Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Intelligenza emotiva

 

Da quando è stato introdotto per la prima volta decenni fa, il concetto di intelligenza emotiva è stato annunciato da molti come la chiave segreta e intangibile del successo. Ma poiché l’idea è cresciuta in popolarità, è stata anche ampiamente fraintesa e, a volte, criticata. È interessante notare che anche scienziati, ricercatori e altri non sono sempre d’accordo su cosa sia esattamente l’intelligenza emotiva.

Potresti aver letto varie definizioni complesse per ciò che costituisce il concetto di intelligenza emotiva. Ma in realtà possiamo riassumerlo in una singola, semplice frase:

L’intelligenza emotiva è la capacità di far funzionare le emozioni per te, invece che contro di te.

Potresti essere cauto nel cercare di gestire le emozioni, siano esse tue o di qualcun altro.

Ma prima di respingere l’idea, considera solo due esempi di come potrebbe apparire nella vita reale:

Gestire le tue emozioni: diciamo che sei coinvolto in una conversazione che improvvisamente si trasforma da disaccordo amichevole a discussione appassionata. Quando ti rendi conto che la situazione è diventata emotivamente carica, ti sforzi di tenere i tuoi sentimenti “sotto controllo”, anche prendendo un congedo per impedirti di dire o fare qualcosa di cui in seguito ti pentirai.

Gestire le emozioni degli altri: in un’altra occasione, riconosci che il tuo interlocutore sta parlando e agendo in modo irrazionale, poiché si trova in uno stato emotivo, anche se rimani calmo. Quindi fai degli sforzi per disinnescare la situazione … o cambiare delicatamente argomento. Se è necessario continuare la discussione, decidi di aspettare che la persona si trovi in ​​uno stato d’animo migliore, quindi rifletti attentamente su come affrontare l’argomento nel modo giusto.

Questi sono solo due esempi e non sono adatti a tutti. Alcuni problemi richiedono una risposta immediata. E in determinate circostanze, potrebbe essere meglio per te mostrare la tua rabbia, fintanto che è nella misura giusta e non perdi il controllo di te stesso.

Ma ogni giorno assistiamo ad azioni emotivamente intelligenti che rendono noi e le persone che ci circondano migliori. Ad esempio, considera quanto segue:

Invece di respingere un reclamo di un bambino di 5 anni, il CEO di Gap ha portato il suo suggerimento dall’idea al grande cambiamento in sole due settimane
Il CEO di Microsoft Satya Nadella ha inviato un’e-mail straordinaria ai dipendenti, dopo che hanno commesso un errore epico
Il proprietario di un ristorante è stato criticato pubblicamente dal New York Times; invece di rispondere di scatto o deviare il feedback, ha messo da parte i suoi sentimenti e si è scusato
Il COO di Facebook Sheryl Sandberg ha utilizzato una tragedia personale per migliorare le politiche aziendali per i suoi colleghi

Un’altra cosa: è importante rendersi conto che l’intelligenza emotiva non è intrinsecamente virtuosa. Come ogni abilità, può essere usata sia eticamente che non eticamente; per esempio, gli psicologi hanno documentato come i narcisisti e gli egocentrici usano tali abilità per fare il prepotente o manipolare gli altri.

Ma la migliore difesa contro l’essere manipolati da persone con un’elevata intelligenza emotiva … è lavorare per aumentare la propria.

Quindi, sia che tu stia cercando di ottenere il meglio da te stesso o dalla tua squadra, o cercando di proteggerti dagli altri che stanno cercando di sfruttare i tuoi sentimenti, ricorda:

Lavora per aumentare la tua intelligenza emotiva.

E fai in modo che le emozioni lavorino per te, invece che contro di te.
Nel 1995, lo psicologo e giornalista scientifico Daniel Goleman ha pubblicato un libro che introduce alla maggior parte del mondo il concetto nascente di intelligenza emotiva. L’idea – che la capacità di comprendere e gestire le emozioni aumenti notevolmente le nostre possibilità di successo – è decollata rapidamente e ha continuato a influenzare notevolmente il modo in cui le persone pensano alle emozioni e al comportamento umano.

Ma che aspetto ha l’ intelligenza emotiva , come si manifesta nella vita di tutti i giorni?

Negli ultimi due anni, ho esplorato questa domanda nella ricerca del mio prossimo libro, EQ, Applied . In tal modo, ho identificato una serie di azioni che illustrano come appare l’intelligenza emotiva nel mondo reale.

Eccone 13:
1. Pensi ai sentimenti.

L’intelligenza emotiva inizia con quella che viene chiamata consapevolezza di sé e sociale, la capacità di riconoscere le emozioni (e il loro impatto) sia in te stesso che negli altri.

Quella consapevolezza inizia con la riflessione. Fai domande come:

Quali sono i miei punti di forza emotivi? Quali sono i miei punti deboli?
In che modo il mio umore attuale influenza i miei pensieri e il mio processo decisionale?
Cosa sta succedendo sotto la superficie che influenza ciò che gli altri dicono o fanno?

Ponderando domande come queste si ottengono informazioni preziose che possono essere utilizzate a proprio vantaggio.
2. Pausa.

La pausa è semplice come prendersi un momento per fermarsi e pensare prima di parlare o agire. (Facile in teoria, difficile in pratica.) Questo può aiutarti a salvarti da momenti imbarazzanti o dal prendere impegni troppo velocemente.

In altre parole, mettere in pausa ti aiuta a non prendere una decisione permanente basata su un’emozione temporanea.
3. Ti sforzi di controllare i tuoi pensieri.

Non hai molto controllo sull’emozione che provi in ​​un dato momento. Ma puoi controllare la tua reazione a quelle emozioni concentrandoti sui tuoi pensieri. (Come è stato detto: non puoi impedire a un uccello di atterrare sulla tua testa, ma puoi impedirgli di costruire un nido.)

Sforzandoti di controllare i tuoi pensieri, resisti a diventare schiavo delle tue emozioni, permettendoti di vivere in un modo che è in armonia con i tuoi obiettivi e valori.
4. Trai vantaggio dalle critiche.

A nessuno piace il feedback negativo. Ma sai che la critica è un’opportunità per imparare, anche se non viene espressa nel modo migliore. E anche quando è infondato, ti dà una finestra su come pensano gli altri.

Quando ricevi un feedback negativo, tieni sotto controllo le tue emozioni e ti chiedi: come può questo migliorarmi?
5. Dimostrate autenticità.

L’autenticità non significa condividere tutto di te, con tutti, sempre. Si fa media dire quello che vuoi dire, che significa quello che dici, e attenersi ai vostri valori e principi di cui sopra tutto il resto.

Sai che non tutti apprezzeranno la tua condivisione di pensieri e sentimenti. Ma quelli che contano lo faranno.
6. Dimostrate empatia.

La capacità di mostrare empatia, che include la comprensione dei pensieri e dei sentimenti degli altri, ti aiuta a connetterti con gli altri. Invece di giudicare o etichettare gli altri, lavori duro per vedere le cose attraverso i loro occhi.

Empatia non significa necessariamente essere d’accordo con il punto di vista di un’altra persona. Piuttosto, si tratta di sforzarsi di capire, il che ti consente di costruire relazioni più profonde e connesse.
7. Lodate gli altri.

Tutti gli esseri umani bramano il riconoscimento e l’apprezzamento. Quando elogi gli altri, soddisfi quel desiderio e crei fiducia nel processo.

Tutto inizia quando ti concentri sul bene degli altri. Quindi, condividendo specificamente ciò che apprezzi, li ispiri ad essere la migliore versione di se stessi.
8. Dai un feedback utile.

Il feedback negativo ha un grande potenziale per ferire i sentimenti degli altri. Rendendoti conto, riformuli le critiche come feedback costruttivi, in modo che il destinatario le consideri utili invece che dannose.
9. Chiedi scusa.

Ci vuole forza e coraggio per poter dire che ti dispiace. Ma farlo dimostra umiltà, una qualità che attirerà naturalmente gli altri verso di te.

L’intelligenza emotiva ti aiuta a capire che chiedere scusa non significa sempre che ti sbagli. Essa non significa valorizzare il vostro rapporto più che il tuo ego.
10. Perdonate e dimenticate.

Aggrapparsi al risentimento è come lasciare un coltello dentro una ferita. Mentre la parte offensiva va avanti con la loro vita, non ti dai mai la possibilità di guarire.

Quando perdoni e dimentichi, impedisci agli altri di tenere in ostaggio le tue emozioni, permettendoti di andare avanti.
11. Mantieni i tuoi impegni.

Oggigiorno è comune per le persone rompere un accordo o un impegno quando ne hanno voglia. Ovviamente, rinunciare a una serata di Netflix con un amico causerà meno danni che infrangere una promessa fatta a tuo figlio o mancare a una scadenza importante.

Ma quando prendi l’abitudine di mantenere la tua parola – in cose grandi e piccole – sviluppi una solida reputazione di affidabilità e affidabilità.
12. Aiuti gli altri.

Uno dei modi migliori per avere un impatto positivo sulle emozioni degli altri è aiutarli.

Alla maggior parte delle persone non importa da dove ti sei laureato o anche dei tuoi precedenti risultati. Ma per quanto riguarda le ore che sei disposto a prendere dal tuo programma per ascoltare o aiutare? Sei pronto a scendere in trincea e lavorare al loro fianco?

Azioni come queste creano fiducia e ispirano gli altri a seguire il tuo esempio quando conta.
13. Ti proteggi dal sabotaggio emotivo.

Ti rendi conto che l’intelligenza emotiva ha anche un lato oscuro, come quando gli individui tentano di manipolare le emozioni degli altri per promuovere un programma personale o per qualche altra causa egoistica.

Ed è per questo che continui ad affinare la tua intelligenza emotiva – per proteggerti quando lo fanno.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter