Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Una volta ogni 50.000 anni una cometa può essere visibile ad occhio nudo

La cometa dovrebbe essere facile da individuare con il binocolo e probabilmente ad occhio nudo.

La cometa dovrebbe essere facile da individuare con il binocolo e probabilmente ad occhio nudo.

Una cometa appena scoperta potrebbe essere visibile ad occhio nudo mentre sfreccia oltre la Terra e il Sole nelle prossime settimane per la prima volta in 50.000 anni, hanno detto gli astronomi.

La cometa si chiama C/2022 E3 (ZTF) dal nome della Zwicky Transient Facility, che l’ha individuata per la prima volta passando davanti a Giove nel marzo dello scorso anno.

Dopo aver viaggiato dalle distese ghiacciate del nostro Sistema Solare, si avvicinerà al Sole il 12 gennaio e passerà più vicino alla Terra il 1° febbraio.

Sarà facile individuarlo con un buon binocolo e probabilmente anche ad occhio nudo , a patto che il cielo non sia troppo illuminato dalle luci della città o dalla Luna.

La cometa “sarà più luminosa quando sarà più vicina alla Terra”, ha detto all’AFP Thomas Prince, professore di fisica presso il California Institute of Technology che lavora presso la Zwicky Transient Facility.

Fatta di ghiaccio e polvere ed emettendo un’aura verdastra, si stima che la cometa abbia un diametro di circa un chilometro, ha detto Nicolas Biver, astrofisico dell’Osservatorio di Parigi.

Ciò la rende significativamente più piccola di NEOWISE, l’ultima cometa visibile ad occhio nudo, che ha superato la Terra nel marzo 2020, e Hale-Bopp, che è passata nel 1997 con un diametro potenzialmente mortale di circa 60 chilometri.

Ma l’ultima visita si avvicinerà alla Terra, il che “potrebbe compensare il fatto che non è molto grande”, ha detto Biver.

Mentre la cometa sarà più luminosa mentre passa davanti alla Terra all’inizio di febbraio, una luna più piena potrebbe rendere difficile individuarla.

Per l’emisfero settentrionale, Biver ha suggerito l’ultima settimana di gennaio, quando la cometa passa tra le costellazioni dell’Orsa Minore e dell’Orsa Maggiore.

La luna nuova durante il fine settimana del 21-22 gennaio offre buone possibilità per gli astronomi, ha detto.

“Potremmo anche ricevere una bella sorpresa e l’oggetto potrebbe essere due volte più luminoso del previsto”, ha aggiunto Biver.

Prince ha detto che un’altra opportunità per localizzare la cometa nel cielo arriverà il 10 febbraio, quando passerà vicino a Marte.

“Visitatore raro”

La cometa ha trascorso la maggior parte della sua vita “almeno 2.500 volte più distante di quanto la Terra sia dal Sole”, ha detto Prince.

Biver ha affermato che si ritiene che la cometa provenga dalla Oort Cloud, una vasta sfera teorizzata che circonda il Sistema Solare e che ospita misteriosi oggetti ghiacciati.

L’ultima volta che la cometa ha superato la Terra è stato durante il Paleolitico superiore, quando i Neanderthal vagavano ancora per la Terra.

Prince ha detto che la prossima visita della cometa nel Sistema Solare interno era prevista tra altri 50.000 anni.

Ma Biver ha detto che c’è la possibilità che dopo questa visita la cometa venga “espulsa definitivamente dal Sistema Solare”.

Tra quelli che osserveranno da vicino ci sarà il James Webb Space Telescope. Tuttavia, non scatterà immagini, ma studierà invece la composizione della cometa, ha detto Biver.

Più la cometa è vicina alla Terra, più facile è per i telescopi misurare la sua composizione “mentre il Sole si stacca dai suoi strati esterni”, ha detto Prince.

Questo “raro visitatore” ci darà “informazioni sugli abitanti del nostro sistema solare ben oltre i pianeti più lontani”, ha aggiunto.

Lascia un commento