Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Gli scienziati lanciano l’allarme mentre le temperature dell’oceano raggiungono un nuovo record

La "stratificazione" dell'oceano significa che l'acqua meno profonda sta salendo verso la superficie trasportando ossigeno e sostanze nutritive, mentre l'acqua in superficie assorbe meno anidride carbonica atmosferica per seppellirsi in profondità.

La “stratificazione” dell’oceano significa che l’acqua meno profonda sta salendo verso la superficie trasportando ossigeno e sostanze nutritive, mentre l’acqua in superficie assorbe meno anidride carbonica atmosferica per seppellirsi in profondità.

Gli oceani del mondo, che hanno assorbito la maggior parte del calore in eccesso causato dall’inquinamento da carbonio dell’umanità, hanno continuato a registrare temperature da record lo scorso anno, secondo una ricerca pubblicata mercoledì.

Il cambiamento climatico ha aumentato le temperature superficiali in tutto il pianeta, portando all’instabilità atmosferica e amplificando eventi meteorologici estremi come le tempeste.

Gli oceani assorbono circa il 90 percento del calore in eccesso dalle emissioni di gas serra , proteggendo le superfici terrestri ma generando ondate di calore marine enormi e di lunga durata che stanno già avendo effetti devastanti sulla vita sottomarina.

Lo studio, condotto da ricercatori in Cina, Stati Uniti, Italia e Nuova Zelanda, ha affermato che il 2022 è stato “l’anno più caldo mai registrato negli oceani del mondo”.

Il contenuto di calore negli oceani ha superato i livelli dell’anno precedente di circa 10 zetta joule, equivalenti a 100 volte la produzione di elettricità in tutto il mondo nel 2021, secondo gli autori.

“Gli oceani stanno assorbendo la maggior parte del riscaldamento dalle emissioni umane di carbonio”, ha detto il coautore Michael Mann, professore all’Università della Pennsylvania.

“Fino a quando non raggiungeremo emissioni nette zero, il riscaldamento continuerà e continueremo a battere i record del contenuto di calore dell’oceano, come abbiamo fatto quest’anno”, ha affermato. “Una migliore consapevolezza e comprensione degli oceani sono una base per le azioni per combattere il cambiamento climatico”.

I record che risalgono alla fine degli anni ’50 mostrano un inarrestabile aumento delle temperature oceaniche con aumenti quasi continui che risalgono al 1985 circa.

“Un incubo per la vita marina”

Gli scienziati hanno avvertito che l’aumento delle temperature ha apportato importanti cambiamenti alla stabilità degli oceani più velocemente di quanto si pensasse.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Advances in Atmospheric Sciences , si è basata sulle osservazioni di 24 scienziati di 16 istituti in tutto il mondo.

Ha anche trovato altre indicazioni che suggeriscono che la salute degli oceani si sta deteriorando.

L’aumento della temperatura dell’acqua e della salinità degli oceani, anch’essi ai massimi storici, contribuiscono direttamente a un processo di “stratificazione”, in cui l’acqua si separa in strati che non si mescolano più.

Ciò ha implicazioni ad ampio raggio perché influisce sullo scambio di calore, ossigeno e carbonio tra l’oceano e l’atmosfera, con effetti che includono una perdita di ossigeno nell’oceano.

“La stessa deossigenazione è un incubo non solo per la vita e gli ecosistemi marini, ma anche per gli esseri umani e i nostri ecosistemi terrestri”, hanno affermato i ricercatori in una nota.

I dati aggiornati rilasciati questa settimana hanno mostrato che le temperature atmosferiche globali medie nel 2022 lo hanno reso il quinto anno più caldo dall’inizio delle registrazioni nel 19° secolo, secondo il Copernicus Climate Change Service europeo.

I paesi di tutto il mondo hanno affrontato una cascata di disastri naturali senza precedenti resi più probabili e mortali dal cambiamento climatico .

Molti di questi impatti possono essere collegati a un oceano in rapido riscaldamento e ai relativi cambiamenti nel ciclo idrologico.

“Alcuni luoghi stanno vivendo più siccità, che portano a un aumento del rischio di incendi, e altri luoghi stanno vivendo massicce inondazioni dovute a forti piogge , spesso supportate da una maggiore evaporazione dagli oceani caldi”, ha affermato il coautore Kevin Trenberth, del Centro nazionale degli Stati Uniti. per Atmospheric Research e l’Università di Auckland.

Ulteriori informazioni: Lijing Cheng et al, Advances in Atmospheric Sciences (2023) . DOI: 10.1007/s00376-023-2385-2

 

Lascia un commento