Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Il riscaldamento artico è tre volte più veloce del resto del pianeta

In less than half a century, from 1971 to 2019, the Arctic’s average annual temperature rose by 3.1C, compared to 1C for the planet as a whole.

L’Artico si è riscaldato tre volte più rapidamente del pianeta nel suo insieme e più velocemente di quanto si pensasse in precedenza, ha avvertito un rapporto giovedì.

Il ghiaccio marino artico sembra destinato a essere una delle prime vittime dell’aumento delle temperature, con ogni frazione di grado che fa una grande differenza: la possibilità che scompaia completamente in estate è 10 volte maggiore se la Terra si riscalda di 2 gradi Celsius sopra i livelli preindustriali rispetto a 1.5C, l’obiettivo fissato dall’Accordo di Parigi del 2015.

La scoperta allarmante arriva dal Programma di monitoraggio e valutazione artica (AMAP) in un rapporto programmato per coincidere con una riunione ministeriale di questa settimana del Consiglio artico a Reykjavik, che riunisce i paesi confinanti con la regione.

“L’Artico è un vero e proprio punto caldo per il riscaldamento climatico “, ha detto Jason Box, un glaciologo del Geological Survey of Denmark and Groenlandia.

In meno di mezzo secolo, dal 1971 al 2019, la temperatura media annuale dell’Artico è aumentata di 3,1 ° C, rispetto a 1 ° C dell’intero pianeta.

È più di quanto si sospettasse in precedenza. In un rapporto del 2019 sugli spazi ghiacciati della Terra, l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite ha concluso che la temperatura dell’aria superficiale artica è probabilmente aumentata “di oltre il doppio della media globale”.

incendi boschivi

Secondo i ricercatori, un punto di svolta è arrivato nel 2004, quando la temperatura nell’Artico è aumentata per ragioni in gran parte inspiegabili.

Da allora, il riscaldamento è continuato a un tasso superiore del 30% rispetto ai decenni precedenti.

La regione sta ora vivendo “eventi caldi invernali sempre più duraturi”, ha detto Box all’AFP.

Durante i mesi estivi, da giugno a settembre, viene aggiunto calore dall’oceano, che è sempre più privo di ghiaccio e dall’isolamento che fornisce.

E il riscaldamento non finirà presto.

Secondo le previsioni del rapporto, entro la fine del secolo le temperature medie nell’Artico dovrebbero aumentare di 3,3-10 gradi sopra la media per il periodo 1985-2014.

La cifra finale dipende dalla rapidità con cui l’umanità riduce le emissioni di gas serra.

According to researchers, a turning point came in 2004 when the temperature in the Arctic surged for largely unexplained reason.

Il riscaldamento ha conseguenze immediate per l’ecosistema artico, compresi i cambiamenti nell’habitat, nelle abitudini alimentari e nelle interazioni tra gli animali, incluso l’iconico orso polare, e la migrazione di alcune specie.

Dalla Siberia all’Alaska, anche gli incendi boschivi sono diventati un problema.

“Questo è l’aspetto di 3C, non sono solo numeri, sono foreste in fiamme”, ha detto Box.

“L’impatto degli incendi selvaggi non si limita alle preoccupazioni per la sicurezza pubblica, come la protezione della vita e della proprietà”, ha affermato il ricercatore statunitense Michael Young, coordinatore dei progetti per gli incendi selvaggi del Consiglio artico.

“Il fumo che producono contiene anche anidride carbonica e carbonio nero, che contribuiscono entrambi al cambiamento climatico “.

Impatto globale

Le conseguenze sono drammatiche anche per i quattro milioni di persone che vivono nella regione, soprattutto per le popolazioni indigene .

“I cacciatori nella Groenlandia nordoccidentale riferiscono che il periodo in cui è possibile viaggiare con le slitte trainate da cani sul ghiaccio marino è diminuito da cinque a tre mesi”, ha affermato Sarah Trainor, direttrice dell’Alaska Center for Climate Assessment and Policy.

“I cacciatori e i pescatori indigeni in Canada e Russia hanno segnalato foche più sottili, diminuzione della salute della fauna selvatica e una maggiore prevalenza di vermi nei pesci e nei mammiferi marini”, ha aggiunto.

Un Artico più caldo è anche più umido, con la pioggia che sostituisce la neve.

“I pastori di renne in Fennoscandia (Finlandia e Scandinavia) e in Russia hanno subito gravi perdite nelle loro mandrie a causa di nevicate estreme e eventi di pioggia su neve”, ha aggiunto Trainor, poiché strati di pioggia gelata impediscono alle renne di raggiungere i licheni che mangiano.

“Nessuno sulla Terra è immune al riscaldamento dell’Artico”, afferma il rapporto AMAP, sottolineando che i suoi effetti si sono fatti sentire in lungo e in largo.

Lo scioglimento di centinaia di miliardi di tonnellate di ghiaccio ogni anno in Groenlandia porta all’innalzamento del livello del mare, che mette in pericolo la vita delle persone che vivono a migliaia di chilometri di distanza.

Il ghiaccio che si allontana ha aperto opportunità economiche, spesso con sgomento degli attivisti ambientali, comprese nuove zone di pesca, nuove rotte di navigazione commerciale e un più facile accesso a potenziali risorse minerali, petrolio e gas.

Tuttavia, osserva Trainor, “il potenziale di espansione di queste industrie è mitigato dagli sforzi per limitare le emissioni di gas serra e raggiungere gli obiettivi stabiliti dall’accordo di Parigi”.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter