Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

La mutazione del coronavirus potrebbe averlo reso più contagioso: studio

Uno studio che ha coinvolto più di 5.000 pazienti COVID-19 a Houston ha scoperto che il virus che causa la malattia sta accumulando mutazioni genetiche, una delle quali potrebbe averlo reso più contagioso. Secondo il documento pubblicato sulla rivista peer-reviewed mBIO , quella mutazione, chiamata D614G, si trova nella proteina spike che apre le nostre cellule per l’ingresso virale. È il più grande studio peer-reviewed sulle sequenze del genoma di SARS-CoV-2 in una regione metropolitana degli Stati Uniti fino ad oggi.

Il documento mostra che “il virus sta mutando a causa di una combinazione di deriva neutra – che significa semplicemente cambiamenti genetici casuali che non aiutano o danneggiano il virus – e la pressione del nostro sistema immunitario”, ha detto Ilya Finkelstein, professore associato di bioscienze molecolari a L’Università del Texas ad Austin e coautore dello studio. Lo studio è stato condotto da scienziati dello Houston Methodist Hospital, UT Austin e altrove.

Durante l’ondata iniziale della pandemia, il 71% dei nuovi coronavirus identificati nei pazienti di Houston presentava questa mutazione. Quando la seconda ondata dell’epidemia ha colpito Houston durante l’estate, questa variante era balzata al 99,9% di prevalenza. Ciò rispecchia una tendenza osservata in tutto il mondo. Uno studio pubblicato a luglio sulla base di oltre 28.000 sequenze genomiche ha rilevato che le varianti portatrici della mutazione D614G sono diventate la forma dominante a livello mondiale di SARS-CoV-2 in circa un mese. SARS-CoV-2 è il coronavirus che causa COVID-19.

Allora perché i ceppi contenenti questa mutazione hanno superato quelli che non l’avevano?

Forse sono più contagiosi. Uno studio su oltre 25.000 sequenze genomiche nel Regno Unito ha scoperto che i virus con la mutazione tendevano a trasmettersi leggermente più velocemente di quelli senza di essa e causavano gruppi più grandi di infezioni. La selezione naturale favorirebbe i ceppi del virus che si trasmettono più facilmente. Ma non tutti gli scienziati sono convinti . Alcuni hanno suggerito un’altra spiegazione, chiamata “effetti del fondatore”. In quello scenario, la mutazione D614G avrebbe potuto essere più comune nei primi virus ad arrivare in Europa e Nord America, essenzialmente dando loro un vantaggio su altri ceppi.

La proteina spike continua anche ad accumulare ulteriori mutazioni di significato sconosciuto. Il team di Houston Methodist-UT Austin ha anche dimostrato in esperimenti di laboratorio che almeno una di queste mutazioni consente a spike di eludere un anticorpo neutralizzante che gli esseri umani producono naturalmente per combattere le infezioni da SARS-CoV-2. Ciò potrebbe consentire a quella variante del virus di sfuggire più facilmente al nostro sistema immunitario. Sebbene non sia ancora chiaro se ciò si traduca in una più facile trasmissione tra individui.

La buona notizia è che questa mutazione è rara e non sembra rendere la malattia più grave per i pazienti infetti. Secondo Finkelstein, il gruppo non ha visto virus che hanno imparato a eludere i vaccini di prima generazione e le formulazioni di anticorpi terapeutici.

“Il virus continua a mutare mentre squarcia il mondo”, ha detto Finkelstein. “Gli sforzi di sorveglianza in tempo reale come il nostro studio garantiranno che i vaccini e le terapie globali siano sempre un passo avanti”.

Gli scienziati hanno notato un totale di 285 mutazioni in migliaia di infezioni, anche se la maggior parte non sembra avere un effetto significativo sulla gravità della malattia. Gli studi in corso stanno continuando per sorvegliare la terza ondata di pazienti con COVID-19 e per caratterizzare come il virus si sta adattando agli anticorpi neutralizzanti prodotti dal nostro sistema immunitario. Ogni nuova infezione è un tiro di dado, un’ulteriore possibilità di sviluppare mutazioni più pericolose.

“Abbiamo dato a questo virus molte possibilità”, ha detto al Washington Post l’ autore principale James Musser di Houston Methodist . “C’è una popolazione enorme là fuori in questo momento.”

Diversi altri autori di UT Austin hanno contribuito al lavoro: il visiting scholar Jimmy Gollihar, il professore associato di bioscienze molecolari Jason S. McLellan e gli studenti laureati Chia-Wei Chou, Kamyab Javanmardi e Hung-Che Kuo.

Il team di UT Austin ha testato diverse varianti genetiche della proteina spike del virus , la parte che gli consente di infettare le cellule ospiti, di misurare la stabilità della proteina e di vedere quanto bene si lega a un recettore sulle cellule ospiti e agli anticorpi neutralizzanti. All’inizio dell’anno, McLellan e il suo team dell’UT Austin, in collaborazione con i ricercatori del National Institutes of Health, hanno sviluppato la prima mappa 3-D della proteina del picco del coronavirus per un’innovazione che ora tiene conto dei progetti di diversi candidati vaccini leader .

I ricercatori hanno scoperto che SARS-CoV-2 è stato introdotto nell’area di Houston molte volte, indipendentemente, da diverse regioni geografiche, con ceppi virali provenienti da Europa, Asia, Sud America e altrove negli Stati Uniti. C’è stata una diffusione diffusa nella comunità subito dopo la segnalazione dei casi di COVID-19 a Houston.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter