Credito: CC0 dominio pubblico
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather

Sfidare i ruoli di genere preistorici: la ricerca scopre che anche le donne erano cacciatrici

Credito: CC0 dominio pubblico

È una storia familiare a molti di noi: nella preistoria, gli uomini erano cacciatori e le donne raccoglievano. Le donne non erano fisicamente in grado di cacciare perché la loro anatomia era diversa da quella degli uomini. E poiché gli uomini erano cacciatori, guidarono l’evoluzione umana.

Ma questa storia non è vera, secondo una ricerca della professoressa di antropologia Sarah Lacy dell’Università del Delaware, recentemente pubblicata su Scientific American e in due articoli sulla rivista American Anthropologist .

Lacy e la sua collega Cara Ocobock dell’Università di Notre Dame hanno esaminato la divisione del lavoro in base al sesso durante il Paleolitico, da circa 2,5 milioni a 12.000 anni fa. Attraverso un esame delle attuali prove archeologiche e della letteratura, hanno trovato poche prove a sostegno dell’idea che i ruoli fossero assegnati specificamente a ciascun sesso. Il team ha anche esaminato la fisiologia femminile e ha scoperto che le donne non solo erano fisicamente capaci di essere cacciatrici, ma che ci sono poche prove a sostegno del fatto che non cacciassero.

Lacy è un antropologo biologico che studia la salute dei primi esseri umani, e Ocobock è un fisiologo che fa analogie tra i giorni nostri e i reperti fossili. Amici ai tempi della scuola di specializzazione , hanno collaborato dopo “lamentarsi di una serie di articoli che utilizzavano questa ipotesi nulla predefinita secondo cui gli uomini delle caverne avevano una forte divisione del lavoro basata sul genere, i maschi cacciano, le femmine raccolgono le cose. Ci siamo chiesti: “Perché è così? il predefinito? Abbiamo così tante prove che non è così,'” ha detto Lacy.

I ricercatori hanno trovato esempi di uguaglianza per entrambi i sessi negli strumenti antichi, nella dieta, nell’arte, nelle sepolture e nell’anatomia.

“Le persone hanno trovato cose nel passato e le hanno semplicemente classificate automaticamente come maschili e non hanno riconosciuto il fatto che tutti quelli che abbiamo trovato in passato avevano questi segni, sia nelle loro ossa che negli strumenti di pietra che vengono posti nelle loro sepolture. Possiamo “Non possiamo davvero dire chi ha fatto cosa, giusto? Non possiamo dire: ‘Oh, solo i maschi tagliano la pietra focaia’, perché non c’è alcuna firma lasciata sullo strumento di pietra che ci dica chi lo ha fatto,” ha detto Lacy, riferendosi al metodo con cui venivano realizzati utensili in pietra . “Ma dalle prove che abbiamo, sembra che non ci siano quasi differenze sessuali nei ruoli.”

Il team ha anche esaminato la questione se le differenze anatomiche e fisiologiche tra uomini e donne impedissero alle donne di cacciare. Hanno scoperto che gli uomini hanno un vantaggio rispetto alle donne nelle attività che richiedono velocità e potenza, come lo sprint e il lancio, ma che le donne hanno un vantaggio rispetto agli uomini nelle attività che richiedono resistenza, come la corsa. Entrambi i tipi di attività erano essenziali per la caccia nei tempi antichi.

Il team ha evidenziato il ruolo dell’ormone estrogeno, che è più importante nelle donne che negli uomini, come componente chiave nel conferire tale vantaggio. Gli estrogeni possono aumentare il metabolismo dei grassi, fornendo ai muscoli una fonte di energia più duratura e possono regolare la disgregazione muscolare, prevenendone l’usura. Gli scienziati hanno rintracciato i recettori degli estrogeni, proteine ​​che dirigono l’ormone nel posto giusto nel corpo, risalenti a 600 milioni di anni fa .

“Quando diamo uno sguardo più approfondito all’anatomia e alla fisiologia moderna e poi osserviamo effettivamente i resti scheletrici degli antichi, non c’è differenza nei modelli di trauma tra maschi e femmine, perché stanno svolgendo le stesse attività”, ha detto Lacy.

Durante il Paleolitico la maggior parte delle persone viveva in piccoli gruppi. Per Lacy l’idea che solo una parte del gruppo andasse a caccia non aveva senso.

“Vivi in ​​una società così piccola. Devi essere davvero, davvero flessibile”, ha detto. “Tutti devono essere in grado di ricoprire qualsiasi ruolo in qualsiasi momento. Sembra una cosa ovvia, ma la gente non la prendeva in quel modo.”

 

L’uomo il cacciatore

La teoria degli uomini come cacciatori e delle donne come raccoglitori guadagnò notorietà per la prima volta nel 1968, quando gli antropologi Richard B. Lee e Irven DeVore pubblicarono “Man the Hunter”, una raccolta di articoli accademici presentati a un simposio nel 1966. Gli autori sostenevano che cacciare l’evoluzione umana avanzata aggiungendo carne alle diete preistoriche, contribuendo alla crescita di cervelli più grandi, rispetto ai nostri cugini primati. Gli autori presumevano che tutti i cacciatori fossero maschi.

Lacy sottolinea che il pregiudizio di genere da parte degli studiosi precedenti è il motivo per cui il concetto è stato ampiamente accettato nel mondo accademico, diffondendosi infine nella cultura popolare. I cartoni animati televisivi, i lungometraggi, le mostre nei musei e i libri di testo hanno rafforzato l’idea. Quando le studiose pubblicarono ricerche contrarie, il loro lavoro fu ampiamente ignorato o svalutato.

“C’erano donne che pubblicavano su questo argomento negli anni ’70, ’80 e ’90, ma il loro lavoro continuava a essere relegato a: ‘Oh, questa è una critica femminista o un approccio femminista’”, ha detto Lacy. “Questo accadeva prima di qualsiasi del lavoro sulla genetica e molto del lavoro sulla fisiologia e sul ruolo degli estrogeni erano venuti alla luce. Volevamo sia riprendere le argomentazioni che avevano già avanzato sia aggiungervi tutte le novità.”

Lacy ha affermato che la teoria dell ‘”uomo cacciatore” continua a influenzare la disciplina. Pur riconoscendo che è necessario fare molta più ricerca sulla vita degli uomini preistorici, soprattutto delle donne, spera che la sua visione secondo cui il lavoro era diviso tra entrambi i sessi diventerà l’approccio predefinito per la ricerca in futuro.

Per 3 milioni di anni, sia maschi che femmine hanno partecipato alla raccolta di sussistenza per le loro comunità, e la dipendenza dalla carne e dalla caccia è stata guidata da entrambi i sessi, ha detto Lacy.

“Non è qualcosa che hanno fatto solo gli uomini e che quindi il comportamento maschile ha guidato l’evoluzione”, ha detto. “Quelli che oggi consideriamo de facto come ruoli di genere non sono inerenti, non caratterizzano i nostri antenati. Siamo stati una specie molto egualitaria per milioni di anni in molti modi.”

More information: Sarah Lacy et al, Woman the hunter: The archaeological evidence, American Anthropologist (2023). DOI: 10.1111/aman.13914

Cara Ocobock et al, Woman the hunter: The physiological evidence, American Anthropologist (2023). DOI: 10.1111/aman.13915