Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Farmaco per la prostata associato a un minor rischio di contrarre il morbo di Parkinson

Immunoistochimica per alfa-sinucleina che mostra una colorazione positiva (marrone) di un corpo di Lewy intraneurale nella Substantia nigra nella malattia di Parkinson. Credito: Wikipedia

L’assunzione di un particolare tipo di farmaco per il trattamento della prostata ingrossata è associata a un ridotto rischio di sviluppare il morbo di Parkinson, secondo un ampio studio osservazionale condotto da ricercatori dell’Università dell’Iowa, con colleghi in Danimarca e Cina.

I risultati, pubblicati il ​​1 febbraio su JAMA Neurology , forniscono prove convincenti che la terazosina e farmaci simili potrebbero avere il potenziale per prevenire o ritardare lo sviluppo del morbo di Parkinson.

Il nuovo studio ha utilizzato dati su quasi 300.000 uomini anziani provenienti da due grandi insiemi di dati di pazienti indipendenti – il database Truven Health Analytics MarketScan negli Stati Uniti e i registri sanitari nazionali in Danimarca – per indagare se l’assunzione di terazosina è associata allo sviluppo del morbo di Parkinson.

I risultati si basano su precedenti ricerche precliniche del team, che hanno dimostrato che la terazosina aumenta i livelli di energia cellulare e può prevenire o rallentare la progressione della malattia di Parkinson in modelli animali. In questo studio precedente, il team ha anche utilizzato il database Truven per dimostrare che gli uomini con malattia di Parkinson che assumevano anche terazosina e farmaci correlati presentavano segni, sintomi e complicanze ridotti della malattia di Parkinson.

È importante sottolineare che i ricercatori hanno avuto un buon gruppo di controllo per questo precedente studio del database. La tamsulosina è un altro farmaco comunemente usato per trattare l’ingrossamento della prostata, ma a differenza della terazosina, la tamsulosina non ha alcun effetto sulla produzione di energia cellulare, che gli studi di laboratorio del team suggeriscono è importante per l’effetto protettivo della terazosina.

Il nuovo studio estende questi risultati per indagare se la terazosina e i farmaci correlati che possono anche migliorare la produzione di energia cellulare, sono associati a un rischio ridotto di sviluppare il morbo di Parkinson.

Utilizzando i database statunitensi e danesi, il team ha identificato 150.000 uomini che hanno iniziato di recente a prendere terazosina o farmaci simili e li ha abbinati, in base all’età e alla storia clinica, a 150.000 uomini che hanno iniziato a prendere tamsulosina.

“Abbiamo quindi monitorato i dati sulla salute di questi uomini per determinare quanti in ciascun gruppo hanno sviluppato la malattia di Parkinson”, spiega Jacob Simmering, Ph.D., assistente professore di medicina interna UI e autore corrispondente dello studio. “Gli uomini che assumevano terazosina avevano dal 12 al 37% in meno di probabilità di sviluppare la malattia di Parkinson durante il follow-up rispetto agli uomini che assumevano tamsulosina”.

Inoltre, lo studio ha scoperto che una maggiore durata dell’uso dei farmaci per la prostata che potenziano l’energia era associata a maggiori effetti protettivi.

“Nonostante le differenze relative nella struttura della popolazione e del sistema sanitario, abbiamo riscontrato un effetto protettivo simile in entrambi i paesi”, aggiunge Simmering. “La replica della scoperta in una coorte internazionale è una prova potente che suggerisce un effetto causale. Se questi risultati vengono confermati attraverso ulteriori indagini, in particolare uno studio clinico randomizzato, la terazosina può fornire neuroprotezione e potenzialmente prevenire, e non solo gestire, il morbo di Parkinson “.

 

(Visited 1 times, 1 visits today)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter
Top 10 Articoli
2.021