Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Cosa sta succedendo nello stabilimento di Fukushima 12 anni dopo il disastro ?

Questa foto scattata durante una visita dei giornalisti dell'Associated Press mostra alcuni dei circa 1.000 enormi serbatoi contenenti acque reflue trattate ma ancora radioattive presso la centrale nucleare di Fukushima Daiichi, gestita dalla Tokyo Electric Power Company Holdings (TEPCO), nella città di Okuma, nel nord-est del Giappone, il 22 febbraio 2023. Le acque reflue radioattive trattate dovrebbero essere rilasciate in mare tra la primavera del 2023 e l'estate dopo i necessari test e la diluizione con grandi quantità di acqua di mare.

Questa foto scattata durante una visita dei giornalisti dell’Associated Press mostra alcuni dei circa 1.000 enormi serbatoi contenenti acque reflue trattate ma ancora radioattive presso la centrale nucleare di Fukushima Daiichi, gestita dalla Tokyo Electric Power Company Holdings (TEPCO), nella città di Okuma, nel nord-est del Giappone, il 22 febbraio 2023. Le acque reflue radioattive trattate dovrebbero essere rilasciate in mare tra la primavera del 2023 e l’estate dopo i necessari test e la diluizione con grandi quantità di acqua di mare. Credito: AP Photo/Mari Yamaguchi

Dodici anni dopo la fusione del triplo reattore della centrale nucleare di Fukushima Daiichi, il Giappone si prepara a rilasciare in mare un’enorme quantità di acque reflue radioattive trattate.

I funzionari giapponesi affermano che il rilascio è inevitabile e dovrebbe iniziare presto.

La gestione delle acque reflue è meno impegnativa rispetto all’arduo compito di smantellare l’impianto. Quel processo è appena progredito e la rimozione del combustibile nucleare fuso non è nemmeno iniziata.

L’Associated Press ha recentemente visitato lo stabilimento. Ecco un aggiornamento su ciò che sta accadendo.

Come procedono i preparativi per lo scarico dell’acqua?

Durante la loro visita, i giornalisti di AP hanno visto 30 vasche giganti per il campionamento e l’analisi dell’acqua i controlli di sicurezza. È in fase finale di costruzione un impianto in cemento per la diluizione dell’acqua dopo che è stata trattata e testata. Da lì l’acqua uscirà attraverso un tunnel sottomarino.

L’operatore dell’impianto, la Tokyo Electric Power Company Holdings, punta ad avere le strutture pronte entro la primavera. TEPCO ha bisogno di un’approvazione di sicurezza da parte dell’autorità di regolamentazione nucleare. L’Agenzia internazionale per l’energia atomica, collaborando con il Giappone per garantire che il progetto soddisfi gli standard internazionali, invierà una missione in Giappone e pubblicherà un rapporto prima dell’inizio del discarico.

Cos’è l’acqua trattata?

Un terremoto di magnitudo 9.0 l’11 marzo 2011 ha innescato un enorme tsunami che ha distrutto i sistemi di alimentazione e raffreddamento della centrale, provocando la fusione dei reattori n. 1, 2 e 3 e l’emissione di grandi quantità di radiazioni. L’acqua utilizzata per raffreddare i noccioli dei reattori è penetrata negli scantinati degli edifici del reattore e si è mescolata con l’acqua piovana e l’acqua freatica.

Le 130 tonnellate di acqua contaminata create giornalmente vengono raccolte, trattate e poi stoccate in serbatoi, che oggi sono circa 1.000 e coprono gran parte del terreno dello stabilimento. Circa il 70% dell'”acqua trattata con ALPS”, dal nome delle macchine utilizzate per filtrarla, contiene ancora cesio e altri radionuclidi che superano i limiti rilasciabili.

TEPCO afferma che la radioattività può essere ridotta a livelli di sicurezza e assicurerà che l’acqua non sufficientemente filtrata venga trattata fino a raggiungere il limite legale.

Il trizio non può essere rimosso dall’acqua ma è innocuo in piccole quantità e viene regolarmente rilasciato da qualsiasi centrale nucleare, dicono i funzionari. Sarà anche diluito, insieme ad altri isotopi radioattivi, dicono. Il rilascio di acqua sarà graduale e le concentrazioni di trizio non supereranno i livelli pre-incidente dell’impianto, afferma TEPCO.

Perché rilasciare l’acqua?

Fukushima Daiichi ha lottato per gestire l’acqua contaminata dal disastro del 2011. Il governo e la TEPCO affermano che i serbatoi devono far posto alle strutture per lo smantellamento dell’impianto, come lo spazio di stoccaggio per i detriti di combustibile fuso e altri rifiuti altamente contaminati. I serbatoi sono pieni al 96% e dovrebbero raggiungere la loro capacità di 1,37 milioni di tonnellate in autunno.

Vogliono anche rilasciare l’acqua in modo controllato e trattato per evitare il rischio che l’acqua contaminata possa fuoriuscire in caso di un altro grande terremoto o tsunami. Sarà inviato attraverso un tubo dai serbatoi di campionamento a una pozza costiera per essere diluito con acqua di mare e rilasciato attraverso un tunnel sottomarino fino a un punto a 1 chilometro (0,6 miglia) dalla costa.

Quali sono i problemi di sicurezza?

Le comunità di pescatori locali affermano che le loro attività e mezzi di sussistenza subiranno ancora più danni. I paesi vicini come la Cina e la Corea del Sud e le nazioni delle isole del Pacifico hanno sollevato problemi di sicurezza.

 

Quali sono i problemi di sicurezza?

Le comunità di pescatori locali affermano che le loro attività e mezzi di sussistenza subiranno ancora più danni. I paesi vicini come la Cina e la Corea del Sud e le nazioni delle isole del Pacifico hanno sollevato problemi di sicurezza.

“Sarebbe meglio se l’acqua non venisse rilasciata, ma sembra inevitabile”, ha detto Katsumasa Okawa, proprietario di un negozio di frutti di mare a Iwaki, a sud dello stabilimento, la cui attività è ancora in ripresa. Okawa ha detto che spera che eventuali ulteriori battute d’arresto saranno di breve durata e che i rilasci potrebbero rassicurare le persone sul mangiare pesce da Fukushima.

“Trovo quei carri armati enormi più inquietanti”, ha detto Okawa. “La prossima volta che l’acqua fuoriesce accidentalmente, la pesca di Fukushima sarà finita.”

Il governo ha stanziato 80 miliardi di yen (580 milioni di dollari) per sostenere la pesca di Fukushima e per affrontare i “danni alla reputazione” causati dal rilascio.

TEPCO ha cercato di rassicurare le persone mantenendo centinaia di passere e abalone in due gruppi: uno in acqua di mare normale e un altro nell’acqua trattata diluita. L’esperimento è “affinché le persone confermino visivamente che l’acqua trattata che riteniamo sicura da rilasciare non influirà negativamente sulle creature nella realtà”, ha affermato Tomohiko Mayuzumi, comunicatore del rischio di TEPCO.

Il suolo e le colture che il radiologo Katsumi Shozugawa dell’Università di Tokyo ha raccolto nella prefettura di Fukushima sono stati visti in una scatola nel suo laboratorio a Tokyo il 16 febbraio 2023. Shozugawa ha affermato che la sua analisi delle acque sotterranee in più punti nelle zone vietate vicino all’impianto ha dimostrato che il trizio e altri elementi radioattivi sono penetrati nelle acque sotterranee. Credito: AP Photo/Shuji Kajiyama

I livelli di radioattività nella passera pianuzza e nell’abalone sono aumentati mentre si trovavano nell’acqua trattata, ma sono scesi a livelli normali entro pochi giorni dal ritorno alla normale acqua di mare. Ciò supporta i dati che mostrano un effetto minimo sulla vita marina del trizio, ha affermato Noboru Ishizawa, un funzionario della TEPCO che supervisiona l’esperimento.

I funzionari affermano che l’impatto dell’acqua sugli esseri umani, l’ambiente e la vita marina sarà minimo e sarà monitorato prima, durante e dopo i rilasci che continueranno durante il processo di disattivazione di 30-40 anni. Le simulazioni non mostrano alcun aumento della radioattività oltre i 3 chilometri (1,8 miglia) dalla costa.

Gli scienziati affermano che gli impatti sulla salute derivanti dal consumo di trizio e altri radioisotopi attraverso la catena alimentare potrebbero essere peggiori rispetto al consumo di trizio nell’acqua e sono necessari ulteriori studi.

I controlli incrociati sono un’altra preoccupazione: TEPCO afferma che i campioni di acqua sono condivisi con l’AIEA e l’Agenzia giapponese per l’energia atomica finanziata dal governo, ma gli esperti vorrebbero vedere controlli incrociati indipendenti.

Il radiologo dell’Università di Tokyo, Katsumi Shozugawa, ha affermato che la sua analisi delle acque sotterranee in più punti in zone vietate vicino all’impianto ha dimostrato che il trizio e altri elementi radioattivi si sono infiltrati nelle acque sotterranee.

Se l’acqua altamente radioattiva fuoriesce e si disperde in mare diventa impossibile rintracciarla, una preoccupazione non solo per il Giappone ma anche per i paesi del Pacifico, ha affermato. “Dovrebbe esserci uno sforzo continuo e basato sulla scienza per mostrare agli altri paesi che è gestito a fondo, cosa che penso sia la cosa che manca di più”.

I gruppi ambientalisti, tra cui Friends of the Earth, si oppongono al rilascio. Hanno proposto lo stoccaggio a lungo termine dell’acqua mediante solidificazione, come utilizzato nel deposito di rifiuti del fiume Savannah negli Stati Uniti

Qualche progresso con i reattori sciolti?

All’interno dei reattori rimangono enormi quantità di combustibile nucleare fuso fatalmente radioattivo. Le sonde robotiche hanno fornito alcune informazioni, ma lo stato dei detriti fusi è in gran parte sconosciuto.

Akira Ono, che dirige la pulizia come presidente dell’unità di smantellamento della TEPCO, afferma che il lavoro è “inconcepibilmente difficile”.

All’inizio di quest’anno, un veicolo sottomarino telecomandato ha raccolto con successo un minuscolo campione dall’interno del reattore dell’Unità 1: solo un cucchiaio di circa 880 tonnellate di detriti di combustibile fuso nei tre reattori. Questo è 10 volte la quantità di carburante danneggiato rimosso durante la pulizia di Three Mile Island dopo la fusione parziale del nucleo del 1979.

La rimozione di prova dei detriti fusi inizierà nell’Unità 2 entro la fine dell’anno, dopo un ritardo di quasi due anni. La rimozione del combustibile esaurito dal pool di raffreddamento del reattore dell’Unità 1 inizierà nel 2027 dopo un ritardo di 10 anni. Una volta rimosso tutto il combustibile esaurito, nel 2031 l’attenzione si concentrerà sull’estrazione dei detriti fusi dai reattori.

Un obiettivo di completamento del 2051 è realistico?

Ono dice che l’obiettivo è un buon “punto guida” ma si sa troppo poco. Il governo ha mantenuto il suo obiettivo iniziale di 30-40 anni per completare la disattivazione, senza definire cosa ciò significhi.Un programma eccessivamente ambizioso potrebbe comportare esposizioni alle radiazioni non necessarie per i lavoratori dell’impianto e danni ambientali eccessivi, ha affermato Ryo Omatsu, esperto di aspetti legali dello smantellamento delle centrali nucleari.

Alcuni esperti affermano che sarebbe impossibile rimuovere tutti i detriti di combustibile fuso entro il 2051.

 

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Forse ti sei perso questi
Febbraio 2024
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829  
Archivio