Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Il morbo di Alzheimer può essere diagnosticato prima che emergano i sintomi

NIA-AA rispetto ai criteri IWG. Differenze nella nomenclatura di individui cognitivamente sani con (+) o senza (-) evidenza di biomarcatori in vivo della patologia Aβ (A) e tau (T) nei criteri NIA-AA rispetto ai criteri IWG per l’AD. Si noti che per i criteri IWG, il presunto livello di “rischio di progressione” aumenta quando entrambi i biomarcatori A e T sono positivi. Credito: Nature Medicine (2022). DOI: 10.1038/s41591-022-02049-x

Un ampio studio condotto dall’Università di Lund in Svezia ha dimostrato che le persone con morbo di Alzheimer possono ora essere identificate prima che manifestino qualsiasi sintomo. Ora è anche possibile prevedere chi si deteriorerà nei prossimi anni. Lo studio è pubblicato su Nature Medicine ed è di grande attualità alla luce del recente sviluppo di nuovi farmaci per il morbo di Alzheimer.

È noto da tempo che esistono due proteine ​​legate all’Alzheimer: l’amiloide-beta, che forma placche nel cervello, e la tau, che in una fase successiva si accumula all’interno delle cellule cerebrali . Livelli elevati di queste proteine ​​in combinazione con deterioramento cognitivo hanno precedentemente costituito la base per la diagnosi del morbo di Alzheimer.

“I cambiamenti nel cervello si verificano tra i dieci ei vent’anni prima che il paziente manifesti sintomi evidenti, ed è solo quando la tau inizia a diffondersi che le cellule nervose muoiono e la persona in questione sperimenta i primi problemi cognitivi. Ecco perché l’Alzheimer è così difficile da diagnosticare nelle sue fasi iniziali”, spiega Oskar Hansson, medico senior in neurologia allo Skåne University Hospital e professore alla Lund University.

Ora ha condotto un ampio studio di ricerca internazionale che è stato condotto con 1.325 partecipanti provenienti da Svezia, Stati Uniti, Paesi Bassi e Australia. I partecipanti non presentavano alcun deterioramento cognitivo all’inizio dello studio. Utilizzando le scansioni PET, è possibile visualizzare la presenza di tau e amiloide nel cervello dei partecipanti.

Le persone in cui sono state scoperte le due proteine ​​​​hanno un rischio 20-40 volte maggiore di sviluppare la malattia al follow-up alcuni anni dopo, rispetto ai partecipanti che non avevano cambiamenti biologici.

“Quando sia l’amiloide-beta che la tau sono presenti nel cervello, non può più essere considerato un fattore di rischio, ma piuttosto una diagnosi. Un patologo che esamina campioni di un cervello come questo, diagnosticherebbe immediatamente il paziente con l’Alzheimer”, afferma Rik Ossenkoppele, che è il primo autore dello studio ed è ricercatore senior presso l’Università di Lund e l’Amsterdam University Medical Center.

Spiega che i ricercatori dell’Alzheimer appartengono a due scuole di pensiero: da un lato, coloro che credono che l’Alzheimer non possa essere diagnosticato fino all’inizio del deterioramento cognitivo. C’è anche il gruppo a cui lui stesso e i suoi colleghi appartengono, che affermano che una diagnosi può essere basata esclusivamente sulla biologia e su ciò che puoi vedere nel cervello.

“Puoi, ad esempio, confrontare i nostri risultati con il cancro alla prostata . Se esegui una biopsia e trovi cellule tumorali, la diagnosi sarà il cancro, anche se la persona in questione non ha ancora sviluppato sintomi”, afferma Rik Ossenkoppele.

Recentemente, sono emersi risultati positivi negli studi clinici di un nuovo farmaco contro l’Alzheimer, Lecanemab, che è stato valutato nei pazienti di Alzheimer. Sulla base di ciò, lo studio dell’Università di Lund è particolarmente interessante, affermano i ricercatori:

“Se riusciamo a diagnosticare la malattia prima che appaiano problemi cognitivi, potremmo eventualmente essere in grado di utilizzare il farmaco per rallentare la malattia in una fase molto precoce. In combinazione con l’attività fisica e una buona alimentazione, si avrebbero maggiori possibilità di prevenire o rallentando il futuro deterioramento cognitivo . Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche prima che il trattamento possa essere raccomandato per le persone che non hanno ancora sviluppato una perdita di memoria “, conclude Oskar Hansson.

 

  • I consigli nelle pagine del sito sono solo a scopo informativo ed educativo. Sia chiaro che il sito non sostituisce la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale. Consulta sempre il tuo medico per qualsiasi domanda tu possa avere su una condizione medica.

Lascia un commento