Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Il nostro sistema immunitario è unico come un’impronta digitale o il nostro DNA

Un frammento di DNA a doppia elica. Credito: Vcpmartin/Wikimedia/ CC BY-SA 4.0

Ogni persona sembra avere un sistema immunitario completamente unico. I ricercatori dell’Università di Utrecht hanno scoperto questa diversità immunitaria dopo aver mappato gli anticorpi di individui sani e malati. La scoperta potrebbe aiutare a spiegare perché, ad esempio, i vaccini contro la corona sembrano essere meno efficaci per alcune persone.

Il modo in cui il nostro sistema immunitario risponde agli agenti patogeni varia da persona a persona. I ricercatori dell’Università di Utrecht e dell’UMC Utrecht hanno scoperto che ogni persona sviluppa un arsenale unico di anticorpi , che sono proteine ​​prodotte come parte della risposta immunitaria del corpo alle infezioni. Inoltre, la concentrazione di queste proteine ​​cambia in modo unico durante la malattia o dopo una vaccinazione. I ricercatori pubblicano oggi i loro risultati sulla rivista Cell Systems .

I risultati possono aiutare a spiegare perché alcune persone sono più inclini ad ammalarsi o perché si riprendono più velocemente dalla malattia rispetto ad altre. L’estrema diversità nelle risposte immunitarie potrebbe anche creare nuove possibilità per trattamenti e vaccinazioni personalizzati.

Nessuna sovrapposizione

Il team di Utrecht ha scoperto la diversità quando ha monitorato gli anticorpi nel sangue di individui sani e gravemente malati. Questi ultimi soffrivano di gravi infezioni, dalle quali si sono ripresi dopo il periodo trascorso in terapia intensiva.

I ricercatori hanno analizzato le concentrazioni di tutti gli anticorpi co-comparsi nel sangue. Hanno scoperto che non c’era alcuna sovrapposizione in questo senso tra i campioni di sangue delle persone indagate. La composizione e le concentrazioni degli anticorpi erano completamente diverse in ogni persona.

Alzati e scendi

Anche le concentrazioni di anticorpi sembravano aumentare e diminuire in modo unico durante la malattia. Ad esempio, in alcuni individui malati, le concentrazioni di anticorpi contro un’infezione fluttuavano più rapidamente che in altri.

Anche gli anticorpi stessi differivano. Anche gli anticorpi che miravano a colpire esattamente gli stessi agenti patogeni sembravano differire leggermente a livello molecolare.

Misure estremamente sensibili

Finora questo carattere distintivo non era stato notato. Gli scienziati hanno ritenuto impossibile mappare con precisione una complessa miscela di anticorpi nel sangue. Ma il team di ricerca di Utrecht, guidato dal biochimico Albert Heck, è riuscito a raggiungere questo obiettivo. Il team ha sviluppato un’analisi estremamente sensibile che rivela minuscole differenze nelle miscele di anticorpi. Il metodo è un perfezionamento di una tecnica collaudata chiamata spettrometria di massa , che separa le sostanze in base alla loro composizione molecolare.

Mai esattamente lo stesso

“Ormai abbiamo testato questa tecnica su un centinaio di persone, compresi i pazienti Covid e le persone vaccinate”, afferma Heck. “Non una volta abbiamo incontrato esattamente gli stessi anticorpi in due persone diverse. È sicuro dire che il profilo anticorpale di ognuno è unico come il DNA di qualcuno, o forse anche di più”.

Piccole differenze, grandi conseguenze

Anche se le differenze negli anticorpi sono piccole, possono influenzare notevolmente il decorso di una malattia. Secondo Heck, le differenze possono persino spiegare perché alcune persone si ammalano a causa di un’infezione e altre no. Se qualcuno produce meno anticorpi contro un determinato agente patogeno, o varianti meno efficaci, una malattia potrebbe colpire più duramente o più volte.

Differenze nel successo del vaccino contro il Covid

Secondo Heck, la diversità degli anticorpi potrebbe anche spiegare perché alcune persone contraggono ancora una malattia contro la quale sono state vaccinate, o anche quando hanno avuto la stessa malattia prima. Questo vale anche per i vaccini corona. Heck dice che “dopo essere stato esposto al virus, attraverso l’infezione o la vaccinazione, il tuo corpo inizia a produrre forse dozzine di anticorpi diversi contro il virus. Ma quegli anticorpi possono agire principalmente contro una sola variante della corona. Se appare un’altra variante, potresti diventare contagiato di nuovo».

In altre persone, il risultato può essere molto diverso, perché anche i loro profili anticorpali sono diversi. Heck afferma che “un’altra persona produce varianti leggermente diverse di anticorpi, o in concentrazioni diverse, che potrebbero proteggere meglio contro altre varianti del virus. Una persona del genere ha quindi meno probabilità di ammalarsi a causa di un’infezione con una nuova variante”.

Vaccinazione su misura

Secondo Heck, questo apre nuove opportunità per fare vaccinazioni ottimali, su misura per il sistema immunitario di qualcuno. “Mappando il profilo anticorpale di qualcuno, puoi monitorare come il corpo risponde a una vaccinazione o infezione. In questo modo, puoi anche verificare se il corpo produce abbastanza degli anticorpi desiderati, ad esempio quelli contro il coronavirus. Se la produzione è insufficiente , puoi considerare di offrire colpi di richiamo.”

Un sogno diventato realtà

Heck descrive la pubblicazione su Cell Systems come un sogno diventato realtà. “Circa cinque anni fa mi chiedevo se potessimo raggiungere questo obiettivo. Ora risulta essere tecnicamente possibile, grazie a un enorme lavoro di squadra, e stiamo vedendo che apre un’enorme quantità di nuove possibilità per la prevenzione e il trattamento”.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Forse ti sei perso questi
Febbraio 2024
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829  
Archivio