Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Nuova guida: uso di farmaci e chirurgia precoce per l’obesità nei bambini

Credito: Unsplash/CC0 Dominio pubblico

I bambini alle prese con l’obesità dovrebbero essere valutati e trattati precocemente e in modo aggressivo, anche con farmaci per bambini di 12 anni e interventi chirurgici per quelli di 13 anni, secondo le nuove linee guida pubblicate lunedì.

La pratica di lunga data della “vigile attesa”, o ritardare il trattamento per vedere se i bambini e gli adolescenti superano o superano l’obesità da soli, non fa che peggiorare il problema che colpisce più di 14,4 milioni di giovani negli Stati Uniti Se non trattata, l’obesità può portare a problemi di salute per tutta la vita , tra cui ipertensione , diabete e depressione.

“L’attesa non funziona”, ha affermato il dottor Ihuoma Eneli, coautore della prima guida sull’obesità infantile in 15 anni dall’American Academy of Pediatrics. “Quello che vediamo è una continuazione dell’aumento di peso e la probabilità che avranno (obesità) in età adulta”.

Per la prima volta, la guida del gruppo stabilisce le età in cui a bambini e adolescenti dovrebbero essere offerti trattamenti medici come farmaci e interventi chirurgici, oltre a una dieta intensiva, esercizio fisico e altri interventi comportamentali e sullo stile di vita, ha affermato Eneli, direttore del Center for Healthy Weight e Nutrizione al Nationwide Children’s Hospital.

In generale, i medici dovrebbero offrire agli adolescenti di età pari o superiore a 12 anni affetti da obesità l’accesso a farmaci appropriati e agli adolescenti di età pari o superiore a 13 anni con grave obesità che si sottopongono a interventi chirurgici per la perdita di peso , sebbene le situazioni possano variare.

Le linee guida mirano a ripristinare la visione imprecisa dell’obesità come “un problema personale, forse un fallimento della diligenza della persona”, ha affermato la dott.ssa Sandra Hassink, direttrice medica dell’AAP Institute for Healthy Childhood Weight e coautrice delle linee guida .

“Questo non è diverso dal fatto che tu abbia l’asma e ora abbiamo un inalatore per te”, ha detto Hassink.

I giovani che hanno un indice di massa corporea che soddisfa o supera il 95° percentile per i bambini della stessa età e sesso sono considerati obesi. I bambini che raggiungono o superano il 120° percentile sono considerati affetti da grave obesità . L’IMC è una misura delle dimensioni del corpo basata su un calcolo di altezza e peso.

 

L’obesità colpisce quasi il 20% dei bambini e degli adolescenti negli Stati Uniti e circa il 42% degli adulti, secondo i Centers for Disease Control and Prevention.

La guida del gruppo tiene conto del fatto che l’obesità è un problema biologico e che la condizione è una malattia complessa e cronica, ha affermato Aaron Kelly, condirettore del Center for Pediatric Obesity Medicine presso l’Università del Minnesota.

“L’obesità non è un problema di stile di vita. Non è una malattia di stile di vita”, ha detto. “Emerge prevalentemente da fattori biologici”.

Le linee guida arrivano quando sono emersi nuovi trattamenti farmacologici per l’obesità nei bambini, inclusa l’approvazione alla fine del mese scorso di Wegovy, un’iniezione settimanale, per l’uso nei bambini dai 12 anni in su. Diverse dosi del farmaco, chiamato semaglutide, sono utilizzate anche con nomi diversi per trattare il diabete. Un recente studio pubblicato sul New England Journal of Medicine ha rilevato che Wegovy, prodotto da Novo Nordisk, ha aiutato gli adolescenti a ridurre il loro indice di massa corporea di circa il 16% in media, meglio dei risultati negli adulti.

Entro pochi giorni dall’autorizzazione del 23 dicembre, la pediatra Dr. Claudia Fox aveva prescritto il farmaco a una delle sue pazienti, una ragazza di 12 anni.

“Ciò che offre ai pazienti è la possibilità di avere anche un indice di massa corporea quasi normale “, ha affermato Fox, anche lui specialista della gestione del peso presso l’Università del Minnesota. “È come un livello di miglioramento completamente diverso.”

Il farmaco influenza il modo in cui i percorsi tra il cervello e l’intestino regolano l’energia, ha affermato il dottor Justin Ryder, ricercatore sull’obesità presso il Lurie Children’s Hospital di Chicago.

“Funziona su come il cervello e lo stomaco comunicano tra loro e ti aiuta a sentirti più pieno di quanto saresti”, ha detto.

Tuttavia, è stato difficile ottenere dosi specifiche di semaglutide e altri farmaci anti-obesità a causa delle recenti carenze causate da problemi di produzione e dall’elevata domanda, stimolata in parte dalle celebrità su TikTok e altre piattaforme di social media che si vantano di una maggiore perdita di peso.

Inoltre, molti assicuratori non pagheranno il farmaco, che costa circa $ 1.300 al mese. “Ho inviato la ricetta ieri”, ha detto Fox. “Non sto trattenendo il respiro che l’assicurazione lo coprirà.”

Un esperto di obesità pediatrica ha avvertito che mentre i bambini con obesità devono essere trattati precocemente e in modo intensivo, teme che alcuni medici possano ricorrere troppo rapidamente a farmaci o interventi chirurgici.

“Non è che io sia contrario ai farmaci”, ha detto il dottor Robert Lustig, uno specialista di lunga data in endocrinologia pediatrica presso l’Università della California, a San Francisco. “Sono contrario all’uso volente o nolente di quei farmaci senza affrontare la causa del problema”.

Lustig ha affermato che i bambini devono essere valutati individualmente per comprendere tutti i fattori che contribuiscono all’obesità. Ha a lungo incolpato troppo zucchero per l’aumento dell’obesità. Esorta una forte attenzione alla dieta, in particolare agli alimenti ultraprocessati che sono ricchi di zuccheri e poveri di fibre.

La dottoressa Stephanie Byrne, pediatra del Cedars Sinai Medical Center di Los Angeles, ha affermato che vorrebbe ulteriori ricerche sull’efficacia del farmaco in un gruppo più diversificato di bambini e sui potenziali effetti a lungo termine prima di iniziare a prescriverlo regolarmente.

“Vorrei vederlo utilizzato su una base un po’ più coerente”, ha detto. “E dovrei far entrare quel paziente abbastanza spesso per essere monitorato.”

Allo stesso tempo, ha accolto con favore la nuova enfasi del gruppo sul trattamento tempestivo e intensivo dell’obesità nei bambini.

“Penso decisamente che questa sia una consapevolezza che la dieta e l’esercizio fisico non lo faranno per un numero di adolescenti che stanno lottando con questo, forse la maggioranza”.

 

Lascia un commento