Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Perché la musica riporta alla mente i ricordi? Cosa dice la scienza

L'ascolto di determinate canzoni può innescare ricordi piuttosto intensi.

L’ascolto di determinate canzoni può innescare ricordi piuttosto intensi.

Stai camminando lungo una strada trafficata mentre vai al lavoro. Passi davanti a un suonatore ambulante che suona una canzone che non sentivi da anni. Ora improvvisamente, invece di notare tutto ciò che accade nella città intorno a te, stai rivivendo mentalmente la prima volta che hai sentito la canzone. Ascoltare quel brano musicale ti riporta a dove eri, con chi eri e ai sentimenti associati a quel ricordo.

Questa esperienza, quando la musica riporta alla mente ricordi di eventi, persone e luoghi del nostro passato, è nota come memoria autobiografica evocata dalla musica . Ed è un’esperienza comune .

Spesso si presenta come un ricordo involontario . Cioè, non facciamo alcuno sforzo per cercare di ricordare tali ricordi, semplicemente vengono in mente spontaneamente.

La ricerca ha recentemente iniziato a scoprire perché la musica sembra essere un ottimo spunto per evocare ricordi. In primo luogo, la musica tende ad accompagnare molti eventi distintivi della vita, come balli, lauree, matrimoni e funerali, quindi può svolgere un ruolo importante nel riconnetterci con questi momenti autodefinitivi .

Anche la musica cattura spesso la nostra attenzione, a causa del modo in cui influenza le nostre menti, i nostri corpi e le nostre emozioni.

Quando la musica attira la nostra attenzione, questo aumenta la probabilità che venga codificata nella memoria insieme ai dettagli di un evento della vita. E questo quindi significa che è in grado di servire come spunto efficace per ricordare questo evento a distanza di anni.

Ricordi positivi

In una recente ricerca, io e il mio collega abbiamo scoperto che la natura emotiva di un brano musicale è un fattore importante nel modo in cui funge da segnale di memoria.

Abbiamo confrontato la musica con altri segnali di memoria emotiva che erano stati valutati da un folto gruppo di partecipanti per trasmettere la stessa espressione emotiva degli estratti musicali che abbiamo usato. Ciò includeva il confronto della musica con “suoni emotivi”, come la natura e i rumori di fabbrica e “parole emotive”, come “denaro” e “tornado”.

Se confrontata con questi segnali emotivamente abbinati, la musica non ha suscitato più ricordi delle parole. Ma quello che abbiamo scoperto è che la musica evoca ricordi positivi in ​​modo più consistente rispetto ad altri suoni e parole emotivi. Questo era particolarmente vero per gli stimoli emotivi negativi. Nello specifico, la musica triste e arrabbiata ha evocato ricordi più positivi rispetto a suoni o parole tristi e arrabbiati.

Sembra quindi che la musica abbia la capacità di riconnetterci con momenti emotivamente positivi del nostro passato. Ciò suggerisce che l’uso terapeutico della musica può essere particolarmente fruttuoso.

Come e quando

Anche la familiarità di un brano musicale , forse non sorprendentemente, gioca un ruolo. In un altro studio recente , abbiamo scoperto che la musica più familiare evoca più ricordi e riporta alla mente i ricordi in modo più spontaneo.

Quindi parte del motivo per cui la musica può essere uno spunto più efficace per i ricordi rispetto, ad esempio, al nostro film preferito o al nostro libro preferito, è che in genere ci impegniamo nuovamente con le canzoni più spesso nel corso della nostra vita rispetto a film, libri o programmi TV.

Anche le situazioni in cui ascoltiamo la musica possono svolgere un ruolo. Ricerche precedenti mostrano che i ricordi involontari hanno maggiori probabilità di tornare durante le attività in cui la nostra mente è libera di vagare per pensare al nostro passato. Queste attività tendono ad essere non impegnative in termini di attenzione e includono cose come il pendolarismo, i viaggi, i lavori domestici e il relax.

Questi tipi di attività si allineano quasi perfettamente con quelli registrati in un altro studio in cui abbiamo chiesto ai partecipanti di tenere un diario e annotare quando la musica evocava un ricordo , insieme a quello che stavano facendo nel momento in cui è successo. Abbiamo scoperto che le attività quotidiane che spesso vanno di pari passo con l’ascolto della musica, come viaggiare, fare le faccende o andare a correre, tendono a portare in primo luogo a ricordi più involontari.

Ciò contrasta con altri hobby, come guardare la TV , che possono richiedere alla nostra mente di essere più concentrata sull’attività a portata di mano e quindi meno incline a vagare per scenari del nostro passato.

Sembra quindi che la musica non sia solo brava a evocare ricordi, ma anche i momenti in cui è più probabile che ascoltiamo musica siano i momenti in cui le nostre menti possono naturalmente essere più propense a vagare comunque.

La musica è presente anche durante molti eventi della vita distintivi, emotivi o autodefinitivi, e questi tipi di ricordi tendono a essere richiamati più facilmente.

In effetti, il potere della musica di connetterci con il nostro passato mostra come la musica, i ricordi e le emozioni siano tutti collegati e sembra che alcune canzoni possano fungere da linea diretta con il nostro io più giovane.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Forse ti sei perso questi
Febbraio 2024
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829  
Archivio