Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

La criosfera terrestre si sta riducendo di 87.000 chilometri quadrati all’anno

La criosfera globale, tutte le aree con acqua ghiacciata sulla Terra, si è ridotta in media di circa 87.000 chilometri quadrati (circa 33.000 miglia quadrate, un’area delle dimensioni del Lago Superiore) in media tra il 1979 e il 2016, a causa del cambiamento climatico , secondo un nuovo studio. Questa ricerca è la prima a fare una stima globale della superficie della Terra coperta da ghiaccio marino, manto nevoso e terreno ghiacciato.

L’estensione della terra coperta dall’acqua ghiacciata è importante quanto la sua massa perché la superficie bianca brillante riflette la luce solare in modo così efficace, raffreddando il pianeta. I cambiamenti nelle dimensioni o nella posizione del ghiaccio e della neve possono alterare la temperatura dell’aria, modificare il livello del mare e persino influenzare le correnti oceaniche in tutto il mondo.

Il nuovo studio è pubblicato su Earth’s Future , la rivista di AGU per la ricerca interdisciplinare sul passato, presente e futuro del nostro pianeta e dei suoi abitanti.

“La criosfera è uno degli indicatori climatici più sensibili e il primo a dimostrare un mondo che cambia”, ha affermato il primo autore Xiaoqing Peng, geografo fisico presso l’Università di Lanzhou. “Il suo cambiamento di dimensioni rappresenta un grande cambiamento globale, piuttosto che un problema regionale o locale”.

La criosfera contiene quasi tre quarti dell’acqua dolce della Terra e, in alcune regioni montuose, i ghiacciai in diminuzione minacciano le riserve di acqua potabile. Molti scienziati hanno documentato il restringimento delle calotte glaciali , la diminuzione del manto nevoso e la perdita di ghiaccio marino artico individualmente a causa del cambiamento climatico. Ma nessuno studio precedente ha considerato l’intera estensione della criosfera sulla superficie terrestre e la sua risposta alle temperature di riscaldamento.

The percentage of each area that experiences ice, snow or frozen ground at some point during the year (1981–2010). Credit: Peng et al

 

Contrazione nello spazio e nel tempo

Peng e i suoi coautori dell’Università di Lanzhou hanno calcolato l’estensione giornaliera della criosfera e hanno calcolato la media di questi valori per ottenere stime annuali. Mentre l’estensione della criosfera cresce e si riduce con le stagioni, hanno scoperto che l’area media coperta dalla criosfera terrestre si è contratta complessivamente dal 1979, in correlazione con l’aumento della temperatura dell’aria.

Il restringimento si è verificato principalmente nell’emisfero settentrionale, con una perdita di circa 102.000 chilometri quadrati (circa 39.300 miglia quadrate), o circa la metà delle dimensioni del Kansas, ogni anno. Queste perdite sono leggermente compensate dalla crescita nell’emisfero australe, dove la criosfera si è espansa di circa 14.000 chilometri quadrati (5.400 miglia quadrate) all’anno. Questa crescita si è verificata principalmente nel ghiaccio marino nel Mare di Ross intorno all’Antartide, probabilmente a causa dei modelli di vento e correnti oceaniche e dell’aggiunta di acqua fredda di disgelo dalle calotte glaciali antartiche.

Le stime hanno mostrato che non solo la criosfera globale si stava riducendo, ma che molte regioni sono rimaste congelate per meno tempo. Il primo giorno medio di congelamento ora si verifica circa 3,6 giorni dopo rispetto al 1979 e il ghiaccio si scioglie circa 5,7 giorni prima.

“Questo tipo di analisi è una buona idea per un indice globale o indicatore del cambiamento climatico”, ha affermato Shawn Marshall, un glaciologo dell’Università di Calgary, che non è stato coinvolto nello studio. Pensa che un prossimo passo naturale sarebbe quello di utilizzare questi dati per esaminare quando il ghiaccio e la copertura nevosa danno alla Terra la sua massima luminosità, per vedere come i cambiamenti nell’albedo influiscono sul clima su base stagionale o mensile e come questo cambia nel tempo.

Per compilare la loro stima globale dell’estensione della criosfera, gli autori hanno suddiviso la superficie del pianeta in un sistema a griglia. Hanno utilizzato i set di dati esistenti sull’estensione del ghiaccio marino globale, la copertura nevosa e il suolo ghiacciato per classificare ogni cellula nella griglia come parte della criosfera se conteneva almeno uno dei tre componenti. Quindi hanno stimato l’ estensione della criosfera su base giornaliera, mensile e annuale e hanno esaminato come è cambiata nel corso dei 37 anni del loro studio.

Gli autori affermano che il set di dati globale può ora essere utilizzato per sondare ulteriormente l’impatto dei cambiamenti climatici sulla criosfera e in che modo questi cambiamenti influiscono sugli ecosistemi, sullo scambio di carbonio e sui tempi dei cicli di vita di piante e animali.

 

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter