Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

I vaccini sperimentali a mRNA vengono alla ribalta mentre infuria la pandemia

Credit: Moderna

La tecnologia “messenger RNA” utilizzata dai jab Pfizer e Moderna COVID-19 funziona hackerando i macchinari delle cellule umane e trasformandole in fabbriche di vaccini.

Questa piattaforma è stata approvata solo per il bestiame, ma la pandemia di coronavirus potrebbe essere il suo momento per venire alla ribalta.

Tutti i vaccini agiscono addestrando l’organismo a riconoscere determinate proteine, chiamate “antigeni”, prodotte da virus o batteri che causano malattie, preparando così il sistema immunitario a dare una risposta.

I vaccini tradizionali, come quelli per il morbillo o l’influenza, lo fanno iniettando alle persone piccole quantità di virus o fornendo loro forme più deboli “attenuate” del virus.

Ma secondo Drew Weissman, un immunologo presso l’Università della Pennsylvania responsabile di un importante passo avanti in termini di sicurezza nella tecnologia dell’mRNA, “questi richiedono molto tempo per svilupparsi e ottimizzare”.

Gli scienziati possono impiegare mesi per sviluppare vaccini basati su virus indeboliti cresciuti all’interno, ad esempio le uova di gallina.

Al contrario, questo nuovo tipo di vaccino si basa sull’RNA messaggero, molecole che svolgono un ruolo vitale nella biologia umana, mettendo in azione le istruzioni del DNA e guidando le cellule su come produrre proteine.

L’mRNA sintetico in entrambi i vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna-NIH contiene istruzioni per una proteina di superficie di SARS-CoV-2, chiamata “proteina spike”, che il virus utilizza per invadere le cellule umane.

I vaccini fanno crescere queste proteine ​​nelle cellule umane in modo che assomiglino al virus, il che a sua volta stimola la produzione di anticorpi che si attaccheranno al virus reale e gli impediranno di fare danni.

La tecnologia è stata sviluppata per la prima volta nel 1990, ma non è stato fino alla metà degli anni 2000 che Weissman e Katalin Kariko, ora vicepresidente senior della BioNTech tedesca, hanno trovato un modo per modificare l’RNA sintetico per impedirgli di innescare una pericolosa risposta infiammatoria.

Ci sono alcune importanti differenze tra i due vaccini.

Moderna ha annunciato che il suo vaccino può rimanere stabile alle temperature standard del frigorifero da 2 gradi Celsius a 8 gradi Celsius (da 36 gradi Fahrenheit a 46 gradi Fahrenheit) per 30 giorni.

Può essere conservato in una conservazione a lungo termine a temperature standard del congelatore di -20 gradi Celsius (-4 gradi Fahrenheit) per un massimo di sei mesi.

Il vaccino di Pfizer, d’altra parte, deve essere conservato in condizioni di congelamento a -70 gradi Celsius (-94 gradi Fahrenheit), il che potrebbe complicare la logistica della catena di approvvigionamento, in particolare nei paesi meno sviluppati.

Al rovescio della medaglia, il vaccino di Moderna ha circa tre volte più materiale genetico per dose rispetto alla sua controparte Pfizer, secondo Zoltan Kis, un ricercatore associato al Future Vaccine Manufacturing Hub dell’Imperial College. Ciò aumenta i costi di produzione e rende più difficile lo scale-up.

Le domande rimangono

Pfizer ha riportato un’efficacia del 90% e Moderna ha riportato un’efficacia quasi del 95%, ma rimane ancora una risposta a domande importanti, secondo l’immunologo di Harvard Michael Mina.

Quando il vaccino viene somministrato per la prima volta, le cellule immunitarie secernono un numero enorme di anticorpi, ma questi sono temporanei e “tutti i dati di efficacia che abbiamo ottenuto dai destinatari del vaccino sono generalmente limitati entro pochi mesi”, ha detto.

Non sappiamo ancora se, dopo circa sei mesi, le “cellule di memoria” del sistema immunitario si attiveranno per produrre nuovi anticorpi se incontrerà nuovamente il virus.

Inoltre, non disponiamo ancora di dati dettagliati su come uno dei due vaccini agisca sugli anziani, che hanno un sistema immunitario più debole e sono i più vulnerabili al COVID-19.

E infine, un’altra questione aperta è se i vaccini impediscano alle persone che sono esposte al virus di trasmetterlo alle altre persone, anche se possono essere loro stesse protette dalla malattia.

Tuttavia, Weissman è ottimista sul potenziale futuro della piattaforma, osservando che lo sviluppo è già in corso per i vaccini contro l’herpes, l’influenza e l’HIV.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter