Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Potenziale farmaco ha successo negli studi di laboratorio contro CoViD-19

Credito: Pixabay / CC0 Public Domain

Una nuova potenziale terapia per COVID-19 sviluppata dai ricercatori del Rush University Medical Center ha dimostrato di avere successo nella prevenzione dei sintomi della malattia nei topi.

In uno studio, i modelli murini con COVID-19 hanno mostrato risultati positivi quando è stato introdotto per via nasale un peptide (catena di amminoacidi). Il peptide si è dimostrato efficace nel ridurre la febbre, proteggere i polmoni, migliorare la funzione cardiaca e invertire la tempesta di citochine: il sistema immunitario reagisce in modo eccessivo a un’infezione e inonda il flusso sanguigno di proteine ​​infiammatorie . I ricercatori riportano anche il successo nel prevenire la progressione della malattia nel rapporto dei loro risultati pubblicato l’11 gennaio sul Journal of Neuroimmune Pharmacology ( in fondo all’articolo lo studio originale in lingia inglese).

SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, si lega a un enzima chiamato ACE2 per entrare e infettare le cellule umane. In risposta, il team di ricerca ha progettato un esapeptide (un peptide con sei amminoacidi) che inibisce il legame del virus con ACE2.

“Questo potrebbe essere un nuovo approccio per prevenire l’infezione da SARS-CoV-2 e proteggere i pazienti COVID-19 da problemi respiratori e cardiaci”, ha detto Kalipada Pahan, Ph.D., Professore di Neurologia presso la Rush University di Floyd A. Davis Medical Center e ricercatore in carriera presso il Jesse Brown VA Medical Center, che ha condotto lo studio.

Molti pazienti con COVID-19 nelle unità di terapia intensiva soffrono di tempesta di citochine, che colpisce i polmoni, il cuore e altri organi. Sebbene per trattare il problema siano disponibili terapie antinfiammatorie come gli steroidi, molto spesso questi trattamenti causano la soppressione del sistema immunitario.

“Il peptide inibisce le citochine che sono prodotte solo dalla proteina spike SARS-CoV-2, non altri stimoli infiammatori, indicando che questo peptide non causerebbe immunosoppressione”, ha detto Pahan.

Sebbene i vaccini per COVID-19 stiano diventando disponibili, la loro distribuzione a livello nazionale e globale richiederà mesi e forse anni in alcune parti del mondo. Inoltre, i vaccini potrebbero non impedire completamente la diffusione di COVID-19. Ad esempio, nonostante la vaccinazione antinfluenzale, circa 40.000-50.000 persone muoiono ogni anno negli Stati Uniti a causa dell’influenza. Pertanto, un farmaco specifico per ridurre gli eventi infiammatori e trattare i problemi respiratori e cardiaci causati da COVID-19 sarà necessario per una migliore gestione della malattia anche nell’era post-vaccino.

“Se i nostri risultati peptidici possono essere replicati nei pazienti COVID-19, sarebbe un notevole progresso nel controllo di questa devastante pandemia”, ha detto Pahan.

Scaricare lo studio da qui —> https://ww.thesolver.it/pdf/Paidi2021.pdf

______________________________________________________________________________

(Visited 1 times, 1 visits today)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter
Top 10 Articoli
30