazione per il trattamento degli esseri umani, ha inibito la replicazione di SARS-CoV-2 nelle colture cellulari umane e in un modello murino, portando a cariche virali molto più basse.

I ricercatori della Pritzker School of Molecular Engineering (PME) di UChicago, lavorando con i collaboratori dell’Argonne National Laboratory e in tutto il mondo, hanno anche scoperto che il farmaco potrebbe essere efficace contro molti tipi di coronavirus e picornavirus. A causa del modo in cui inibisce la replicazione, è stato anche dimostrato che rimane efficace di fronte alle varianti di COVID-19.

“Gli inibitori della principale proteasi di SARS-CoV-2, come masitinib, potrebbero essere un nuovo potenziale modo per trattare i pazienti COVID, specialmente nelle prime fasi della malattia”, ha affermato il prof. Savas Tay, che ha guidato la ricerca. “Il COVID-19 sarà probabilmente con noi per molti anni e continueranno a sorgere nuovi coronavirus. Trovare farmaci esistenti con proprietà antivirali può essere una parte essenziale del trattamento di queste malattie”.

I risultati sono stati pubblicati il ​​20 luglio su Science .

Una corsa per trovare cure per il COVID-19

Quando sono iniziati i blocchi per COVID-19 nel marzo 2020, Tay e Nir Drayman, un borsista post-dottorato specializzato in virologia, hanno iniziato a pensare a come potevano aiutare. Per cercare un trattamento migliore per la malattia, hanno iniziato esaminando una libreria di 1.900 farmaci clinicamente sicuri contro l’OC43, un coronavirus che causa il comune raffreddore e può essere studiato in normali condizioni di biosicurezza. Hanno usato colture cellulari per determinare l’effetto dei farmaci sull’infezione.

Hanno quindi consegnato i primi 30 farmaci candidati al professore di microbiologia Glenn Randall, che li ha testati in colture cellulari contro il virus SARS-CoV-2 presso l’Howard Taylor Ricketts Laboratory, una struttura BSL-3 presso l’Argonne National Laboratory. Le misurazioni nel laboratorio ad alto contenimento hanno rivelato quasi 20 farmaci che inibiscono la SARS-CoV-2.

Hanno anche inviato i farmaci candidati ad altri collaboratori per testare la proteasi 3CL, l’enzima all’interno dei coronavirus che consente loro di replicarsi all’interno di una cellula. Hanno scoperto che tra i farmaci candidati, masitinib ha completamente inibito l’enzima virale 3CL all’interno della cellula, un fatto che è stato confermato dalla cristallografia a raggi X dal gruppo del Prof. Andrzej Jaochimaik ad Argonne. Il farmaco si lega specificamente al sito attivo della proteasi 3CL e inibisce l’ulteriore replicazione virale.

“Questo ci ha dato una forte indicazione di come funziona questo farmaco, e siamo diventati fiduciosi che ha una possibilità di funzionare negli esseri umani”, ha detto Drayman.

Sebbene masitinib sia attualmente approvato solo per il trattamento dei tumori dei mastociti nei cani, è stato sottoposto a studi clinici sull’uomo per diverse malattie, tra cui melanoma, morbo di Alzheimer, sclerosi multipla e asma. È stato dimostrato che è sicuro negli esseri umani, ma causa effetti collaterali, inclusi disturbi gastrointestinali ed edema, e potrebbe potenzialmente aumentare il rischio di malattie cardiache del paziente.

Farmaco efficace contro varianti, altri virus

Successivamente, i ricercatori hanno lavorato con colleghi dell’Università di Louisville per testare il farmaco in un modello murino. Hanno scoperto che riduceva la carica virale SARS-CoV-2 di oltre il 99% e riduceva i livelli di citochine infiammatorie nei topi.

Parallelamente, i ricercatori hanno anche iniziato a testare il farmaco in colture cellulari contro altri virus e hanno scoperto che era efficace anche contro i picornavirus, tra cui l’epatite A, la poliomielite e i rinovirus che causano il comune raffreddore.

Lo hanno anche testato in colture cellulari contro tre varianti di SARS-CoV-2, Alpha, Beta e Gamma, e hanno scoperto che funzionava altrettanto bene contro di loro, poiché si lega alla proteasi e non alla superficie del virus.

Ora, il team sta lavorando con l’azienda farmaceutica che ha sviluppato il farmaco (AB Science) per modificare il farmaco e renderlo un antivirale ancora più efficace. Nel frattempo, lo stesso masitinib potrebbe essere portato in studi clinici sull’uomo in futuro per testarlo come trattamento COVID-19.

“Masitinib ha il potenziale per essere un antivirale efficace ora, specialmente quando qualcuno viene infettato per la prima volta e le proprietà antivirali del farmaco avranno l’effetto maggiore”, ha detto Drayman. “Questo non è il primo nuovo focolaio di coronavirus e non sarà l’ultimo. Oltre ai vaccini, abbiamo bisogno di nuovi trattamenti disponibili per aiutare coloro che sono stati infettati”.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter