Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

La missione Lucy della Nasa si prepara al lancio verso gli asteroidi Troiani di Giove

Lo stadio centauro della United Launch Alliance (ULA) per la missione Lucy della NASA viene sollevato con una gru nella struttura di integrazione verticale vicino al complesso di lancio spaziale 41 presso la stazione della forza spaziale di Cape Canaveral in Florida giovedì 16 settembre 2021. La navicella spaziale Lucy è programmata per lancio non prima di sabato 16 ottobre, su un razzo ULA Atlas V 401 dal Pad 41. Il programma di servizi di lancio della NASA con sede al Kennedy Space Center sta gestendo il lancio. Durante la sua missione primaria di 12 anni, Lucy esplorerà un numero record di asteroidi, volando accanto a un asteroide nella fascia principale del sistema solare e sette asteroidi troiani. Inoltre, il percorso di Lucy tornerà sulla Terra tre volte per l’assistenza gravitazionale, rendendola la prima navicella spaziale in assoluto a tornare nelle vicinanze della Terra dal sistema solare esterno. Credito: NASA/Kim Shiflett

La NASA ha testato le funzioni di Lucy, la prima navicella spaziale dell’agenzia per studiare gli asteroidi troiani di Giove, l’ha riempita di carburante e si sta preparando a imballarla in una capsula per il lancio sabato 16 ottobre.

Prende il nome da personaggi della mitologia greca, questi asteroidi circondano il Sole in due sciami, con un gruppo che precede Giove nel suo percorso, l’altro che lo segue. Lucy sarà la prima navicella spaziale a visitare questi asteroidi. Studiando da vicino questi asteroidi, gli scienziati sperano di affinare le loro teorie su come i pianeti del nostro sistema solare si sono formati 4,5 miliardi di anni fa e perché sono finiti nella loro configurazione attuale.

“Con Lucy, raggiungeremo otto asteroidi mai visti prima in 12 anni con un singolo veicolo spaziale”, ha affermato Tom Statler, scienziato del progetto Lucy presso la sede della NASA a Washington. “Questa è una fantastica opportunità di scoperta mentre esploriamo il lontano passato del nostro sistema solare”.

Seguendo tutti i protocolli di pandemia, i membri del team di Lucy hanno trascorso le ultime otto settimane al Kennedy Space Center della NASA in Florida, preparando la navicella per il volo. Gli ingegneri hanno testato i sistemi meccanici, elettrici e termici della navicella e si sono esercitati nell’esecuzione della sequenza di lancio dai centri operativi della missione a Kennedy e Lockheed Martin Space a Littleton, in Colorado. All’inizio di agosto, gli ingegneri hanno installato l’antenna ad alto guadagno del veicolo spaziale, la sua seconda caratteristica più importante dopo gli ampi pannelli solari , che consentirà al veicolo spaziale di comunicare con la Terra.

“C’è stato molto lavoro pratico”, ha affermato Donya Douglas-Bradshaw, responsabile del progetto Lucy presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland. “Questa estate è passata così velocemente; è difficile credere che siamo quasi al lancio”.

Il 18 settembre, gli ingegneri della propulsione hanno finito di riempire i serbatoi di carburante di Lucy con circa 1.600 libbre (725 chilogrammi) di idrazina liquida e ossigeno liquido, che costituiscono il 40% della massa del veicolo spaziale. Il carburante verrà utilizzato per manovre precise che spingeranno Lucy verso le sue destinazioni asteroidali nei tempi previsti, mentre i pannelli solari, ciascuno della larghezza di uno scuolabus, ricaricheranno le batterie che alimenteranno gli strumenti della navicella spaziale.

La navicella Lucy sarà presto imballata nelle due metà della carenatura del veicolo di lancio, che si chiuderà intorno ad essa come una conchiglia. Dopo che il veicolo spaziale è stato incapsulato, il team di Lucy sarà in grado di comunicare con esso elettricamente attraverso un “cordone ombelicale”.

“Lanciare un’astronave è quasi come mandare un bambino al college: hai fatto il possibile per prepararlo da solo per il prossimo grande passo”, ha detto Hal Levison, l’investigatore principale della missione Lucy, con sede a il Southwest Research Institute di Boulder, in Colorado.

All’inizio di ottobre, il veicolo spaziale incapsulato sarà trasportato al Vehicle Integration Facility presso la Cape Canaveral Space Force Station, dove sarà “accoppiato” con il razzo Atlas V 401 della United Launch Alliance. L’Atlas V decollerà dallo Space Launch Complex 41. Il razzo trasporterà Lucy fuori dall’atmosfera terrestre per iniziare il lungo viaggio verso gli asteroidi troiani.

Pochi giorni prima del lancio, gli ingegneri attiveranno la navicella spaziale Lucy in preparazione della missione. Questo processo richiederà circa 20 minuti.

“La navicella sarà in configurazione di lancio e il team di ingegneri ne monitorerà continuamente la salute e lo stato per assicurarsi che Lucy sia pronta a partire”, ha affermato Jessica Lounsbury, ingegnere dei sistemi del progetto Lucy presso Goddard. “E poi è il giorno del lancio.”

Il primo tentativo di lancio di Lucy è previsto per le 5:34 EDT del 16 ottobre. Quel giorno, la squadra sarà “chiamata alle stazioni” all’una di notte, quando tutti dovrebbero arrivare al controllo missione e alle altre stazioni per monitorare il veicolo spaziale ed eseguire tutte le procedure di conto alla rovescia di lancio. Se il tempo o altri problemi vietano un lancio quel giorno, il team avrà ulteriori opportunità di lancio a partire dal giorno successivo.

Il Southwest Research Institute di Boulder, in Colorado, è l’istituto di origine del ricercatore principale per la missione Lucy. Goddard fornisce la gestione complessiva della missione, l’ingegneria dei sistemi e la sicurezza e l’assicurazione della missione. Lockheed Martin Space a Littleton, in Colorado, ha costruito la navicella spaziale. Lucy è la tredicesima missione del Discovery Program della NASA. Il Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, in Alabama, gestisce il Discovery Program per la direzione della missione scientifica dell’agenzia a Washington. Il lancio è gestito dal Launch Services Program della NASA con sede a Kennedy.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter