Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Le fibre ottiche usate come memoria di massa.

 

Un sistema di memoria ottica interamente in fibra.

La luce si propaga nella fibra ottica a una velocità pari a 200.000 km / s. Quest’anno abbiamo dimostrato un modo per fermare e immagazzinare la luce all’interno della fibra e successivamente rilasciarla su richiesta, e quindi creare un sistema di memoria ottica all’interno della fibra stessa. 1

Questa capacità rappresenta un importante progresso nelle comunicazioni ottiche. Le fibre giacciono al cuore non solo del sistema mondiale di telecomunicazioni, ma anche di qualsiasi futuro Internet quantistico, 2 in cui l’informazione quantica viene trasportata e sincronizzata tra i nodi interconnessi. Le precedenti dimostrazioni di memoria ottica erano basate su insiemi di atomi a spazio libero, 3 non su un’implementazione guidata dall’onda compatibile con le fibre utilizzate nelle reti.

Al centro del dispositivo è una fibra commerciale, con una sezione corta allungata e ristretta a 400 nanometri di diametro. In quella sezione, la luce nella fibra può interagire in modo efficiente con una nuvola di atomi raffreddati al laser. Usando la tecnica della trasparenza indotta elettromagneticamente, ben nota nell’ottica dello spazio libero, ma precedentemente non combinata con un sistema di fibre, siamo stati in grado di rallentare l’impulso luminoso di 3000 volte e quindi di fermarlo completamente.

Le informazioni trasmesse dalla luce laser sono state trasferite agli atomi sotto forma di eccitazione collettiva, una grande sovrapposizione quantistica. Nel processo sono stati coinvolti circa 2.000 atomi di cesio molto vicini alla fibra. Successivamente, dopo un tempo programmabile, la luce fu rilasciata nella fibra, ricostituendo l’informazione codificata iniziale, che ancora una volta continuò il suo viaggio attraverso il resto della fibra. Abbiamo dimostrato tempi di conservazione fino a 5 μs, che corrisponderebbero a una distanza di percorrenza di 1 km se la luce non fosse stata fermata.

L’esperimento ha anche dimostrato che anche gli impulsi luminosi contenenti solo un singolo fotone possono essere memorizzati, con un rapporto segnale / rumore molto ampio. Questa funzione dovrebbe consentire l’uso di questo dispositivo come una memoria quantistica, un ingrediente essenziale per la creazione di future reti quantistiche.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather
Voci da Twitter

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email a info@thesolver.it e saranno immediatamente rimossi.