Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Il ritiro dei ghiacciai costieri è legato al cambiamento climatico

Eqip Sermia, come molti ghiacciai costieri della Groenlandia, si è ritirato negli ultimi due decenni.
Credito: John Erich Christian/Università del Texas ad Austin/Georgia Tech

La maggior parte dei ghiacciai costieri del mondo si stanno sciogliendo più velocemente che mai, ma è stato difficile stabilire esattamente cosa stia innescando il ritiro su larga scala a causa delle fluttuazioni naturali nei dintorni dei ghiacciai. Ora, i ricercatori dell’Università del Texas ad Austin e della Georgia Tech hanno sviluppato una metodologia che secondo loro cracca il codice del motivo per cui i ghiacciai costieri si stanno ritirando e, a sua volta, quanto può essere attribuito al cambiamento climatico causato dall’uomo.

L’attribuzione dell’influenza umana sui ghiacciai costieri, che sfociano direttamente nel mare, potrebbe aprire la strada a migliori previsioni sull’innalzamento del livello del mare. Finora, gli scienziati hanno testato l’approccio solo in modelli computerizzati utilizzando ghiacciai semplificati. Hanno scoperto che anche un modesto riscaldamento globale ha causato lo scioglimento o il ritiro della maggior parte dei ghiacciai.

Il passo successivo, hanno affermato i ricercatori supportati dalla National Science Foundation degli Stati Uniti , è che i ricercatori simulino i ghiacciai costieri di una calotta glaciale reale, come quella della Groenlandia, che contiene abbastanza ghiaccio per aumentare il livello del mare di circa 22 piedi (7 metri). Ciò rivelerà se i ghiacciai si stanno ritirando a causa del cambiamento climatico e aiuterà a prevedere quando potrebbe verificarsi una grave perdita di ghiaccio.

“La metodologia che stiamo proponendo è una tabella di marcia per fare affermazioni sicure su quale sia il ruolo umano [nei ritiri glaciali]”, ha affermato il glaciologo John Christian presso l’Università del Texas ad Austin e Georgia Tech. “Quelle dichiarazioni possono quindi essere comunicate al pubblico e ai responsabili politici e aiutare nel processo decisionale”.

Pubblicata sulla rivista The Cryosphere , la metodologia è unica perché tratta il rapido ritiro dei ghiacciai come un evento probabilistico individuale, come un incendio o una tempesta tropicale. Perché avvenga un grande ritiro, il ghiacciaio deve ritirarsi oltre la sua “soglia di stabilità”, che di solito è un ripido aumento nel substrato roccioso sottostante che aiuta a rallentare e stabilizzare il suo flusso.

La probabilità che ciò accada varia a seconda del clima locale e delle condizioni oceaniche che cambiano con le fluttuazioni naturali e il riscaldamento causato dall’uomo. Anche piccole variazioni possono causare grandi cambiamenti nel comportamento dei ghiacciai, rendendoli difficili da prevedere e portando a casi in cui i ghiacciai si ritirano proprio accanto a quelli che non lo sono.

“Questo studio ci fornisce una cassetta degli attrezzi per determinare il ruolo degli esseri umani nella perdita di ghiaccio dalla Groenlandia e dall’Antartide, per dire con sicurezza che non è solo una coincidenza”, ha affermato il glaciologo e coautore della Georgia Tech Alex Robel.

Quando gli scienziati hanno eseguito modelli senza il cambiamento climatico causato dall’uomo, hanno scoperto che era praticamente impossibile che più di alcuni ghiacciai iniziassero a ritirarsi a distanza di anni l’uno dall’altro. Al contrario, dal 2000, 200 dei 225 ghiacciai costieri della Groenlandia sono stati in vari stati di ritiro.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email a info@thesolver.it e saranno immediatamente rimossi.