Un buon caffè la mattina. È proprio necessario ?
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Il caffè mattutino può essere un placebo.

Un buon caffè la mattina. È proprio necessario ?

Per molte persone, la giornata non inizia finché la loro tazza di caffè non è vuota. Spesso si pensa che il caffè ti faccia sentire più vigile, quindi le persone lo bevono per svegliarsi e migliorare la propria efficienza. Scienziati portoghesi hanno studiato i bevitori di caffè per capire se l’effetto della veglia dipenda dalle proprietà della caffeina o se riguardi l’esperienza di bere il caffè.

“C’è un’aspettativa comune che il caffè aumenti la vigilanza e il funzionamento psicomotorio”, ha affermato il prof. Nuno Sousa dell’Università del Minho, corrispondente autore dello studio su Frontiers in Behavioral Neuroscience e Field Chief Editor della rivista. “Quando capisci meglio i meccanismi alla base di un fenomeno biologico, apri percorsi per esplorare i fattori che possono modularlo e persino i potenziali benefici di quel meccanismo”.

Un calcio d’inizio alla caffeina

Gli scienziati hanno reclutato persone che bevevano almeno una tazza di caffè al giorno e hanno chiesto loro di astenersi dal mangiare o bevande contenenti caffeina per almeno tre ore prima dello studio. Hanno intervistato i partecipanti per raccogliere dati sociodemografici, quindi hanno eseguito due brevi scansioni MRI funzionali: una prima e una 30 minuti dopo l’assunzione di caffeina o dopo aver bevuto una tazza di caffè standard. Durante le scansioni MRI funzionali, ai partecipanti è stato chiesto di rilassarsi e di lasciar vagare la mente.

A causa dei noti effetti neurochimici del consumo di caffè, gli scienziati si aspettavano che le scansioni MRI funzionali mostrassero che le persone che bevevano caffè avevano una maggiore integrazione delle reti collegate alla corteccia prefrontale, associata alla memoria esecutiva, e alla rete in modalità predefinita , coinvolti in processi di introspezione e autoriflessione. Hanno scoperto che la connettività della rete in modalità predefinita è diminuita sia dopo aver bevuto caffè che dopo aver assunto caffeina, il che indica che il consumo di caffeina o caffè ha reso le persone più preparate a passare dal riposo al lavoro.

Svegliarsi sul lato destro del letto

Tuttavia, bere caffè ha anche aumentato la connettività nella rete visiva superiore e nella giusta rete di controllo esecutivo, parti del cervello coinvolte nella memoria di lavoro, nel controllo cognitivo e nel comportamento diretto agli obiettivi. Questo non è accaduto quando i partecipanti assumevano solo caffeina. In altre parole, se vuoi sentirti non solo vigile ma pronto a partire, la caffeina da sola non va bene: devi provare quella tazza di caffè.

“Il consumo acuto di caffè ha ridotto la connettività funzionale tra le regioni del cervello della rete in modalità predefinita, una rete associata a processi autoreferenziali quando i partecipanti sono a riposo”, ha affermato la dott.ssa Maria Picó-Pérez dell’Università Jaume I e prima autrice. “Anche la connettività funzionale è diminuita tra le reti somatosensoriali/motorie e la corteccia prefrontale, mentre la connettività nelle regioni della rete di controllo visivo superiore e della rete di controllo esecutivo destro è aumentata dopo aver bevuto il caffè. In parole semplici, i soggetti erano più pronti all’azione e attento agli stimoli esterni dopo aver bevuto il caffè.”

“Tenendo conto che alcuni degli effetti che abbiamo trovato sono stati riprodotti dalla caffeina, potremmo aspettarci che altre bevande contenenti caffeina condividano alcuni degli effetti”, ha aggiunto Picó-Pérez. “Tuttavia, altri erano specifici per il consumo di caffè, guidati da fattori come l’odore e il gusto particolari della bevanda, o l’aspettativa psicologica associata al consumo di quella bevanda”.

Gli autori hanno sottolineato che è possibile che l’esperienza di bere caffè senza caffeina possa causare questi benefici: questo studio non ha potuto differenziare gli effetti della sola esperienza dall’esperienza combinata con la caffeina. C’è anche un’ipotesi che i benefici dichiarati dai bevitori di caffè potrebbero essere dovuti al sollievo dei sintomi di astinenza, che questo studio non ha testato.

“I cambiamenti nella connettività sono stati studiati durante una sequenza di stato di riposo. Qualsiasi associazione con processi psicologici e cognitivi viene interpretata in base alla funzione comune attribuita alle regioni e alle reti trovate, ma non è stata testata direttamente”, ha ammonito Sousa. “Inoltre, potrebbero esserci differenze individuali nel metabolismo della caffeina tra i partecipanti che sarebbe interessante esplorare in futuro”.

More information: Coffee consumption decreases the connectivity of the posterior DMN at rest, Frontiers in Behavioral Neuroscience (2023). DOI: 10.3389/fnbeh.2023.1176382