Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Accelerazione della guarigione ossea nelle donne in menopausa

Avccelerazione guarigione ossea in pazienti anziani

Accelerazione guarigione ossea
Credito: Shutterstock

Le donne anziane guariscono le fratture ossee più lentamente degli uomini. Ora un team ha scoperto che una singola somministrazione localizzata di estrogeni a una frattura può accelerare la guarigione nei topi in postmenopausa. I risultati potrebbero avere implicazioni per il modo in cui le fratture nelle donne verranno trattate in futuro.

Oltre 250.000 fratture dell’anca si verificano ogni anno negli adulti di età pari o superiore a 65 anni negli Stati Uniti, tre quarti dei quali sono donne. Entro un anno, tra il 15 e il 36% dei pazienti con frattura dell’anca morirà. Sebbene sbalorditivo, il divario di genere non sorprende dato che più donne che uomini soffrono di osteoporosi, una malattia che indebolisce le ossa. Eppure, solo di recente la comunità scientifica ha spostato la propria attenzione sulla comprensione di questa differenza.

“La maggior parte della ricerca sulle cellule staminali viene condotta su animali maschi. C’è pochissima ricerca che sia stata effettivamente condotta sulle femmine”, ha affermato Charles Chan, Ph.D., membro della Wu Tsai Alliance, assistente professore di chirurgia presso la Stanford University e co- autore senior dell’articolo pubblicato il 30 ottobre su Nature Communications . “La ricerca è attesa da tempo, in particolare la questione del perché le donne guariscono in modo diverso dagli uomini”.

L’osso è un organo vivente che costruisce e ricostruisce costantemente i suoi tessuti. È anche noto che uomini e donne differiscono nel loro sistema immunitario e che il sistema immunitario di una persona deriva dal midollo osseo , il tessuto spugnoso che contiene le cellule staminali .

Quel pensiero ha portato Chan a indagare sulle cellule staminali come potenziale colpevole dei diversi esiti di guarigione. Per determinare se ci sono differenze nelle cellule staminali scheletriche negli uomini rispetto alle donne, Chan ha collaborato con il dottor George Yang, professore di chirurgia presso l’Università dell’Alabama a Birmingham e co-autore senior dello studio.

La loro intuizione ha avuto successo. Hanno scoperto che le cellule staminali scheletriche di topo e umane dipendono dagli estrogeni e che gli estrogeni regolano direttamente la proliferazione ossea a livello delle cellule staminali. Poiché gli estrogeni provengono tipicamente dalle ovaie, il team ha successivamente rimosso chirurgicamente le ovaie nei topi femmina per indurre uno stato simile alla menopausa. Hanno quindi somministrato estrogeni localizzati a un sito di frattura usando quella che è essenzialmente una pillola polverizzata che viene applicata direttamente sulla ferita.

Il team è stato in grado di ripristinare le cellule staminali scheletriche ai livelli basali e aumentare la guarigione nei topi senza ovaie. Sorprendentemente, il team ha dimostrato che gli estrogeni localizzati hanno anche salvato le cellule staminali scheletriche nei topi femmina in post-menopausa naturale. Tuttavia, le fratture nei topi maschi non hanno risposto alla somministrazione di estrogeni. È qui che entra in gioco il dimorfismo sessuale : gli estrogeni funzionano per le cellule staminali scheletriche femminili, ma non per i maschi.

“Si scopre che queste cellule staminali scheletriche maschili non esprimono lo stesso tipo di recettore degli estrogeni delle femmine”, ha aggiunto Chan. “Esprimono il recettore degli estrogeni 1, ma non 2.”

Mentre le iniezioni di estrogeni nelle donne in menopausa possono aiutare a costruire le loro ossa, gli estrogeni iniettati per via sistemica, piuttosto che localmente, danno origine a rischi come il cancro al seno , il cancro alle ovaie e altro ancora.

“Sapere che le cellule staminali scheletriche esprimono effettivamente i recettori stessi ci consente di trovare una strategia alternativa rispetto agli estrogeni sistemici per il trattamento delle fratture ossee “, ha affermato Chan. “Quindi ora se Nana cade e si rompe i fianchi, possiamo rimettere insieme il suo bacino e localmente rilasceremo degli estrogeni per far guarire l’osso.”

I risultati del team potrebbero un giorno aiutare le donne che soffrono di fratture e osteoporosi, nonché informare gli interventi chirurgici di riaffermazione di genere e gli interventi di implantologia dentale. Chan e il suo team sperano di iniziare presto gli studi clinici.

“Tutto questo è molto eccitante”, ha detto Chan. “Penso che le cellule staminali saranno la chiave per permetterci di ottimizzare la guarigione nei pazienti”.

 

Lascia un commento