Usa il pulsante e con una piccola donazione ricevi il Libro

Io Il Genio della Matematica

By clicking the button below, I agree with the Terms & Conditions.
















RACCOLTA FONDI

RACCOLTA FONDI
Donare significa
Liberare l’Informazione
Liberare la Cultura


I contenuti del sito sono apprezzati, condivisi e consultati con migliaia di lettori potenzialmente interessati alla vostra attività. Potete contattare il Team per inserire un vostro banner.  Quello che chiediamo è solo un contributo spese per il mantenimento del sito. CONTATTATECI

 

Studio rileva rischi sorprendenti per l’infezione da COVID-19

Pazienti con Covid e ultime ricerche

Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico

Un nuovo documento pubblicato su Biology Methods & Protocols esamina i fattori di rischio e le protezioni contro la contrazione di COVID-19 e anche per chi soffre di COVID grave. I ricercatori hanno identificato diverse caratteristiche, tra cui il sesso maschile, l’età inferiore, il gruppo sanguigno B e le dimensioni della famiglia più grandi, che hanno aumentato il rischio di infezione e molte altre caratteristiche, tra cui l’uso della maschera e l’uso di vitamina D, che lo hanno ridotto. Hanno anche identificato le cose che aumentavano o diminuivano il rischio di un decorso grave di COVID-19. Alcuni di questi risultati sono inaspettati.

SARS-CoV-2 ha infettato più di 600 milioni di persone in tutto il mondo, provocando 6,57 milioni di morti confermate. Ma le informazioni sui fattori che influenzano la probabilità di infezione o di soffrire di un decorso grave della malattia rimangono insufficienti e spesso speculative. Gli studi longitudinali preregistrati sui fattori di rischio di infezione sono sorprendentemente rari. Molti fattori come il contatto con gli animali sono stati suggeriti solo su base teorica o discussi in fonti non scientifiche.

Reclutando partecipanti utilizzando siti come Facebook e Twitter, i ricercatori hanno condotto uno studio su 30.000 utenti Internet nella Repubblica Ceca che hanno condiviso informazioni sulla loro esposizione a 105 fattori di rischio per COVID-19. I partecipanti allo studio hanno indicato quali potenziali rischi e fattori protettivi si applicavano a loro. Questi includevano caratteristiche sanitarie e demografiche, nonché informazioni sui loro comportamenti, tra cui l’allevamento di animali, l’assunzione di vitamine e integratori, l’attività sportiva, il nuoto in acque fredde, il canto frequente, l’uso di marijuana , il fumo di tabacco , il vivere da soli, le passeggiate nella natura e volontariato.

Lo studio ha rilevato che, prevedibilmente, alcuni fattori sociodemografici hanno avuto un effetto moderato sui rischi di COVID-19. Le persone che vivevano nelle città più grandi e le persone con livelli di istruzione più elevati, in particolare le donne, avevano un minor rischio di infezione. Le famiglie più numerose e il numero di bambini sotto i 20 anni (negli uomini) erano associati a un rischio più elevato di infezione. Le persone che vivevano da sole avevano un rischio di infezione molto inferiore rispetto a quelle che condividevano una famiglia. I single hanno anche riportato un decorso meno grave di COVID-19. Il livello di istruzione e (nelle donne) anche le dimensioni della famiglia hanno avuto gli effetti protettivi più forti contro un decorso grave o lungo di COVID-19.

Molti comportamenti prevedibili sembravano proteggere le persone dall’infezione, mentre tre fattori – l’essere attivamente coinvolti nello sport, il canto frequente e il nuoto in acque fredde – aumentavano il rischio di infezione. Il fattore protettivo più sostanziale contro l’infezione da COVID-19 era la stretta aderenza all’uso della maschera. Il secondo fattore protettivo più importante era il consumo di vitamine e integratori. Questo studio ha rilevato in particolare che l’assunzione di vitamina D ha fornito una protezione significativa contro l’acquisizione di COVID-19.

Il rispetto del distanziamento sociale e il frequente lavaggio delle mani hanno avuto solo un debole effetto protettivo. Questo studio ha anche indicato che avere sangue di tipo B aumenta il rischio di infezione da COVID-19. Avere gatti o cani come animali domestici non ha influito sul rischio di infezione e ha avuto un effetto positivo per lo più insignificante sul rischio che qualcuno subisca un decorso grave della malattia.

Lo studio ha anche scoperto che il fumo di tabacco e l’uso di marijuana (nelle donne) forniscono un effetto protettivo relativamente forte contro le infezioni. I ricercatori hanno scoperto che l’uso di marijuana e il fumo di tabacco potrebbero anche avere alcuni effetti protettivi contro un decorso grave di COVID-19. Gli effetti protettivi del fumo di tabacco contro le infezioni sono stati riportati in studi precedenti. Tuttavia, la maggior parte degli studi mostra effetti avversi del fumo sul rischio di un decorso grave di COVID-19.

Il risultato più inaspettato dello studio è stata una correlazione positiva tra la maggiore gravità del decorso del COVID-19 e l’aderenza all’uso di mascherine e respiratori e, in misura minore, al mantenimento della distanza sociale. Gli investigatori ipotizzano che ciò sia dovuto al fatto che le persone predisposte a un decorso grave di COVID-19 (coloro che sono in sovrappeso, soffrono di broncopneumopatia cronica ostruttiva o hanno il diabete) hanno cercato di evitare l’infezione e hanno aderito più rigorosamente alle raccomandazioni di salute pubblica su maschere e social distanziamento. Ma quando sono stati infettati, spesso hanno avuto un decorso più grave della malattia a causa dei loro problemi di salute di base.

Lascia un commento