Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Un computer potrebbe diagnosticare il morbo di Alzheimer e la demenza?

I ricercatori hanno sviluppato un programma di intelligenza artificiale che rileva accuratamente il deterioramento cognitivo.
Credito: NIH/NIMH

Ci vuole molto tempo – e denaro – per diagnosticare il morbo di Alzheimer. Dopo aver eseguito lunghi esami neuropsicologici di persona, i medici devono trascrivere, rivedere e analizzare in dettaglio ogni risposta.

Ora, i ricercatori dell’Università di Boston , supportati dalla National Science Foundation degli Stati Uniti , hanno sviluppato un nuovo strumento che potrebbe automatizzare il processo e alla fine consentirgli di spostarsi online. Il loro modello computazionale basato sull’apprendimento automatico è in grado di rilevare il deterioramento cognitivo dalle registrazioni audio dei test neuropsicologici, senza bisogno di un appuntamento di persona. I risultati sono stati pubblicati in Alzheimer’s & Dementia: The Journal of the Alzheimer’s Association . 

“Questo approccio ci avvicina di un passo all’intervento precoce”, afferma Ioannis Paschalidis, coautore del documento. Dice che un rilevamento più rapido e precoce dell’Alzheimer potrebbe portare a studi clinici più ampi che si concentrano su individui nelle prime fasi della malattia e potenzialmente consentire interventi clinici che rallentano il declino cognitivo. “Può costituire la base di uno strumento online che potrebbe raggiungere tutti e potrebbe aumentare il numero di persone che vengono sottoposte a screening in anticipo”.

“Ci ha sorpreso il fatto che il flusso del parlato o altre caratteristiche audio non siano così critiche; puoi trascrivere automaticamente le interviste abbastanza bene e fare affidamento sull’analisi del testo tramite l’IA per valutare il deterioramento cognitivo”, afferma Paschalidis. Sebbene il team debba ancora convalidare i suoi risultati rispetto ad altre fonti di dati, i risultati suggeriscono che il loro strumento potrebbe supportare i medici nella diagnosi del deterioramento cognitivo utilizzando registrazioni audio, comprese quelle di appuntamenti virtuali o di telemedicina.

La diagnosi precoce della demenza non è importante solo per i pazienti e i loro caregiver per essere in grado di creare un piano efficace per il trattamento e il supporto, ma è anche fondamentale per i ricercatori che lavorano su terapie per rallentare e prevenire la progressione del morbo di Alzheimer. “I nostri modelli possono aiutare i medici a valutare i pazienti in termini di possibilità di declino cognitivo”, afferma Paschalidis, “e quindi adattare meglio le risorse a loro facendo ulteriori test su quelli che hanno una maggiore probabilità di demenza”.

Wendy Nilsen, vicedirettore della Divisione dell’informazione e dei sistemi intelligenti della NSF, ha aggiunto: “La diagnosi precoce efficiente del declino cognitivo non solo aiuta le persone a ricevere aiuto prima che i sintomi diventino debilitanti, ma trovare un cambiamento prima aiuta anche la ricerca medica a comprendere le cause del morbo di Alzheimer. “

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati.
Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email a info@thesolver.it e saranno immediatamente rimossi.