Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Il nastro di Mobius.

Mosaico, che rappresenta il Dio Aion contornato dallo zodiaco, proveniente dalla città di Sentinum nei pressi dell’odierna Sassoferrato

 

Nel 1858, August Ferdinand Möbius, per dimostrare la sua teoria sull’orientabilità, creò un oggetto che ancora oggi genera qualche discussione tra gli specialisti: questo oggetto è il nastro di Möbius.

È stato originariamente introdotto nel 1865 ed ha evidenziato l’importanza delle illusioni geometriche da un punto di vista topologico. I

l nastro è nato come risultato di studi sulla teoria geometrica del poliedro, intrapresi da Möbius mentre prestava servizio come professore di astronomia e meccanica superiore presso l’Università di Lipsia, in Germania.

L’oggetto è costituito da un elemento “unilaterale” in un formato ad anello, dove se il manipolatore appoggiasse un dito sul materiale e seguisse il percorso senza staccarsi dalla sua superfice, ritornerebbe al punto di partenza dopo due giri completi.

L’invenzione, che non è altro che unire due estremità di una striscia di carta dopo averla ruotata, è un prodotto unilaterale che rende impossibile determinare quale parte sia superiore e inferiore, interna ed esterna.

Secondo i matematici, queste sono le basi di un “oggetto non orientabile” che potrebbe ben tracciare parallelismi con concetti di tempo e realtà alternative.

Il nastro di Möbius è la rappresentazione più chiara dell’infinito, sia per il formato tradizionale così come lo conosciamo, sia per la proprietà di non avere un percorso con un inizio o una fine, ma infinito, dove si ha l’impressione di correre all’infinito un nastro biadesivo.

Oltre alla sua importanza con gli studi sull’orientamento e sul posizionamento geometrico, il nastro di Möbius porta anche grandi contributi alla topologia, un’estensione della geometria che serve a designare una famiglia di insiemi, dando la prima aria al concetto di continuità.

Gli scienziati studiano le proprietà degli oggetti che si conservano quando vengono spostati, piegati, allungati o attorcigliati, senza tagliare o incollare le parti.

Questo studio ha implicazioni importanti e porta a nuovi modi di studiare e comprendere Il Nastro di Mobius, il mondo naturale, contribuendo a sviluppare la teoria dei numeri.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Forse ti sei perso questi
Marzo 2024
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Archivio