Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Un computer potrebbe diagnosticare il morbo di Alzheimer e la demenza?

I ricercatori hanno sviluppato un programma di intelligenza artificiale che rileva accuratamente il deterioramento cognitivo.
Credito: NIH/NIMH

Ci vuole molto tempo – e denaro – per diagnosticare il morbo di Alzheimer. Dopo aver eseguito lunghi esami neuropsicologici di persona, i medici devono trascrivere, rivedere e analizzare in dettaglio ogni risposta.

Ora, i ricercatori dell’Università di Boston , supportati dalla National Science Foundation degli Stati Uniti , hanno sviluppato un nuovo strumento che potrebbe automatizzare il processo e alla fine consentirgli di spostarsi online. Il loro modello computazionale basato sull’apprendimento automatico è in grado di rilevare il deterioramento cognitivo dalle registrazioni audio dei test neuropsicologici, senza bisogno di un appuntamento di persona. I risultati sono stati pubblicati in Alzheimer’s & Dementia: The Journal of the Alzheimer’s Association . 

“Questo approccio ci avvicina di un passo all’intervento precoce”, afferma Ioannis Paschalidis, coautore del documento. Dice che un rilevamento più rapido e precoce dell’Alzheimer potrebbe portare a studi clinici più ampi che si concentrano su individui nelle prime fasi della malattia e potenzialmente consentire interventi clinici che rallentano il declino cognitivo. “Può costituire la base di uno strumento online che potrebbe raggiungere tutti e potrebbe aumentare il numero di persone che vengono sottoposte a screening in anticipo”.

“Ci ha sorpreso il fatto che il flusso del parlato o altre caratteristiche audio non siano così critiche; puoi trascrivere automaticamente le interviste abbastanza bene e fare affidamento sull’analisi del testo tramite l’IA per valutare il deterioramento cognitivo”, afferma Paschalidis. Sebbene il team debba ancora convalidare i suoi risultati rispetto ad altre fonti di dati, i risultati suggeriscono che il loro strumento potrebbe supportare i medici nella diagnosi del deterioramento cognitivo utilizzando registrazioni audio, comprese quelle di appuntamenti virtuali o di telemedicina.

La diagnosi precoce della demenza non è importante solo per i pazienti e i loro caregiver per essere in grado di creare un piano efficace per il trattamento e il supporto, ma è anche fondamentale per i ricercatori che lavorano su terapie per rallentare e prevenire la progressione del morbo di Alzheimer. “I nostri modelli possono aiutare i medici a valutare i pazienti in termini di possibilità di declino cognitivo”, afferma Paschalidis, “e quindi adattare meglio le risorse a loro facendo ulteriori test su quelli che hanno una maggiore probabilità di demenza”.

Wendy Nilsen, vicedirettore della Divisione dell’informazione e dei sistemi intelligenti della NSF, ha aggiunto: “La diagnosi precoce efficiente del declino cognitivo non solo aiuta le persone a ricevere aiuto prima che i sintomi diventino debilitanti, ma trovare un cambiamento prima aiuta anche la ricerca medica a comprendere le cause del morbo di Alzheimer. “

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Forse ti sei perso questi
Marzo 2024
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Archivio