Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Obesità e malattie cardiache

Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico

È noto da tempo che essere in sovrappeso o obesi può rendere una persona più incline a sviluppare condizioni come l’ipertensione o il diabete, che possono portare a malattie cardiovascolari. Ma gli esperti della Mayo Clinic affermano che anche l’obesità può influenzare il cuore in modi del tutto indipendenti.

In questo verbale della Mayo Clinic, il dottor Francisco Lopez-Jimenez, un cardiologo della Mayo Clinic, spiega le risorse disponibili per aiutare i pazienti che combattono l’obesità e le malattie cardiache.

L’obesità può influenzare il cuore in molti modi. Non solo espone qualcuno a un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari, ma può anche rendere più difficile la diagnosi e il trattamento della condizione.

Ecco perché è spesso raccomandata la perdita di peso attraverso la modifica dello stile di vita. Ma non è sempre così semplice…
“perché sentiranno dei sintomi quando si esercitano. E potrebbero dire: “Beh, se ho i sintomi, preferirei semplicemente non fare l’esercizio”. Quando, in realtà, ne avranno bisogno —non solo per perdere peso, ma anche per la salute del cuore”, afferma il dott. Lopez-Jimenez.

Alcuni farmaci prescritti per la loro malattia cardiaca possono anche rendere più difficile perdere chili.

“I farmaci chiamati beta-bloccanti possono effettivamente far ingrassare le persone”, afferma il dott. Lopez-Jimenez.

Dice che è importante che i pazienti sappiano che ci sono altre opzioni se i programmi standard per la perdita di peso non funzionano.

“Ci sono altre risorse, come la chirurgia bariatrica e i farmaci, che possono effettivamente aiutare efficacemente i pazienti a perdere peso”.

La dieta e l’esercizio fisico falliscono per la maggior parte degli adulti che cercano di perdere peso a lungo termine. Oggi l’American Gastroenterological Association (AGA) ha pubblicato nuove linee guida basate sull’evidenza che raccomandano fortemente che questi pazienti con obesità utilizzino farmaci recentemente approvati abbinati a cambiamenti nello stile di vita.

I seguenti farmaci, abbinati a un’alimentazione sana e a una regolare attività fisica , sono opzioni mediche di prima linea e determinano una moderata perdita di peso, come indicato come percentuale del peso corporeo (riportata come differenza rispetto alla percentuale di perdita di peso osservata nel gruppo placebo).

  1. Semaglutide (Wegovy), percentuale di perdita di peso: 10,8%
  2. Phentermine-topiramato ER (Qsymia), percentuale di perdita di peso: 8,5%
  3. Liraglutide (Saxenda), percentuale di perdita di peso: 4,8%
  4. Naltrexone-Bupropion ER (Contrave), percentuale di perdita di peso: 3,0%

“Questi farmaci trattano una malattia biologica, non un problema dello stile di vita. L’obesità è una malattia che spesso non risponde ai soli interventi sullo stile di vita a lungo termine”, afferma l’autore Eduardo Grunvald, MD, University of California San Diego. “L’uso di farmaci come opzione per aiutare con la perdita di peso può migliorare le complicanze legate al peso come dolori articolari, diabete, fegato grasso e ipertensione”.

La prevalenza dell’obesità negli Stati Uniti è aumentata drammaticamente dal 30,5% al ​​41,9% negli ultimi vent’anni.

“Ci sono stati cambiamenti nel trattamento dell’obesità negli ultimi anni. Questa linea guida è la prima da quando i farmaci per il diabete sono stati approvati per il trattamento dell’obesità e fornisce informazioni chiare per i medici e i loro pazienti adulti che lottano per perdere peso o tenerlo fuori con i soli cambiamenti dello stile di vita,” dice Perica Davitkov.

La ricerca è pubblicata su Gastroenterology .

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Forse ti sei perso questi
Febbraio 2024
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829  
Archivio