Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Pericoli naturali nel bacino del Mediterraneo

Mediterraneo

Bacino Mediterraneo Credits: Google Maps

La regione mediterranea è un territorio caratterizzato dalla presenza di molti pericoli naturali, che diventano rischi data la densità di popolazione attorno al bacino.

La regione è caratterizzata da un clima temperato con un forte soleggiamento e forti venti. Alterna estati calde, con temperature tra i 25 ei 40° – che possono provocare episodi di siccità – e inverni miti e piovosi, con precipitazioni variabili. Durante la primavera e l’autunno si verificano eventi piovosi significativi, che possono portare a incidenti violenti dovuti ai cambiamenti climatici che causano inondazioni e smottamenti.

Gli episodi di siccità estiva sono causa di frequenti e devastanti incendi durante il periodo estivo. Questi stanno distruggendo ettari di terreno, provocando a volte molte vittime, come l’incendio in una località balneare in Grecia nel 2018, che ha ucciso 102 persone.

La struttura geologica del bacino del Mediterraneo è anche fonte di pericoli sismici e vulcanici: il Mar Mediterraneo è un’area altamente frammentata dal punto di vista geologico. Esistono diverse placche tettoniche nel bacino del Mediterraneo. Ad esempio, gli episodi sismici che si verificano nell’area dell’Egeo meridionale (da ovest a est) sono dovuti alla convergenza delle placche africane con quelle eurasiatiche.

Tutte queste caratteristiche climatiche e geologiche tendono a rendere il bacino del Mediterraneo vulnerabile a quattro categorie principali di pericoli naturali, le cui conseguenze sono accentuate dalla densità della popolazione, in particolare sulla costa:

  • Il rischio sismico onnipresente da est a ovest del bacino che è accompagnato in alcune regioni da un rischio vulcanico
  • Alluvioni torrenziali
  • Siccità che colpiscono la regione del Maghreb nel Mashreq e segnano una maggiore estensione nell’Europa meridionale

Tuttavia, questi eventi violenti tendono a diventare più gravi con il riscaldamento globale, che sarà maggiore nel Mediterraneo che nel resto del mondo. Infatti, la sua posizione tra due masse d’aria (arida in Nord Africa e temperata in Europa) e le sue specificità geografiche rendono il territorio particolarmente vulnerabile. I cambiamenti climatici tendono ad aumentare l’intensità dei già pericolosi fenomeni meteorologici mediterranei. È quindi importante che gli stakeholder regionali adottino strategie di resilienza.

Problemi di sviluppo sostenibile identificati in questo argomento:

Quali sono i principali rischi naturali nella regione mediterranea?

1. Rischi di alluvioni

Le alluvioni sono il disastro naturale più comune nel Mediterraneo. Nel periodo 1990-2010, le inondazioni hanno rappresentato il 35% di tutti i disastri naturali che hanno colpito la regione mediterranea. Sono principalmente causati da fenomeni chiamati “episodi mediterranei”. L’episodio mediterraneo si traduce in brevi temporali, con precipitazioni abbondanti e localizzate. Si svolge in un periodo di tempo relativamente breve in cui l’equivalente di precipitazioni di diversi mesi può cadere in poche ore o in pochi giorni. Questo porta ad un rigonfiamento dei fiumi che può portare a piene torrenziali con straripamenti significativi.

Questi episodi mediterranei sono frequenti e diffusi in tutta la regione. Si verificano da tre a sei volte l’anno, di solito in autunno, quando il mare è più caldo. Sono causati dall’aria calda, umida e instabile proveniente dal Mediterraneo. Maggiore è la temperatura del mare, maggiore è il rischio di episodi violenti. 

Circa 210 alluvioni distruttive hanno colpito 22 paesi negli ultimi 20 anni, colpendo 3.220.000 persone, provocando 4.250 morti e perdite economiche. I paesi del Mediterraneo meridionale e orientale hanno registrato il maggior numero di morti con 3.820 vittime, principalmente a causa di inondazioni improvvise che hanno colpito aree urbane intensamente popolate costruite in zone soggette a inondazioni. Al contrario, i paesi del Nord del Mediterraneo hanno registrato gli impatti economici più elevati con 21.400 miliardi di euro persi per lo più colpendo le città costiere turistiche costruite senza un’adeguata protezione. 

2. Rischi di inondazioni costiere

Le zone costiere sono spesso a rischio a causa dell’innalzamento del livello del mare che potrebbe essere dovuto a onde del vento, afflussi di acqua dolce e maree meteorologiche o mareggiate. L’innalzamento del livello del mare dovuto alle mareggiate è un fenomeno complesso, che dipende da una serie di fattori, quali le variazioni della pressione atmosferica, l’intensità, la velocità e l’orientamento del vento verso la costa, la forma e la profondità delle costa, l’altitudine e le pendenze morfologiche del territorio, ecc.

I danni più significativi derivano spesso dall’impatto diretto delle onde su strutture fisse. Gli impatti indiretti includono inondazioni e danni alle principali infrastrutture, come autostrade e ferrovie. L’incappucciamento dei delta e di altre aree costiere basse è esacerbato dall’influenza dell’azione delle maree, delle onde di tempesta e dei frequenti spostamenti dei canali.

3. Rischi di siccità: 

Il clima mediterraneo provoca gravi siccità che possono portare a grandi incendi. Gli incendi più distruttivi registrati dagli anni ’80 in Europa si trovano principalmente in Portogallo, Grecia e Spagna.

Il rischio di siccità è pressoché uniforme in tutto il Paese, causando rischi di incendio. La loro frequenza è aumentata dall’attività umana. Si noti che gli incendi boschivi derivano spesso da reati o incidenti, anche se la siccità è un fattore che facilita lo scoppio degli incendi o ne accentua le conseguenze. Il loro impatto sul ciclo forestale e sulla biodiversità è oggetto di dibattito, alcuni scienziati giudicano il fuoco necessario per il ciclo di rigenerazione della vegetazione.

Inoltre, l’elevata concentrazione costiera, unita alle popolazioni turistiche, accentua la domanda idrica del territorio, che favorisce il prosciugamento delle falde acquifere e determina uno stress idrologico del territorio.

Gli effetti principali di una siccità sono la perdita di raccolti, bestiame e acqua utilizzata per il consumo. Se la conseguente carenza di cibo diventa cronica e può verificarsi la carestia. Gli effetti secondari della siccità possono includere incendi, inondazioni improvvise e desertificazione, l’ultima delle quali risulta dall’aumento dell’erosione eolica dei suoli. La cenere e la polvere portate dal vento possono anche compromettere la qualità dell’aria di aree lontane. In questi modi, anche siccità localizzate possono avere conseguenze globali.

4. Vulcani, rischi sismici e tsunami: 

Gli episodi sismici sono spesso mortali nella regione mediterranea. Le placche tettoniche dell’area mediterranea sono zone di convergenza. Ciò significa che un piatto viene spinto sotto un altro. Questo movimento di convergenza è iniziato nel Mediterraneo 70 milioni di anni fa ed è ancora in corso. La regione mediterranea è sismicamente attiva, a causa della convergenza a nord (4-10 mm/anno) della placca africana rispetto alla placca euroasiatica lungo un complesso limite di placche tettoniche. Diverse aperture e chiusure di bacini oceanici nel corso del tempo geologico hanno reso un’area estremamente ricca di pericoli sismici con tutti i tipi di meccanismi. Questo ci permette di dividere il territorio in due parti distinte: il Mediterraneo Orientale (dall’Italia alla Turchia), che è caratterizzato da un’intensa sismicità con terremoti la cui magnitudo può salire fino a 7.

Così, nel corso del XX secolo, sono state registrate 198.548 terremotate. Tuttavia, il rischio sismico non è omogeneo in tutto il territorio del Mediterraneo. Il litorale settentrionale è il più colpito, in particolare la penisola italiana, la Grecia e la Turchia. La sponda meridionale è molto meno soggetta a questi rischi, nonostante alcuni eventi violenti (ad esempio, nel 1960, il terremoto di El Asnam in Algeria ha ucciso 2633 persone o il terremoto di Al Hoceima ha ucciso più di 1000 persone in Marocco nel febbraio 2004).

Anche il vulcanismo nel Mediterraneo è il risultato di questa intensa attività tettonica. I vulcani sono prese d’aria che permettono alla lava, ai frammenti di roccia e ai gas di fuoriuscire dagli strati sotto la superficie terrestre. Ci sono diversi vulcani nella regione mediterranea tra cui il Vesuvio, l’Etna e lo Stromboli. Il catastrofico terremoto di Thira è paragonabile per distruzione a quello derivante dall’eruzione del Krakatoa del 1883, e si ritiene che abbia spazzato via la civiltà minoica nel 1470 a.C. La penisola italiana è particolarmente nota per la sua intensa attività sismica e per il suo vulcanismo . Inoltre, la presenza di magma in prossimità della superficie ha spinto alcune regioni italiane a soddisfare parte del proprio fabbisogno energetico attingendo a fonti geotermiche.

Gli tsunami sono increspature formate sulla superficie dell’oceano dove il fondale marino viene bruscamente disturbato, spostando l’acqua sopra di esso. A volte sono costituiti da singole onde, ma molto spesso si crea una sequenza di onde a causa di un evento sismico o di una frana. Tutto ciò che provoca un disturbo del fondale marino può produrre uno tsunami3. Diversi eventi devastanti di tsunami sono stati documentati per il Mediterraneo negli ultimi 2.500 anni. Sia i terremoti che le eruzioni vulcaniche hanno innescato lo tsunami in questa regione in passato.

5. Erosione e sedimentazione

L’erosione del suolo e la conseguente sedimentazione costituiscono gravi pericoli naturali che causano perdite sociali ed economiche. L’erosione si verifica in tutte le condizioni climatiche. Tuttavia, è discusso come un pericolo di zona arida perché è una delle principali cause prossime di desertificazione associata alla salinizzazione. L’erosione causata dall’acqua o dal vento si verifica su qualsiasi terreno in pendenza, indipendentemente dal suo utilizzo.

L’erosione del suolo ha tre effetti principali: perdita del sostegno e dei nutrienti necessari per la crescita delle piante; danni a valle da sedimenti generati dall’erosione; e l’esaurimento della capacità di stoccaggio dell’acqua, a causa della perdita di suolo e della sedimentazione di corsi d’acqua e serbatoi, che si traduce in una ridotta regolazione naturale del flusso del flusso.

La sedimentazione dei corsi d’acqua e dei bacini è spesso all’origine di molti problemi di gestione dell’acqua. Il movimento dei sedimenti e la successiva deposizione nei bacini e nei letti dei fiumi riducono la vita utile dei bacini di stoccaggio dell’acqua, aggravano i danni causati dalle piene, impediscono la navigazione, degradano la qualità dell’acqua, danneggiano le colture e le infrastrutture e provocano un’usura eccessiva delle turbine e delle pompe.

6. Salinizzazione

L’acqua salina è comune nelle regioni aride e i suoli derivati ​​da depositi marini alterati chimicamente (come lo scisto) sono spesso salini. Tuttavia, i suoli salini hanno solitamente ricevuto sali trasportati dall’acqua da altri luoghi. La salinizzazione si verifica più spesso su terreni irrigati a causa di uno scarso controllo dell’acqua. La fonte primaria di sali che impattano sui suoli è la superficie e/o le acque sotterranee. I sali si accumulano a causa dell’inondazione delle terre basse, dell’evaporazione da depressioni prive di sbocchi e dell’innalzamento delle acque sotterranee vicino alla superficie del suolo. La salinizzazione si traduce in un declino della fertilità del suolo o addirittura in una perdita totale di terra per scopi agricoli. In alcuni casi, i terreni agricoli abbandonati a causa di problemi di salinità possono essere soggetti all’erosione dell’acqua e del vento.

L’acqua poco costosa di solito si traduce in un eccesso di irrigazione. Nelle regioni aride, l’acqua sotterranea contenente sale è spesso la principale risorsa idrica. L’impossibilità di valutare correttamente l’acqua proveniente dai progetti di irrigazione può creare una grande domanda per tali progetti e comportare un uso improprio dell’acqua disponibile, causando ristagni e salinizzazione.

7. Un territorio vulnerabile ai cambiamenti climatici

Nel 2014 l’IPCC, che valuta lo stato delle conoscenze sui cambiamenti climatici, ha identificato il Mediterraneo come uno dei 25 punti caldi del cambiamento climatico. È un territorio particolarmente vulnerabile in quanto: 

  • La sua posizione tra due regimi climatici (arido in Nord Africa – temperato in Europa);
  • Le sue specificità geografiche (mare semichiuso circondato da montagne);
  • La sua vasta costa con alto contenuto di cemento e concentrazione di popolazione.

Entro il 2050 è previsto un aumento di 2-3°C nel territorio. Le temperature potrebbero raggiungere i 5°C in più entro il 2100. Attualmente, l’aumento è già più elevato nel bacino del Mediterraneo che nel resto del mondo. C’è stato un aumento di 1,4°C rispetto all’era preindustriale rispetto a 1°C per il mondo intero.

Inoltre, il bacino del Mediterraneo, il cui clima è già piuttosto arido, vedrà le precipitazioni estive diminuire del 25% sulla sponda settentrionale e del 35% su quella meridionale. Gli scenari più pessimistici prevedono una diminuzione del 40% delle precipitazioni entro il 2100 a seconda del paese e della stagione. La riduzione delle precipitazioni è principalmente dovuta all’aumento delle emissioni di gas serra che provocano un maggiore cambiamento climatico. 

Gli eventi di tempesta si intensificheranno, aumentando il rischio di forti inondazioni, che possono essere distruttive per il territorio e la sua biodiversità, e portare a perdite umane ed economiche. Allo stesso modo, la siccità e le ondate di caldo diventeranno più frequenti, portando a un significativo stress idrico nel territorio. 

Il cambiamento climatico potrebbe anche portare allo sviluppo di nuovi rischi, come l’innalzamento del livello del mare, che passerà da 40 cm a 1 m entro la fine del secolo, ma anche l’acidificazione delle acque, causata da un eccessivo assorbimento di anidride carbonica. 

È quindi importante che l’intero bacino del Mediterraneo agisca per uno sviluppo sostenibile e definisca strategie di resilienza e adattamento ai cambiamenti climatici