Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Gli esperti chiedono la fine del marketing di sfruttamento utilizzato dall’industria del latte artificiale per bambini

I neonati e i bambini piccoli hanno maggiori probabilità di sopravvivere, crescere e svilupparsi al massimo delle loro potenzialità se allattati al seno. Nonostante le prove scientifiche, oggi più bambini vengono nutriti con latte artificiale che mai. Credito: The Lancet

I neonati e i bambini piccoli hanno maggiori probabilità di sopravvivere, crescere e svilupparsi al massimo delle loro potenzialità se allattati al seno. Nonostante le prove scientifiche, oggi più bambini vengono nutriti con latte artificiale che mai. Credito: The Lancet

Le tattiche di marketing del latte artificiale sono sfruttatrici e le normative devono essere urgentemente rafforzate e adeguatamente implementate, secondo una nuova serie di tre articoli pubblicata su The Lancet . Gli esperti chiedono un trattato legale internazionale per porre fine al marketing irresponsabile del latte artificiale e alle pressioni politiche, accompagnato da un sostegno più efficace all’allattamento al seno in tutto il mondo.

Il coautore della serie, il professor Nigel Rollins, dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), afferma: “La vendita di latte artificiale commerciale è un’industria multimiliardaria che utilizza il lobbismo politico insieme a un sofisticato e altamente efficace manuale di marketing per trasformare la cura e la preoccupazione di genitori e tutori in un’opportunità di business. È tempo che tutto questo finisca. Le donne dovrebbero avere il potere di fare scelte sull’alimentazione infantile che siano informate da informazioni accurate e libere dall’influenza dell’industria”.

Continua: “La nostra serie rileva che la società, la politica e l’economia contribuiscono tutte al motivo per cui meno della metà dei bambini a livello globale viene allattata al seno come raccomandato. L’allattamento al seno dovrebbe essere considerato una responsabilità collettiva della società, non l’unica preoccupazione delle donne . azioni in diverse aree della società per sostenere meglio le madri ad allattare per tutto il tempo che desiderano”.

“È più probabile che i bambini sopravvivano e crescano al massimo del loro potenziale se allattati al seno. L’allattamento al seno promuove lo sviluppo del cervello, protegge i bambini dalla malnutrizione, dalle malattie infettive e dalla morte, riducendo al contempo i rischi di obesità e malattie croniche in età avanzata. Tuttavia, a livello globale, molti le donne che desiderano allattare al seno devono affrontare molteplici ostacoli, tra cui un congedo parentale insufficiente e la mancanza di sostegno nei sistemi sanitari e sul posto di lavoro, nel contesto delle tattiche di marketing di sfruttamento dell’industria del latte artificiale commerciale”, afferma il coautore della serie, il professor Rafael Pérez-Escamilla , Scuola di Sanità Pubblica dell’Università di Yale, Stati Uniti

In una nuova analisi, la serie descrive come i profitti realizzati dall’industria del latte artificiale avvantaggino le aziende situate nei paesi ad alto reddito, mentre i danni sociali, economici e ambientali sono ampiamente distribuiti e più dannosi nei paesi a basso e medio reddito.

Un playbook di marketing di sfruttamento

Innescato dal rapporto investigativo “The Baby Killer” sulla commercializzazione del latte artificiale da parte di Nestlé nel Sud del mondo negli anni ’70, l’Assemblea mondiale della sanità ha sviluppato il Codice internazionale volontario per la commercializzazione dei sostituti del latte materno e le successive risoluzioni (il Codice) nel 1981. Tuttavia, la potente influenza dell’industria del latte in formula e la commercializzazione dei loro prodotti in violazione del Codice continua, con le vendite di latte in formula commerciale che sono aumentate rapidamente negli ultimi vent’anni e ora superano i 55 miliardi di dollari l’anno.

La serie delinea le tattiche di sfruttamento utilizzate dalle aziende produttrici di latte artificiale per vendere i loro prodotti, tra cui approfittare delle preoccupazioni dei genitori per la salute e lo sviluppo dei propri figli. Un motivo comune per cui le donne introducono il latte artificiale è interpretare il comportamento instabile del bambino, in particolare il sonno interrotto e il pianto persistente, come un segno che il latte materno è insufficiente. Tuttavia, i modelli di sonno dei bambini non sono gli stessi degli adulti e sono comuni comportamenti instabili del bambino. Quando le madri sono adeguatamente supportate, le preoccupazioni possono essere affrontate con successo senza l’uso di latte artificiale.

“L’industria del latte artificiale utilizza la scarsa scienza per suggerire, con poche prove a sostegno, che i loro prodotti sono soluzioni per la salute infantile comune e le sfide dello sviluppo. Le pubblicità affermano che le formule specializzate alleviano la pignoleria, aiutano con le coliche, prolungano il sonno notturno e persino incoraggiano una migliore intelligenza. Le etichette utilizzano parole come “cervello”, “neuro” e “QI” con immagini che evidenziano lo sviluppo iniziale, ma gli studi non mostrano alcun beneficio di questi ingredienti del prodotto sul rendimento scolastico o sulla cognizione a lungo termine. Questa tecnica di marketing viola il Codice del 1981, che afferma che le etichette non dovrebbero idealizzare l’uso della formula e sfrutta la scarsa scienza per creare una storia falsa per vendere più prodotti”, afferma la professoressa Linda Richter, Wits University, Sudafrica.

La serie spiega come il marketing del latte artificiale sfrutti la mancanza di sostegno all’allattamento al seno da parte dei governi e della società per utilizzare la politica di genere per vendere i propri prodotti. Gli autori descrivono come l’industria del latte artificiale inquadra la difesa dell’allattamento al seno come un giudizio moralistico che è antifemminista e dannoso per le donne, mentre presenta il latte artificiale come una soluzione conveniente e autorizzante per le madri che lavorano.

Negli ultimi anni, le comunicazioni digitali hanno notevolmente aumentato la portata del marketing in modi che offuscano la differenza tra la pubblicità e la fornitura di consigli nutrizionali e di cura. La serie evidenzia esempi di marketing digitale come influencer pagati dal settore che condividono le difficoltà dell’allattamento al seno come preludio al marketing del latte artificiale e app per genitori sponsorizzate dal settore con servizi di chat 24 ore su 24, 7 giorni su 7 che consentono l’inserimento di prodotti, offrono campioni o offerte gratuiti e promuovono online saldi. Gli autori sostengono che c’è pochissima regolamentazione dell’industria del latte artificiale online e ci sono regolari violazioni del Codice.

Una nuova rassegna di 153 studi, condotta per la Serie, descrive in dettaglio come le pratiche di marketing in violazione del Codice siano continuate in quasi 100 paesi e in ogni regione del mondo dalla sua adozione più di quarant’anni fa. La Serie afferma che l’adozione volontaria del Codice non è sufficiente e chiede un trattato legale internazionale sulla commercializzazione commerciale di prodotti alimentari per bambini per proteggere la salute e il benessere delle madri e delle famiglie.

 

La lobby del latte artificiale

La serie richiama inoltre l’attenzione sul potere dell’industria del latte artificiale di influenzare le decisioni politiche nazionali e di interferire con i processi normativi internazionali e nazionali. L’industria del latte artificiale ha creato una rete di associazioni di categoria e gruppi di facciata che esercitano pressioni contro il Codice e altre misure di protezione dell’allattamento al seno. Ad esempio, nel 2012, il Sudafrica ha approvato una nuova legislazione nazionale per attuare il Codice in legge. Tuttavia, ci sono voluti nove anni, con molte battute d’arresto derivanti dalle pressioni del settore. I produttori di latte artificiale hanno formato un nuovo gruppo di pressione, l’Associazione per l’alimentazione infantile, che ha esercitato pressioni per modificare i regolamenti.

Questa esternalizzazione del lobbying consente alle imprese stesse di proiettare un’immagine di benevolenza e responsabilità sociale d’impresa , suggerendo che possono autoregolarsi adeguatamente attraverso politiche aziendali sul marketing responsabile. Tuttavia, la loro autoregolamentazione è ben al di sotto del rispetto del Codice.

Oltre a influenzare le organizzazioni politiche, gli autori sostengono che le aziende produttrici di latte artificiale attingono anche alla credibilità della scienza sponsorizzando organizzazioni professionali, pubblicando articoli sponsorizzati su riviste scientifiche e invitando i leader della sanità pubblica in comitati e comitati consultivi, portando a conflitti di interesse inaccettabili. nell’ambito della sanità pubblica.

“Il Codice volontario non funziona: le aziende del latte in formula hanno scelto di ignorare la guida e di esercitare pressioni in ogni occasione per indebolire la regolamentazione. Abbiamo bisogno di un trattato legale internazionale più rigoroso sulla commercializzazione del latte in formula che sia incorporato nella legge in tutto il mondo. Il trattato deve proteggere il processo decisionale dall’influenza dell’industria, con l’obbligo per gli alti funzionari pubblici di divulgare gli incontri con i lobbisti e l’obbligo per le organizzazioni scientifiche di rivelare le fonti di finanziamento e i membri dei gruppi consultivi di esperti.Ciò regolerebbe l’industria del latte artificiale commerciale senza limitare la vendita dei prodotti a coloro che ne hanno bisogno o che li vogliono.Più in generale, la salute globale e pubblicala comunità deve anche essere molto più critica nei confronti dei partenariati pubblico-privato che consentono o tollerano conflitti di interesse”, afferma il professor David McCoy.

Sono necessari cambiamenti a livello di società

Oltre a porre fine alle tattiche di marketing e all’influenza del settore delle aziende produttrici di latte artificiale, sono necessarie azioni più ampie nei luoghi di lavoro, nella sanità, nei governi e nelle comunità per sostenere in modo più efficace le donne che vogliono allattare.

Mezzo miliardo di donne lavoratrici nel mondo non ha diritto a un’adeguata protezione della maternità. Una revisione sistematica degli studi ha rilevato che le donne con un congedo di maternità minimo di tre mesi, retribuito o non retribuito, avevano almeno il 50% di probabilità in più di continuare ad allattare rispetto alle donne che tornavano al lavoro entro tre mesi dal parto. Gli autori chiedono ai governi e ai luoghi di lavoro di riconoscere il valore dell’allattamento al seno e del lavoro di cura , mediante azioni come l’estensione della durata del congedo di maternità retribuito per allinearsi alla durata di sei mesi raccomandata dall’OMS per l’allattamento al seno esclusivo.

Le donne affrontano anche una mancanza di promozione, protezione e sostegno all’allattamento al seno all’interno dei sistemi sanitari a causa dei budget pubblici limitati, del supporto qualificato da parte degli operatori sanitari, dell’influenza dell’industria del latte artificiale e dell’assenza di cure culturalmente appropriate e guidate dai bisogni delle donne. Gli autori sostengono che i risultati dell’allattamento al seno migliorano quando i sistemi sanitari responsabilizzano attivamente le donne e consentono a pari esperti di sostenere le donne durante la gravidanza, il parto e in seguito. Gli operatori sanitari dovrebbero offrire consulenza qualificata prima e dopo la nascita a tutte le madri per consentire loro di affrontare i comportamenti instabili del bambino pur continuando ad allattare, se lo desiderano.

Sonia Hernández-Cordero, dell’Universidad Iberoamericana di Città del Messico, afferma: “Stiamo assistendo a miglioramenti in alcuni paesi. Un caso di studio che abbiamo commissionato per la serie ha rilevato che, nonostante la mancanza di un congedo di maternità retribuito imposto a livello federale, gli Stati Uniti continuano a riconoscere un numero crescente di di ospedali Baby-Friendly ogni anno e il National Supplemental Nutrition Program for Women, Infants and Children (WIC), che raggiunge la metà delle nascite annuali negli Stati Uniti, fornisce sempre più consulenza sull’allattamento al seno mentre continua a sostenere più donne a scegliere l’allattamento al seno. “

“Molti governi non riescono a proteggere madri e bambini da pratiche di marketing non etiche a causa del potere economico e politico delle multinazionali. L’estremo potere delle multinazionali rispetto agli enti di interesse pubblico deve essere riequilibrato. Legislazione antitrust e fine delle corporazioni l’abuso fiscale aiuterebbe a invertire il favore degli interessi finanziari privati ​​a scapito dei diritti delle madri e dei bambini”, afferma il professor David McCoy, Università delle Nazioni Unite.

“Il consiglio che l’allattamento al seno è la cosa migliore per la salute dei loro bambini non serve a nulla se le donne non sono supportate nel comprendere e gestire i comportamenti instabili del bambino, o se le madri senza congedo di maternità o retribuzione sono costrette a tornare al lavoro per necessità finanziarie”, afferma il dott. Julie Smith, Università Nazionale Australiana.

Una grande espansione della formazione degli operatori sanitari sull’allattamento al seno, così come il congedo di maternità retribuito per legge e altre tutele, sono vitali. Ciò richiede di cambiare il modo in cui la società vede l’ allattamento al seno come esclusiva responsabilità delle singole donne e di attribuirne l’onere a tutti i livelli della società”, afferma il professor Rafael Pérez-Escamilla, Yale School of Public Health.

Un editoriale collegato pubblicato su The Lancet afferma: “Alcune donne scelgono di non allattare o non sono in grado di farlo. La pressione percepita o l’incapacità di allattare, specialmente se è in contrasto con i desideri di una madre, può avere un effetto dannoso sulla salute mentale , e dovrebbero essere in atto sistemi per supportare pienamente tutte le madri nelle loro scelte.Le donne e le famiglie prendono decisioni sull’alimentazione dei bambini in base alle informazioni che ricevono, e una critica alle pratiche di marketing predatorio dell’industria CMF non dovrebbe essere interpretata come una critica alle donne Tutte le informazioni che le famiglie ricevono sull’alimentazione infantile devono essere accurate e indipendenti dall’influenza dell’industria per garantire un processo decisionale informato”.

More information: The Lancet 2023 Series on Breastfeeding, The Lancet (2023). www.thelancet.com/series/Breastfeeding-2023

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Forse ti sei perso questi
Febbraio 2024
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829  
Archivio