Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


 

Dai voce alla tua attività ! Contattaci

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

I macachi Rhesus sviluppano una risposta immunitaria promettente a SARS-CoV-2

Micrografia elettronica a scansione colorata di una cellula morente (blu) gravemente infettata da SARS-CoV-2 (giallo), il virus che causa COVID-19. Credito: Centro di ricerca integrato NIAID, Fort Detrick, Maryland.

In un risultato promettente per il successo dei vaccini contro COVID-19, le scimmie macaco rhesus infettate con il coronavirus umano SARS-CoV-2 hanno sviluppato risposte immunitarie protettive che potrebbero essere riprodotte con un vaccino. Il lavoro è stato svolto presso il California National Primate Research Center presso l’Università della California, Davis ed è stato pubblicato il 22 gennaio sulla rivista Nature Communications .

“Questi risultati suggeriscono che i vaccini che inducono un’immunità protettiva durevole contro SARS-CoV-2 lo fanno stimolando risposte robuste del centro germinale, una domanda a cui è possibile rispondere efficacemente utilizzando il modello rhesus”, ha affermato Smita Iyer, assistente professore di patologia, microbiologia e immunologia presso la UC Davis School of Veterinary Medicine and Center for Immunology and Infectious Diseases.

La risposta immunitaria al coronavirus svolge un ruolo protettivo nel recupero dalla malattia e la maggior parte dei pazienti si riprende completamente, ha detto Iyer. Ma una risposta immunitaria incontrollata o “tempesta di citochine” è anche implicata nel causare gravi complicazioni in alcune persone.

Gli studi sugli animali sono fondamentali per identificare in modo definitivo i marcatori di protezione mediata dal vaccino, dicendoci quali cellule immunitarie innescate dal vaccino sono protettive. La comprensione dei determinanti immunitari della protezione contro infezioni e malattie è fondamentale per migliorare l’efficacia del vaccino, ha affermato Iyer.

Segni di una risposta immunitaria efficace

Iyer e colleghi hanno infettato otto macachi rhesus al CNPRC con il virus SARS-CoV-2 isolato dal primo paziente umano trattato presso l’UC Davis. All’epoca (inizio marzo) il caso era il primo esempio noto di “trasmissione di comunità” negli Stati Uniti che non poteva essere ricondotto a qualcuno che arrivava da un altro paese.

I ricercatori hanno seguito le risposte immunitarie negli animali per circa due settimane. Gli animali hanno mostrato una malattia lieve che è stata rapidamente risolta o nessun sintomo, con una risposta immunitaria breve e transitoria, ha detto Iyer.

Gli animali hanno mostrato tutti i segni di una risposta immunitaria efficace a un’infezione virale. Hanno creato un tipo di cellula helper chiamata cellule Th1 nel sangue, nei polmoni e nei linfonodi e hanno prodotto sia gli anticorpi di tipo IgM che gli anticorpi IgG ad alta affinità associati alla protezione immunitaria a lungo termine.

È importante sottolineare che le strutture chiamate centri germinali si sono sviluppate nei linfonodi vicino ai polmoni. Questi contenevano cellule chiamate cellule T helper follicolare o Tfh. I centri germinali e le cellule Tfh sono associati alla generazione di plasmacellule, che rimangono nel corpo per molti anni per produrre anticorpi contro i patogeni che il sistema immunitario ha visto prima. Queste plasmacellule consentono al sistema immunitario di “ricordare” e reagire alle infezioni verificatesi anni o decenni prima.

“Questi risultati suggeriscono che i vaccini che inducono risposte Th1-Tfh sosterranno l’immunità”, ha detto Iyer.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter