Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Il nuovo rapporto mostra cambiamenti allarmanti nell’intero ciclo globale dell’acqua

Principali eventi legati all’acqua nel 2022. Credito: Global Water Monitor 2022 Summary Report

Nel 2022, un terzo anno di La Niña ha portato molta pioggia in Australia e nel sud-est asiatico e condizioni di siccità dall’altra parte del Pacifico. Questi schemi erano previsti, ma dietro queste variazioni ci sono segnali preoccupanti che l’intero ciclo globale dell’acqua sta cambiando.

Il nostro team di ricerca osserva da vicino il ciclo globale dell’acqua. Analizziamo le osservazioni di oltre 40 satelliti che monitorano continuamente l’atmosfera e la superficie terrestre. Uniamo quelli con i dati di migliaia di stazioni di monitoraggio meteorologico e idrico sul terreno.

Per la prima volta, abbiamo attinto a quei molti terabyte di dati per dipingere un quadro completo del ciclo dell’acqua nell’arco di un anno per l’intero globo, oltre che per i singoli paesi . I risultati sono contenuti in un rapporto pubblicato oggi.

La conclusione chiave? Il ciclo dell’acqua terrestre sta chiaramente cambiando. A livello globale, l’aria sta diventando più calda e secca, il che significa che siccità e condizioni di rischio di incendio si stanno sviluppando più velocemente e più frequentemente.

L’anno in poche parole

Nel 2022, una terza La Niña consecutiva ha influenzato il tempo in tutto il mondo. Tre anni di fila de La Niña sono insoliti ma non senza precedenti.

A La Niña è un evento oceanico in cui le temperature della superficie del mare sono più fredde del normale nel Pacifico tropicale centrale e orientale e più calde del normale nel Pacifico occidentale. Il fenomeno rafforza gli alisei orientali che portano la pioggia nel sud-est asiatico e in Australia.

Nel 2022, La Niña si è combinata con le acque calde nell’Oceano Indiano settentrionale per portare inondazioni diffuse in una fascia che si estende dall’Iran alla Nuova Zelanda, e quasi ovunque nel mezzo.

Le inondazioni più devastanti si sono verificate in Pakistan, dove circa 8 milioni di persone sono state cacciate dalle loro case da massicce inondazioni lungo il fiume Indo. L’Australia ha anche subito diversi gravi eventi alluvionali durante tutto l’anno, principalmente nella parte orientale, ma anche nella regione del Kimberly dell’Australia occidentale alla fine dell’anno e nel 2023.

Come è tipico per La Niña, la pioggia è stata molto meno abbondante dall’altra parte dell’Oceano Pacifico. Una siccità pluriennale negli Stati Uniti occidentali e nel centro del Sud America ha visto i laghi scendere ai minimi storici .

Un altro anno di siccità ha inoltre decimato i raccolti e portato a un rapido peggioramento della situazione umanitaria nel Corno d’Africa .

Un cambiamento nelle piogge

Sebbene i nostri dati non suggeriscano un cambiamento nella piovosità globale media, ci sono tendenze preoccupanti in diverse regioni.

Le regioni monsoniche dall’India all’Australia settentrionale stanno diventando più umide. Parti delle Americhe e dell’Africa stanno diventando più secche, compresi gli Stati Uniti occidentali, che hanno vissuto il loro 23° anno di siccità nel 2022.

Le registrazioni totali mensili delle precipitazioni appaiono intatte. Ma le precipitazioni su periodi più brevi stanno diventando sempre più intense in molte regioni.

Come evidenzia il nostro rapporto, nel 2022 gli eventi di precipitazioni intense hanno colpito le comunità di tutto il mondo, da Brasile, Nigeria e Sudafrica ad Afghanistan, India e Pakistan.

Gli acquazzoni hanno causato inondazioni improvvise e smottamenti, uccidendo migliaia di persone e lasciando molte altre migliaia senza una casa. La crescente pressione demografica sta spingendo un numero sempre maggiore di persone nelle pianure alluvionali e su pendii instabili, rendendo le forti piogge e gli eventi alluvionali ancora più dannosi che in passato.

Un mondo più caldo e più secco

Le temperature medie globali dell’aria stanno aumentando. Mentre gli anni della Niña sono storicamente relativamente freddi, quell’effetto si perde in gran parte nella marcia verso l’alto delle temperature globali.

Le ondate di caldo stanno aumentando in gravità e durata e questo è stato evidente nel 2022. Oltre ad essere disastri naturali a sé stanti, le ondate di caldo e le temperature insolitamente elevate influenzano anche il ciclo dell’acqua.

Nel 2022, intense ondate di caldo in Europa e in Cina hanno portato alle cosiddette “siccità improvvise”. Questi si verificano quando l’aria calda e secca provoca la rapida evaporazione dell’acqua dal suolo e dai sistemi idrici interni.

Nel 2022, molti fiumi in Europa si sono prosciugati, esponendo manufatti nascosti per secoli.

L’aria non solo sta diventando più calda, ma anche più secca, quasi ovunque. Ciò significa che le persone, le colture e gli ecosistemi hanno bisogno di più acqua per rimanere in salute, aumentando ulteriormente la pressione sulle risorse idriche.

L’aria secca significa anche che le foreste si seccano più velocemente, aumentando la gravità degli incendi boschivi. Nel 2022, gli Stati Uniti occidentali hanno subito grandi incendi a gennaio , nel mezzo dell’inverno dell’emisfero settentrionale.

Le temperature più calde sciolgono anche la neve e il ghiaccio più velocemente. Le inondazioni in Pakistan sono state aggravate da una precedente ondata di caldo intenso che ha aumentato lo scioglimento dei ghiacciai nell’Himalaya. Questo fiume rialzato scorre anche prima che le piogge colpiscano.

Il cambiamento climatico non è l’unico modo in cui l’umanità sta cambiando il ciclo dell’acqua. C’è stato un costante aumento del volume dei laghi in tutto il mondo. Ciò è dovuto principalmente alla costruzione e all’ampliamento di dighe da parte di individui e governi per garantire il loro accesso all’acqua, che modifica i flussi del fiume a valle.

Benvenuti nel futuro

L’influenza di La Niña sembra essere in declino ed è possibile passare a El Niño a metà di quest’anno.

Si spera che ciò significhi meno inondazioni in Asia e Oceania e più pioggia per le regioni colpite dalla siccità nelle Americhe e nell’Africa orientale.

L’Australia, tuttavia, potrebbe vedere un ritorno alle ondate di caldo e agli incendi boschivi. A lungo termine, il 2023 potrebbe segnare l’inizio di un’altra siccità pluriennale.

L’altalena tra El Niño e La Niña è un fenomeno naturale. Ma resta da vedere se la tripla La Niña sia stata un colpo di fortuna statistico o un segno di interruzione dovuto al cambiamento climatico.

Se La Niña o El Niño rimarranno più a lungo in futuro, è probabile che sperimenteremo siccità più profonde e inondazioni peggiori di quelle viste finora.

Il successo dell’umanità nella riduzione delle emissioni di gas serra determinerà il futuro del pianeta tra diversi decenni. Fino ad allora, le temperature globali continueranno ad aumentare. Continueranno a essere battuti nuovi record: per ondate di caldo, nubifragi, siccità improvvise, incendi boschivi e scioglimento dei ghiacci.

Non c’è modo di evitarlo. Quello che possiamo fare è prestare attenzione ai segnali di pericolo e prepararci per un futuro impegnativo.

Il rapporto 2022 e i dati sottostanti sono disponibili al pubblico su www.globalwater.online

 

Lascia un commento