Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

A volte alcune comuni cellule immunitarie impediscono la guarigione intestinale

intestino

Credit: CC0 Pubblico dominio

Le cellule B sono fondamentali per il corretto funzionamento del sistema immunitario. Tuttavia, i ricercatori del Karolinska Institutet hanno dimostrato che a volte possono fare più male che bene, poiché il loro numero aumenta notevolmente dopo il danno intestinale, impedendo al tessuto di guarire. I risultati, presentati sulla rivista Immunity , possono essere significativi per il trattamento della malattia infiammatoria intestinale.

I linfociti B sono un tipo di globuli bianchi che svolgono un’importante funzione nel sistema immunitario , in parte producendo gli anticorpi che attaccano batteri e virus. Precedenti ricerche hanno dimostrato che le persone con malattia infiammatoria cronica intestinale (IBD), come il morbo di Crohn o la colite ulcerosa , hanno molte più cellule B nel loro intestino rispetto agli individui sani.

È stato quindi proposto che le cellule B possano influenzare la gravità di queste malattie. I ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia hanno ora cercato di scoprire se, e in tal caso in che modo, le cellule B contribuiscono all’IBD.

Forte aumento durante la guarigione

“Siamo stati in grado di dimostrare che la popolazione di cellule B aumenta bruscamente nel colon durante la guarigione delle lesioni del colon e che queste cellule si accumulano principalmente nelle aree in cui il danno è grave”, afferma il ricercatore principale Eduardo Villablanca, professore associato presso il Dipartimento di Medicina (Solna), Karolinska Institutet. “Questo impedisce, a sua volta, l’interazione tra altri due tipi di cellule, cellule stromali ed epiteliali , necessarie per la guarigione del tessuto”.

I ricercatori hanno studiato un modello sperimentale di colite e tessuto di pazienti con colite ulcerosa, utilizzando una serie di metodi per analizzare le popolazioni cellulari. Concentrandosi in particolare su come le cellule B influenzano la guarigione della mucosa intestinale , hanno scoperto che i topi privi di cellule B si sono ripresi molto più rapidamente dopo un danno intestinale rispetto ai topi normali. La scoperta che le cellule B sembrano fare più male che bene nell’infiammazione del colon può essere significativa per il trattamento dell’IBD.

Farmaci che influenzano le cellule B

“Esistono già farmaci approvati che influenzano la risposta delle cellule B e che vengono utilizzati per altre malattie”, afferma Gustavo Monasterio, postdoc nel gruppo di ricerca del Dr. Villablanca al Karolinska Institutet e uno dei principali autori.

“Ora vogliamo verificare se l’esaurimento delle cellule B in finestre temporali specifiche potrebbe funzionare anche con l’IBD. Dobbiamo anche scoprire se l’accumulo di cellule B può avere un effetto benefico a lungo termine, ad esempio modificando la composizione dei batteri in il tratto gastrointestinale ”.