Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Gli integratori di Omega-3 potrebbero aumentare il rischio di fibrillazione atriale

Un ECG a 12 derivazioni che mostra fibrillazione atriale a circa 150 battiti al minuto. Credito: James Heilman, MD/Wikipedia/CC BY-SA 3.0

La fibrillazione atriale è il tipo più comune di ritmo cardiaco anomalo, che causa una contrazione irregolare e, a volte, troppo rapida del cuore. Si stima che colpisca 33 milioni di persone in tutto il mondo e può portare a coaguli di sangue, ictus, insufficienza cardiaca e altre complicazioni cardiache.

Secondo il National Health Interview Survey del 2012, si stima che il 7,8% degli adulti americani, quasi 19 milioni di persone, assuma integratori di olio di pesce .

Una recente ricerca condotta da Christine M. Albert, MD, MPH, professore di Cardiologia e presidente del Dipartimento di Cardiologia presso lo Smidt Heart Institute, ha suggerito che né la vitamina D né gli acidi grassi omega-3 presenti nell’olio di pesce impediscono lo sviluppo di  fibrillazione atriale. Tuttavia, altri studi clinici condotti al di fuori del Cedars-Sinai hanno evidenziato un rischio elevato di sviluppare fibrillazione atriale nei pazienti trattati con acidi grassi omega-3, causando confusione sia tra i medici che tra i pazienti.

Per esplorare ulteriormente le potenziali ragioni delle differenze tra i risultati di questi studi, Albert e il team hanno eseguito una meta-analisi, che combina i risultati di più studi scientifici. Questo confronto analitico tra gli studi ha suggerito che il rischio di sviluppare fibrillazione atriale dipende dalla dose di acidi grassi omega-3.

Sebbene ci siano prove evidenti che gli acidi grassi omega-3 possono ridurre significativamente i livelli di trigliceridi nel sangue e il dolore da artrite, la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che sia meglio assumere gli acidi grassi omega-3 mangiando pesce più volte alla settimana.

“Il nostro obiettivo era portare chiarezza, risposte e informazioni fruibili al più ampio campo medico e ai pazienti”, ha affermato Albert, illustre cattedra di cardiologia di Lee e Harold Kapelovitz. “In questo caso, i risultati suggeriscono che potrebbe non esserci una risposta diretta a ‘l’olio di pesce è buono o cattivo per la fibrillazione atriale?’ ma invece, la risposta può dipendere dalla dose.”

I punti salienti dello studio di ricerca includono:

  • I dati sono stati riesaminati da 81.210 pazienti arruolati in sette studi clinici, incluso uno condotto al Cedars-Sinai. L’età media dei pazienti arruolati in questi studi era di 65 anni e il 39% erano donne.
  • Di questi pazienti, il 72,6% era in studi clinici che testavano meno o uguale a un grammo di acidi grassi omega-3 al giorno e il 27,4% era arruolato in studi clinici che testavano più di un grammo di integratore al giorno.
  • I pazienti che assumevano più di un grammo al giorno di acidi grassi omega-3 avevano un rischio aumentato del 49% di sviluppare fibrillazione atriale, rispetto a solo il 12% dei pazienti che assumevano un grammo o meno dell’integratore al giorno.

Raccomandazioni per il trattamento

Ora armato di queste informazioni, Albert ha raccomandazioni per medici, ricercatori e pazienti.

Se i medici offrono integratori di acidi grassi omega-3 ad alte dosi , Albert afferma che dovrebbero prima discutere del potenziale rischio di sviluppare fibrillazione atriale e che i pazienti dovrebbero essere informati sui potenziali segni e sintomi della condizione in modo da poter effettuare una diagnosi precoce e accoppiarla con un trattamento appropriato.

I ricercatori, afferma Albert, dovrebbero monitorare sistematicamente i pazienti per la fibrillazione atriale e i relativi esiti avversi per definire meglio i rapporti rischio-beneficio negli studi che esaminano gli effetti degli integratori di acidi grassi omega-3.

“Per i pazienti, il rischio di sviluppare fibrillazione atriale sembra essere relativamente basso per coloro che assumono un grammo o meno di olio di pesce al giorno”, ha affermato Albert. “Prendere più di un grammo di olio di pesce al giorno è qualcosa che dovresti fare solo seguendo i consigli dei tuoi medici”.

Lo studio, che ha combinato i risultati precedentemente pubblicati, non è stato in grado di determinare se ci sono pazienti che potrebbero essere più suscettibili allo sviluppo di fibrillazione atriale durante l’assunzione di olio di pesce.

Il rischio di sviluppare fibrillazione atriale aumenta con l’età ed è più comune negli uomini che nelle donne. Oltre all’età e al sesso, ulteriori fattori di rischio includono ipertensione, malattia coronarica, insufficienza cardiaca, difetti delle valvole cardiache, obesità e diabete.

La condizione è anche più probabile che si verifichi durante un’infezione o subito dopo l’intervento chirurgico. Anche lo stress, la caffeina e l’alcol possono scatenare attacchi. Le persone che fanno molti esercizi di resistenza ripetuti e vigorosi, come la corsa alla maratona, possono anche sviluppare fibrillazione atriale . Non è noto come l’olio di pesce possa alterare il rischio di fibrillazione atriale nei maratoneti o in individui con altri fattori di rischio.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter