Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Le chiavi del vulcano Cumbre Vieja: perché si è verificata questa eruzione a La Palma? Quanto può durare?

Eruzione Cumbre Vieja

L'isola vulcanica, una delle più giovani dell'arcipelago, è ancora in formazione. 
Dall'eruzione di Teneguía nel 1971, era rimasto senza attività rilevanti, 
fino a quando nel 2017 la sismicità è stata riattivata con diverse serie di terremoti 
che si sono rafforzati a partire dall'11 settembre.

 

È passata appena una settimana dall’inizio di questa crisi sismica, che ha finalmente portato al fenomeno eruttivo sull’isola di La Palma . Come è stato ricordato in questi giorni, l’arcipelago delle Canarie è di origine vulcanica e l’attività è ancora viva sotto le sue isole, quindi è naturale aspettarsi che di tanto in tanto i suoi abitanti sperimentino un’eruzione come quella di questa domenica.

Perché era prevista un’eruzione?

L’ 11 settembre è iniziata una serie di terremoti concentrati nella zona sud-ovest dell’isola di La Palma, che gli scienziati hanno collegato alla possibilità che il magma si spinga sotto la superficie, che potrebbe finire per provocare un’eruzione. Questo sciame sismico è stato localizzato sempre più vicino alla superficie: i terremoti sono passati da 20 chilometri di profondità a soli 100 metri, solo negli ultimi due giorni. Questo comportamento del fenomeno ha portato a credere che fosse il magma a generare rotture nel suo cammino verso l’esterno. Inoltre, l’isola si era gonfiata fino a 15 centimetri la mattina di questa domenica, altro segno dell’esistenza di quel magma.

Perché è successo adesso?

Esattamente 50 anni fa, nell’ottobre 1971, avvenne l’ultima eruzione a La Palma, con la Teneguía , che fu anche l’ultima eruzione terrestre in Spagna. Da allora, l’attività sismovulcanica è rimasta tranquilla fino a quando non si è riattivata nel 2017, con diversi sciami sismici negli anni successivi, ma mai così energici come questa settimana. Tutta quella forza tellurica, insieme all’improvvisa deformazione del terreno, preannunciava questa eruzione.

Quanti terremoti hanno preceduto l’eruzione?

Secondo il National Geographic Institute, in questo sciame sismico sono state registrate quasi 7.000 scosse, di poca magnitudo e intensità fino a domenica mattina. L’attuale fenomeno sismico è stato “molto energico” e ha rilasciato in pochi giorni più energia di quella causata dall’eruzione sottomarina di El Hierro nel 2011 nell’arco di due mesi, come spiegato dal direttore dell’IGN nelle Isole Canarie , María José bianco.

Perché è successo in quella zona?

L’isola di La Palma è molto giovane in termini geologici, appena due milioni di anni, anche se ha cominciato a formarsi sotto il mare quattro milioni di anni fa. Ma l’isola ha due parti molto nettamente differenziate: il nord, più antico e più solido, rispetto al sud, più giovane e ancora in formazione. Il magma continua ad espandere l’isola nella parte meridionale. Infatti, tutti gli ultimi vulcani sorti negli ultimi secoli si sono verificati in quella zona, come San Juan, del 1949, o Teneguía, mezzo secolo fa.

Perché non c’è un solo vulcano?

Le eruzioni nelle Isole Canarie sono generalmente fissili, cioè si rompono come una fessura con diversi punti attraverso i quali emanano lava, gas e altri materiali. David Calvo, di Involcan, spiega che queste eruzioni sono chiamate “cluster”. “Siamo arrivati ​​a contare otto, per ora, ma nelle prossime ore potrebbero emergere altri, mentre altri stanno svanendo”, dice. La cosa normale è che appaiano più bocche esplosive, generalmente allineate, ma che entrando in una fase matura dell’eruzione, alcune di queste fessure perderanno energia e si ostruiranno, concentrando tutta la forza di emissione della lava in un punto. “Questo è quello che è successo con la Teneguía, che prima ha aperto diverse bocche eruttive e poi si è concentrata su una sola, che ha anche coperto le altre”, aggiunge Calvo. Qualcosa di simile è accaduto anche nell’eruzione sottomarina di El Hierro,dove le misurazioni e i sottomarini potevano mostrare una fila con almeno tre coni attraverso i quali i materiali emanavano.

Come facevano gli scienziati a sapere che l’eruzione sarebbe avvenuta a quel punto?

La comunità scientifica vi ha fatto installare per anni diverse stazioni da organizzazioni come l’IGN, l’Istituto geologico e minerario (IGME), le università delle Canarie e l’Istituto vulcanologico delle Canarie (Involcan). Tutti questi mezzi hanno permesso di localizzare perfettamente il fenomeno: in quel punto si concentravano sia lo sciame sismico che la deformazione del suolo. Inoltre, nei giorni scorsi era stata schierata una squadra con più scienziati, strumenti e altri dispositivi. La deformazione del terreno, ad esempio, è stata calcolata grazie alle stazioni fisse, ma anche grazie alle osservazioni fornite dal programma Copernicus dei satelliti di osservazione dell’Unione Europea. Cosa c’è di più,Un aereo richiesto dal governo delle Isole Canarie si era recato al ministero per la transizione ecologica per monitorare e seguire l’attività vulcanica. L’Igme aveva schierato droni e anche dal cielo l’Involcan stava studiando l’area delle scosse da un elicottero.

Quanto può durare l’eruzione?

Non puoi saperlo con certezza. Il contesto storico e la vulcanologia della zona indicano che questo fenomeno eruttivo potrebbe durare diverse settimane, anche mesi , come è successo con i recenti vulcani Tagoro, a El Hierro (cinque mesi) e a Teneguía (più di tre settimane). Tuttavia, al momento è troppo presto per conoscere le dinamiche che seguirà questa eruzione, l’energia che potrebbe sprigionare dalle diverse fessure che si sono aperte nel terreno e la quantità di metri cubi di magma che spingono ad uscire del terreno Esterno.

Come si comporterà la lava?

L’IGN ha già realizzato modelli matematici per identificare l’area attraverso la quale potrebbero muoversi le lingue di lava. Tutte queste informazioni sul percorso che la lava potrebbe seguire nel suo percorso verso il mare sono nelle mani della Protezione Civile, come conferma la direttrice dell’Osservatorio Geofisico Centrale dell’IGN, Carmen López: “L’area di massima probabilità di essere interessati da colate laviche”. Tuttavia, questi calcoli sono stati fatti dalle nove bocche eruttive, da due diverse fessure, che si sono già aperte. Ma gli scienziati non escludono che si possano aprire nuove fessure. “La lava si raffredda molto velocemente in superficie”, sottolinea Stavros Meletlidis, ricercatore dell’IGN di La Palma, “ma può avere uno spessore di diversi metri e va osservata con misurazioni della temperatura dell’interno”.La lava può solidificarsi rapidamente, in pochi giorni, ma spiega che la nuova lava che spinge da dietro aggiunge anche calore mantenendo la lingua calda.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter