Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Quali animali possono resistere meglio ai cambiamenti climatici?

Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico

Condizioni meteorologiche estreme come siccità prolungata e forti piogge stanno diventando sempre più comuni con l’aumento della temperatura media globale e nei prossimi decenni peggiorerà solo. Come risponderanno gli ecosistemi del pianeta?

“Questa è la grande domanda e lo sfondo del nostro studio”, ha affermato il biologo John Jackson, che, insieme ai suoi colleghi biologhi Christie Le Coeur dell’Università di Oslo e Owen Jones dell’Università della Danimarca meridionale, ha scritto un nuovo studio, pubblicato su eLife .

John Jackson è ora all’Università di Oxford, ma era all’Università della Danimarca meridionale quando è stato condotto lo studio. Owen Jones è professore associato presso il Dipartimento di Biologia, Università della Danimarca meridionale.

Uno schema chiaro

Nello studio, gli autori hanno analizzato i dati sulle fluttuazioni della popolazione di 157 specie di mammiferi di tutto il mondo e li hanno confrontati con i dati meteorologici e climatici del momento in cui sono stati raccolti i dati sugli animali. Per ogni specie ci sono 10 o più anni di dati.

La loro analisi ha fornito loro un’idea di come le popolazioni di specie animali hanno affrontato i periodi di condizioni meteorologiche estreme : sono diventate più o meno numerose? Hanno avuto più o meno figli?

“Possiamo vedere uno schema chiaro: gli animali che vivono a lungo e hanno pochi discendenti sono meno vulnerabili in caso di condizioni meteorologiche estreme rispetto agli animali che vivono per poco tempo e hanno molti discendenti. Esempi sono i lama, i pipistrelli longevi e gli elefanti contro i topi , opossum e rari marsupiali come il woylie”, ha detto Jones.

Meno colpiti da condizioni meteorologiche estreme:

  • elefante africano
  • tigre siberiana
  • scimpanzé
  • pipistrello a ferro di cavallo maggiore
  • lama
  • vigogna
  • rinoceronte bianco
  • orso grizzly
  • bisonte americano
  • pipistrello di Schreibers

Più colpiti da condizioni meteorologiche estreme:

  • Il topo erboso di Azara
  • topo erba oliva
  • opossum dalla coda grassa
  • Lemming canadese
  • Tundra arvicola
  • Volpe artica
  • ermellino
  • toporagno comune
  • woylie
  • Scoiattolo terrestre artico

Caduta rapida, ma anche boom rapido

Gli animali grandi e longevi sono più in grado di far fronte a condizioni come la siccità prolungata; la loro capacità di sopravvivere, riprodursi e allevare la loro prole non è influenzata nella stessa misura dei piccoli animali di breve durata. Possono, ad esempio, investire le loro energie in una prole o semplicemente aspettare tempi migliori quando le condizioni diventano difficili.

D’altra parte, i piccoli roditori di breve durata hanno cambiamenti demografici più estremi a breve termine. In caso di siccità prolungata, ad esempio, gran parte della loro base alimentare può scomparire più rapidamente: insetti, fiori, frutti, e vengono lasciati morire di fame perché hanno riserve di grasso limitate.

Le popolazioni di questi piccoli mammiferi possono anche espandersi per trarre vantaggio quando le condizioni migliorano perché, a differenza dei grandi mammiferi , possono produrre molti discendenti.

“Questi piccoli mammiferi reagiscono rapidamente alle condizioni meteorologiche estreme, e va in entrambe le direzioni. La loro vulnerabilità alle condizioni meteorologiche estreme non dovrebbe quindi essere equiparata a un rischio di estinzione”, ha affermato Jackson.

Ci ricorda inoltre che la capacità di una specie animale di resistere ai cambiamenti climatici non deve essere isolata nel valutare la vulnerabilità della specie all’estinzione:

“La distruzione dell’habitat, il bracconaggio, l’inquinamento e le specie invasive sono fattori che minacciano molte specie animali, in molti casi anche più dei cambiamenti climatici”, ha sottolineato.

Lo studio dei ricercatori non solo fornisce una panoramica di come queste specifiche 157 specie di mammiferi reagiscono ai cambiamenti climatici qui e ora. Lo studio può anche contribuire a una migliore comprensione generale di come gli animali del pianeta risponderanno al cambiamento climatico in corso.

“Ci aspettiamo che il cambiamento climatico porti condizioni meteorologiche più estreme in futuro. Gli animali dovranno affrontare questo clima estremo come hanno sempre fatto. Quindi, la nostra analisi aiuta a prevedere come le diverse specie animali potrebbero rispondere al futuro cambiamento climatico in base alle loro caratteristiche generali. anche se abbiamo dati limitati sulle loro popolazioni”, ha affermato Jones.

Un esempio è il woylie, un raro marsupiale australiano. I biologi non sanno molto di questa specie, ma poiché condivide uno stile di vita simile con i topi, cioè è piccolo, vive per un breve periodo e si riproduce rapidamente, si può prevedere che risponderà a condizioni meteorologiche estreme in un in modo simile ai topi.

“Allo stesso modo, ci sono molte specie animali di cui non sappiamo molto, ma di cui ora possiamo prevedere la reazione”, ha spiegato Jackson.

In questo modo, i ricercatori si aspettano che la capacità di diverse specie animali di adattarsi ai cambiamenti climatici sia correlata alla loro strategia di vita, e questo può aiutarci a prevedere i cambiamenti ecologici:

Poiché l’idoneità dell’habitat cambia a causa del cambiamento climatico, le specie possono essere costrette a trasferirsi in nuove aree poiché le vecchie aree diventano inospitali. Questi cambiamenti dipendono dalle strategie di vita delle specie e possono avere un grande impatto sulla funzione dell’ecosistema.