Archivi

Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Segni di Alzheimer precoce possono essere individuati nel tronco cerebrale

Alcuni cambiamenti in una parte del tronco cerebrale, visibili nelle scansioni, potrebbero essere un potenziale indicatore precoce della malattia di Alzheimer, suggerisce un nuovo studio.

Utilizzando diverse tecniche di imaging cerebrale , i ricercatori hanno scoperto che una minore “integrità” nella regione del tronco cerebrale era collegata a un declino più rapido della memoria e del pensiero negli anziani , nonché ad alcuni cambiamenti cerebrali osservati all’inizio dell’Alzheimer.

La ricerca, pubblicata il 22 settembre sulla rivista Science Translational Medicine, è l’ultima di un ampio sforzo per trovare “biomarcatori” che potrebbero aiutare nella diagnosi precoce dell’Alzheimer.

I biomarcatori sono cose che possono essere misurate per rilevare in modo affidabile una malattia, ad esempio una sostanza nel sangue o una scansione cerebrale.

In questo momento, la maggior parte delle persone con Alzheimer viene diagnosticata sulla base di valutazioni della memoria, del ragionamento e di altre capacità di pensiero, ha affermato Rebecca Edelmayer, direttore senior dell’impegno scientifico per l’Alzheimer’s Association.

Ma i ricercatori, ha detto, stanno lavorando per comprendere meglio il processo della malattia sottostante e, lungo la strada, trovare biomarcatori che catturano l’Alzheimer prima.

Potenzialmente, ci sono vari modi per farlo, tra cui l’imaging cerebrale e la misurazione di determinate sostanze nel liquido cerebrospinale o nel sangue. Alcuni di questi strumenti sono già in fase di studio e, in alcuni casi, utilizzati nella cura dei pazienti.

Edelmayer, che non era coinvolto nel nuovo studio, lo ha definito “molto interessante”.

Evidenzia un potenziale marcatore precoce che potrebbe aiutare a distinguere l’invecchiamento cerebrale “normale” da un processo patologico, ha detto.

Lo studio si è concentrato su un’area del tronco cerebrale nota come locus coeruleus o LC. Studi precedenti, di autopsie cerebrali, hanno indicato che il LC è il primo sito nel cervello ad essere colpito da un accumulo anomalo di tau.

Tau è una proteina presente nelle cellule cerebrali sane. Ma possono formarsi anche versioni anormali di tau, quelle che si attaccano ad altre proteine ​​tau. Nelle persone con Alzheimer, il cervello è pieno di “grovigli” di tau e di “placche”, che sono grumi anormali di un’altra proteina chiamata amiloide.

A differenza dell’accumulo di amiloide, che si osserva più tardi nella vita, l’accumulo di tau spesso inizia presto. In effetti, la ricerca suggerisce che circa la metà dei 30-40enni ha un accumulo di tau nel LC, ha affermato Heidi Jacobs, ricercatrice principale dello studio.

Ma se questo sia effettivamente parte di un processo patologico non è stato chiaro, ha spiegato Jacobs, un assistente professore presso la Harvard Medical School e il Massachusetts General Hospital di Boston.

Le nuove scoperte, ha detto, rafforzano il caso.

I risultati si basano su 174 adulti più anziani, per lo più cognitivamente sani. Tutti avevano scansioni MRI per valutare “l’integrità” del LC. Non è possibile, ha spiegato Jacobs, misurare direttamente la tau nel LC a causa delle sue piccole dimensioni. Ma i recenti progressi nella tecnologia della risonanza magnetica consentono di misurare l’integrità dell’area, che potrebbe riflettere l’accumulo di tau.

Oltre a quelle scansioni MRI, i partecipanti sono stati anche sottoposti a imaging PET. Lì lo scopo era quello di trovare qualsiasi accumulo di tau e amiloide in altre aree del cervello implicate nel processo precoce dell’Alzheimer. Infine, la loro memoria e altre capacità di pensiero sono state testate ripetutamente per un massimo di otto anni.

Mettendo insieme tutte queste informazioni, i ricercatori hanno scoperto che è emersa un’immagine.

Nel complesso, una minore integrità del LC era correlata all’accumulo di tau in un’area del cervello coinvolta nella memoria chiamata corteccia entorinale. La minore integrità della LC è stata anche collegata a un declino più rapido delle capacità di pensiero dei partecipanti allo studio.

Ciò non dimostra che l’accumulo di tau nella LC dà il via all’intero processo, secondo Jacobs. Ma identifica l’integrità della LC come un potenziale marker per prevedere il declino correlato all’Alzheimer.

Anche se l’Alzheimer non ha una cura, avere dei marker precoci che individuano in modo affidabile le persone su una traiettoria verso la malattia è considerato fondamentale. Per uno, i marcatori potrebbero essere utilizzati per identificare i partecipanti per gli studi clinici che testano nuovi trattamenti per l’Alzheimer.

Ciò può già essere fatto con l’imaging PET, ha osservato Jacobs, ma è possibile che l’integrità della LC possa identificare i potenziali partecipanti allo studio in un momento precedente.

Uno dei motivi per cui i precedenti studi sul trattamento sono falliti, ha detto Jacobs, potrebbe essere che stavano trattando le persone “troppo tardi”.

Mentre molte persone potrebbero aver sentito parlare delle placche amiloidi che segnano l’Alzheimer, Edelmayer ha affermato che in realtà è l’accumulo di tau che è più strettamente correlato al declino cognitivo. E si pensa che possa essere all’opera un’interazione tra le proteine ​​e altri fattori.

“C’è davvero una cascata di eventi che accadono da 10 a 20 anni prima dei segni clinici dell’Alzheimer”, ha detto Edelmayer.

Qualsiasi tecnologia in grado di rilevare in modo affidabile i cambiamenti lungo quel percorso potrebbe potenzialmente portare a una diagnosi precoce.

 

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Lascia un commento

Voci da Twitter