Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Come un universo rotante rende possibile il viaggio nel tempo

Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico

Si scopre che il viaggio nel tempo nel passato è in realtà relativamente facile. Tutto quello che devi fare è far ruotare l’universo.

Il famoso matematico Kurt Gödel era amico e vicino di casa di Albert Einstein a Princeton. Divenne incredibilmente curioso della teoria della relatività generale di Einstein , che era e continua ad essere la nostra moderna formulazione della forza gravitazionale. Quella teoria collega la presenza di materia ed energia alla flessione e alla deformazione dello spazio e del tempo, e quindi collega tale flessione e deformazione al comportamento della materia e dell’energia.

Gödel era curioso di sapere se la relatività potesse consentire il viaggio nel tempo nel passato. La teoria di Einstein pretendeva di essere un quadro definitivo per la natura dello spazio e del tempo, e per quanto ne sappiamo il viaggio nel tempo nel passato è proibito. Quindi Gödel ha calcolato che la relatività generale dovrebbe automaticamente non consentirlo.

E Gödel ha scoperto che in realtà la relatività generale va benissimo con il viaggio nel tempo nel passato. Il trucco è mettere in moto l’ universo .

Gödel ha costruito un universo modello relativamente semplice e artificiale per dimostrare il suo punto di vista. Questo universo ruota e contiene un solo ingrediente. Quell’ingrediente è una costante cosmologica negativa che resiste alla forza centrifuga della rotazione per mantenere l’universo statico.

Gödel ha scoperto che se segui un percorso particolare in questo universo rotante puoi finire nel tuo stesso passato. Dovresti viaggiare incredibilmente lontano, lungo miliardi di anni luce , per farlo, ma si può fare. Mentre viaggi, rimarrai coinvolto nella rotazione dell’universo. Questa non è solo una rotazione delle cose nel cosmo, ma sia dello spazio che del tempo stessi. In sostanza, la rotazione dell’universo altererebbe così fortemente i tuoi potenziali percorsi in avanti che quei percorsi tornano indietro al punto di partenza.

Partiresti per il tuo viaggio e non viaggeresti mai più veloce della velocità della luce, e ti ritroveresti al punto di partenza, ma nel tuo passato.

La possibilità di viaggiare indietro nel tempo crea paradossi e viola la nostra comprensione della causalità. Per fortuna, tutte le osservazioni indicano che l’universo non sta ruotando, quindi siamo protetti dal problema di Gödel del viaggio nel tempo all’indietro . Ma fino ad oggi rimane un mistero perché la relatività generale sia d’accordo con questo fenomeno apparentemente impossibile. Gödel ha usato l’esempio dell’universo rotante per sostenere che la relatività generale è incompleta, e potrebbe ancora avere ragione.

Lascia un commento