Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Ritmo giornaliero rilevato per il flusso sanguigno cerebrale nei pazienti con ictus

Attestazione: CC0 Pubblico dominio

Gli ictus sono una delle principali cause di morbilità e mortalità  in tutto il mondo. È noto che vari fattori ambientali e biologici influenzano i rischi e gli esiti degli ictus. Un nuovo studio condotto dai ricercatori del Brigham and Women’s Hospital, uno dei membri fondatori del sistema sanitario Mass General Brigham, ha analizzato la regolazione del flusso sanguigno cerebrale (CBF) di individui che avevano avuto un ictus.

Il team ha scoperto che l’autoregolazione cerebrale (CA), uno dei processi chiave per mantenere un sufficiente afflusso di sangue al cervello, mostrava un ritmo quotidiano nei pazienti con ictus , con una regolazione più degradata durante le ore notturne e mattutine, rispetto a quella pomeridiana. . I loro risultati, pubblicati sul Journal of Cerebral Blood Flow and Metabolism , sono rilevanti per la pianificazione dell’assistenza sanitaria durante il recupero da ictus .

“La cura e il corso delle azioni eseguite dopo un ictus sono essenziali per una riabilitazione ottimale. Il nostro studio suggerisce che il ritmo quotidiano della regolazione del CBF nei pazienti con ictus può essere molto rilevante per la gestione dell’attività di un individuo e il recupero dall’ictus”, ha affermato l’autore senior, Kun Hu. , Ph.D., del Medical Biodynamics Program presso la Brigham’s Division of Sleep and Circadian Disorders.

“L’esercizio e l’intervento chirurgico post-ictus potrebbero essere più ottimali se programmati durante le ore pomeridiane, poiché questo è il momento in cui l’AC dinamico funziona in modo più efficace. Questi risultati possono migliorare la nostra comprensione di una finestra temporale vulnerabile per il sistema cerebrovascolare e aiutare a guidare l’attività quotidiana e la cura personale durante il recupero dell’ictus, che potrebbe migliorare i risultati di salute per i pazienti che hanno avuto un ictus”.

Il CBF stabile è un componente necessario per la normale funzione cerebrale. Drastici cambiamenti nel CBF possono causare un aumento della pressione cranica e danni al tessuto cerebrale. Pertanto, un processo come il CA, che aiuta a mantenere il CBF relativamente stabile attraverso la costrizione e la dilatazione dei vasi sanguigni nel cervello, in particolare durante i cambiamenti della pressione sanguigna (BP) di un individuo, è cruciale.

Attualmente, vi è una lacuna nella conoscenza relativa alla varianza giornaliera di CA nei pazienti con ictus. In generale, i ritmi quotidiani delle funzioni fisiologiche possono essere controllati da comportamenti esterni come l’assunzione di cibo, il sonno e l’esercizio fisico, nonché dall’orologio circadiano interno. Questo studio è tra i primi a esaminare la potenziale variazione di CA nella popolazione con ictus.

 

Il team di ricerca ha studiato osservativamente 28 partecipanti in cura in un ospedale di San Paolo, in Brasile, dopo aver subito un ictus. Hanno ricevuto la trombolisi entro 5 ore dall’insorgenza dei loro sintomi. Dopo aver subito questa procedura, la CA dei partecipanti è stata valutata nel corso di 48 ore in vari momenti esaminando la relazione tra i cambiamenti temporali della pressione sanguigna e la velocità del flusso sanguigno cerebrale dell’arteria cerebrale media.

L’analisi dei risultati ha mostrato prove di una diversa regolazione del flusso sanguigno cerebrale durante vari momenti della giornata, specialmente quando il flusso sanguigno cerebrale e la pressione fluttuavano su grandi scale temporali o basse frequenze <0,05 Hz. In particolare, nelle ore notturne e mattutine si è riscontrato un motivo di regolazione più degradato rispetto a quello pomeridiano. Questo intervallo di disregolazione coincide con l’aumento della prevalenza di eventi di ictus ricorrenti e in assoluto durante le ore mattutine.

Sebbene questi risultati siano promettenti, i ricercatori hanno identificato strade future per aiutare a creare una maggiore comprensione del meccanismo di regolazione.

“È interessante notare che il ritmo quotidiano della CA era presente in entrambe le parti cerebrali colpite e non colpite, suggerendo che i fattori che guidano il ritmo dovrebbero influenzare la regolazione del CBF a livello globale”, ha detto il primo autore Daniel Abadjiev, del Medical Biodynamics Program in la divisione del sonno e dei disturbi circadiani di Brigham.

“Per comprendere meglio i meccanismi sottostanti, gli studi futuri dovrebbero prendere in considerazione valutazioni più frequenti durante il ciclo di 24 ore, un aumento della dimensione del campione di pazienti, l’inclusione di controlli non ictus e il monitoraggio dei ritmi di attività quotidiana come il sonno e l’esercizio, nonché i ritmi intrinseci ritmo circadiano tra i partecipanti.”

“Questo studio dimostra che esiste un ritmo quotidiano per i pazienti con ictus”, ha detto Hu. “I piani di riabilitazione dovrebbero cercare di identificare il ritmo quotidiano e progettare una strategia che faccia uso di CA ottimale. L’obiettivo a lungo termine è vedere se possiamo controllare ulteriormente il ritmo di CA manipolando i cicli comportamentali quotidiani di un individuo o l’orologio circadiano endogeno in per fornire medicine più personalizzate e migliorare il loro recupero”.

More information: Daniel S Abadjiev et al, Daily rhythm of dynamic cerebral autoregulation in patients after stroke, Journal of Cerebral Blood Flow & Metabolism (2023). DOI: 10.1177/0271678X231153750

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Forse ti sei perso questi
Febbraio 2024
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829  
Archivio