Messaggi:
Devi essere Loggato per vedere i tuoi messaggi
Archivi
Accesso al sito
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Quello che si deve sapere sulle nuove varianti COVID-19

Stampa 3D di una proteina spike di SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19 – di fronte a una stampa 3D di una particella del virus SARS-CoV-2. La proteina spike (in primo piano) consente al virus di entrare e infettare le cellule umane. Sul modello del virus, la superficie del virus (blu) è ricoperta da proteine ​​spike (rosse) che consentono al virus di entrare e infettare le cellule umane. Credito: NIH

 

Nel Regno Unito e in Sud Africa sono stati trovati due nuovi ceppi del coronavirus che causa COVID-19 chiamati B.1.1.7 e B.1.351 e si ritiene che siano più trasmissibili . In questa intervista, David Kennedy, un biologo che studia l’evoluzione delle malattie infettive alla Penn State, spiega come questi nuovi ceppi sono diversi, cosa significa “più trasmissibile”, cosa significa per il pubblico e se i vaccini saranno efficaci contro di loro .

Quali sono le due nuove varianti del virus SARS CoV-2?

In realtà stanno emergendo alcune diverse varianti di cui probabilmente hai sentito parlare di recente. Due dei più comuni di cui le persone parlano e sono più preoccupati sono le varianti B.1.1.7 e B.1.351 . Sono stati rilevati per la prima volta nel Regno Unito e in Sud Africa. Sembra che circolino almeno da ottobre, ma sono stati notati solo a dicembre. La preoccupazione di queste varianti è che potrebbero avere alcune differenze nel modo in cui sono trasmissibili e nel modo in cui le vede il sistema immunitario .

Cosa significa “più trasmissibile” quando si tratta di queste varianti?

I dati suggeriscono che entrambe queste varianti sono più trasmissibili . La maggior parte dei dati disponibili è per la variante britannica in particolare. Non è ancora chiaro esattamente quanto sia più trasmissibile, ma le stime attuali dicono che è da qualche parte tra il 30% e l’80% più trasmissibile rispetto ai ceppi originali che erano là fuori.

Come sono arrivati ​​gli scienziati a quei numeri? Quando i picchi nei casi nel Regno Unito hanno sollevato preoccupazioni, hanno sequenziato il virus dai casi durante i picchi. Hanno visto che c’era questa nuova variante. Hanno esaminato la frequenza di questa variante più indietro nel tempo e hanno visto che aumentava di frequenza nel tempo. Quindi è passato dall’essere molto raro a molto comune. E in base al tasso di aumento, stimano che fosse circa il 70% circa più trasmissibile del virus originale.

Il secondo modo in cui hanno determinato che era più trasmissibile è attraverso qualcosa chiamato ” tasso di attacco secondario “. Quello che fanno è, se sanno che qualcuno è infetto, possono guardare e vedere quanti dei loro contatti sono stati infettati. E così possono farlo per le persone che sono state infettate dal ceppo originale del virus, e possono farlo per le persone che sono state infettate da questa nuova variante. Quello che hanno visto è stato che le persone che avevano questa nuova variante avevano maggiori probabilità di infettare i loro contatti e tale aumento era compreso tra il 30% e il 40% . Ciò significa che è più probabile che questa nuova variante venga trasmessa ad altri individui.

Come si traduce in rischio una variante più trasmissibile? In che modo influisce sui livelli di rischio quotidiani delle persone?

La prima cosa che dovrei dire è che non ci sono prove che ci sia una maggiore gravità della malattia come risultato di queste varianti. Quindi non sembra che ora sia più dannoso. Ma la preoccupazione è che più persone verranno infettate e quindi, in totale, più persone si ammaleranno.

David Kennedy spiega i due nuovi ceppi COVID-19 B117 e B1351, che sono stati rilevati a dicembre.

Ma il motivo per cui questo è così preoccupante è che vieni colpito due volte dall’aumento della trasmissibilità. In primo luogo, più persone saranno infettate, quindi è più probabile che interagirai con qualcuno che è contagioso. In secondo luogo, il virus è più contagioso, quindi è più probabile che ogni persona infetta te lo trasmetta.

Detto questo, le basi di come dovremmo vivere le nostre vite e di come dovremmo controllarle sono essenzialmente immutate. Le misure di mitigazione che abbiamo in atto, cose come l’allontanamento sociale, indossare una maschera, evitare spazi interni condivisi, ridurre eventuali rischi inutili, sono ancora le migliori misure che dobbiamo cercare di controllare questo. Almeno fino a quando non avremo tutti accesso ai vaccini.

Cosa significa questa nuova variante per l’efficacia del vaccino?

Se guardiamo al vaccino contro il vaiolo, non abbiamo mai visto la resistenza evolversi ad esso. È lo stesso per il morbillo, la poliomielite e la maggior parte dei vaccini che abbiamo. Non dobbiamo mai aggiornarli e continuano a funzionare.

Ma ci sono stati vaccini in cui dobbiamo aggiornarli perché la resistenza si è evoluta . E quindi parte della preoccupazione per queste nuove varianti è che potrebbe esserci un’evoluzione della resistenza ai vaccini attualmente in fase di sviluppo.

Il motivo per cui le persone sono preoccupate è che molte delle mutazioni in queste nuove varianti si trovano nel sito bersaglio dei vaccini, qualcosa chiamato proteina spike. Ma solo perché stiamo assistendo a cambiamenti nella proteina spike di queste varianti non significa necessariamente che minerà il vaccino.

Quello che i ricercatori hanno visto è che una delle mutazioni trovate sia nella variante del Regno Unito che in quella del Sud Africa non sembra avere alcun effetto sul modo in cui il nostro sistema immunitario vede il virus, quindi questa è una buona notizia. Ma un’altra mutazione trovata nella variante del Sud Africa sembra avere un impatto sul modo in cui la nostra risposta immunitaria vede il virus.

Abbiamo imparato che se prendi siero di sangue da qualcuno che era stato precedentemente infettato dalla vecchia versione del virus e provi a usare quel siero per fermare il virus contenente questa nuova mutazione, hai bisogno di una concentrazione più alta del siero di sangue per neutralizza il virus. Ciò significa che c’è una differenza nel modo in cui il nostro sistema immunitario vede il virus. Non significa necessariamente che il vaccino sarà meno efficace. Ma è certamente qualcosa che deve essere studiato di più.

Queste sono due delle mutazioni. Ci sono molte altre mutazioni in queste varianti, che gli scienziati devono continuare a studiare.

Il riassunto qui è che almeno una delle mutazioni sembra che potrebbe essere rilevante, ma non ci sono buone prove per suggerire che significhi che i vaccini non saranno efficaci. I vaccini tendono ad essere robusti contro i cambiamenti evolutivi. E quindi la mia speranza e la mia aspettativa è che la protezione del vaccino sarà robusta.

(Visited 1 times, 1 visits today)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter
Top 10 Articoli
36