Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

L’oblio può essere un segno di efficienza cerebrale

Credito: dominio pubblico Unsplash / CC0

Hai mai incontrato un collega di lavoro al supermercato e non lo hai riconosciuto? Dai la colpa al tuo cervello brillante e pigro.

Un nuovo studio condotto dal professore assistente Oliver Baumann della Bond University getta nuova luce sul modo in cui l’organo più complesso del corpo cattura i ricordi.

I ricercatori hanno esaminato specificamente come reagisce il cervello quando le persone incontrano una persona o un oggetto fuori contesto per la prima volta.

Il dottor Baumann ha detto che, poiché abbiamo visto solo il collega in ufficio, il sistema di memoria sembra generare un’istantanea che fonde insieme la persona e l’ufficio.

“Il nostro cervello pensa che quella persona appartenga a quella stanza”, ha detto il dottor Baumann.

“Se li incontri da qualche altra parte, ciò crea un problema in quanto potresti non riconoscerli.

“Questo non accade una volta che il nostro cervello apprende che la persona esiste indipendentemente dalla stanza. La seconda volta, la terza volta, il nostro cervello non commetterebbe di nuovo quell’errore, ma codificherà la persona e la stanza separatamente”.

Il dottor Baumann ha detto che il fenomeno indica che il nostro cervello è “intrinsecamente efficiente o quasi pigro”.

“Se vediamo un albero ed è collegato a una foresta, può essere efficiente presumere che non tutti i diversi alberi e pietre siano entità separate ma siano codificati come un’unità.

“Questo assicura che non stiamo sovraccaricando il nostro cervello e sprecando spazio ed energia.

“È solo quando sembra utile presumere che un oggetto o una persona possa esistere indipendentemente dallo sfondo che il nostro cervello si sforza di codificarlo come unità indipendente”.

Nello studio, agli studenti che giacevano in uno scanner cerebrale MRI è stato chiesto di memorizzare più immagini di oggetti (come uno zaino, un orologio o un cupcake) su uno sfondo (tra cui una palestra, una lavanderia e un giardino).

La metà degli oggetti era stata mostrata agli studenti il ​​giorno prima. Ciò ha permesso di osservare le differenze nelle risposte cerebrali quando gli oggetti erano familiari o erano stati incontrati solo una volta.

Nella successiva fase di test, i ricercatori hanno scambiato gli sfondi di alcuni oggetti e hanno scoperto che ciò causava difficoltà nel ricordare gli oggetti non familiari.

La dimenticanza è stata accompagnata da cambiamenti nell’attività nell’ippocampo, una delle aree centrali della memoria umana.

Il dottor Baumann ha affermato che i risultati forniscono informazioni su come il nostro sistema di memoria si sforza di ottenere efficienza e codifica solo ciò di cui ha assolutamente bisogno.

“L’oblio può essere visto come una caratteristica perché non dovremmo codificare più di quanto abbiamo bisogno e di più non è sempre meglio”, ha detto.

“Le persone con ipertimesia ricordano quasi tutto nella loro vita e anche se sembra un’impresa precisa, ha uno svantaggio perché hanno questa enorme massa di informazioni presenti e diventa molto difficile concentrarsi su un compito.

“Dimenticare aiuta a liberare il nostro spazio mentale ed è tutta una questione di efficienza”.

Il dottor Baumann ha detto che la ricerca potrebbe essere un piccolo passo verso gli impianti cerebrali che ripristinano la memoria.

“Ora abbiamo impianti retinici e cocleari e forse tra 100, 200 anni potremmo avere impianti di memoria ed essere in grado di interfacciare artificialmente il nostro sistema di memoria”, ha detto.

“Questo è un piccolo elemento costitutivo nel tentativo di comprendere appieno come funziona il nostro sistema di memoria “.

La ricerca è stata una collaborazione tra la School of Psychology e l’Interdisciplinary Center for the Artificial Mind della Bond University, il Queensland Brain Institute presso l’Università del Queensland e il Max Planck UCL Center for Computational Psychiatry and Aging Research.

È stato pubblicato sulla rivista Frontiers in Psychology .

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter